Nico Munuera – La Medida De La Intuición

Monza - 16/03/2017 : 16/05/2017

Il lavoro di Munuera verrà rappresentato in tutti i suoi aspetti, dall'informale al figurativismo astratto derivante da un processo pittorico e geometrico-matematico.

Informazioni

  • Luogo: MAURIZIO CALDIROLA
  • Indirizzo: Via Volta 26 - Monza - Lombardia
  • Quando: dal 16/03/2017 - al 16/05/2017
  • Vernissage: 16/03/2017 ore 19
  • Autori: Nico Munuera
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: su appuntamento

Comunicato stampa

Maurizio Caldirola Arte Contemporanea è lieta di ospitare La medida de la intuición, la prima mostra italana dell'artista valenciano Nico Munuera (Lorca 1974).
La galleria intende presentare, con un nucleo di opere che fanno parte dell'ultima produzione, una mostra ideata appositamente per gli spazi della galleria.

Il lavoro di Munuera verrà rappresentato in tutti i suoi aspetti, dall'informale al figurativismo astratto derivante da un processo pittorico e geometrico-matematico.
Come accade nella tecnica giapponese Mokkotsu (senz'ossa), il colore, che è il protagonista delle opere di Munuera, scorre libero, si espande senza limiti e diviene fluida linfa vitale

Così, seguendo il flusso morbido della vernice, ci ritroviamo immersi in una natura esplovisa fatta di piante e radici, luci e colori.
Daltro canto, fuori dalla tela, Munuera proietta le porzioni definitite nella pittura, creando un impianto geometrico che riconfigura le superfici dello spazio espositivo come a voler misurare, mappare e frammentare il moto continuo e naturale del processo creativo.
Ecco quindi che rigore ed emozione sono i termini di una stessa dialettica felicemente risolta nelle opere dell'artista che, sotto la forma apparentemente statica, contengono al loro interno l'intuizione del passato e del futuro così come la mappatura e la frammentazione sono coniugate nella risoluzione finale dell'intuizione delle sfumature e delle relazioni.
_________________________________________________

Nico Munuera nasce nella città di Lorca (Murcia) nel 1974. Nel 1993 si trasferisce a Valencia, dove inizia gli studi in Belle Arti presso l'Università di San Carlos e durante questo periodo comincia a lavorare assiduamente con le gallerie d'arte e a partecipare a fiere internazionali. Attualmente il suo lavoro fa parte di prestigiose collezioni quali il Ministero della Cultura, Comunità di Madrid,Comunità di Murcia, Fondazione La Caixa, Fondazione Caja de Ahorros del Mediterráneo, Fondazione Coca Cola, Caja Madrid, AENA, Cajasol, Banco Sabadell, il Banco di Spagna, Fondazione Caja Murcia, Fondazione Barrie de la Maza, Chirivella Soriano, Helga de Alvear, Patio Herreriano, Collezione Foster-Ochoa e collezione DKV. Ha ricevuto recentemente una borsa di studio a Berlino “Creazione Artistica” assegnato dalla Caja de Ahorros del Mediterraneo (CAM) e, sopratutto nel 2007 riceve una borsa di studio per la creazione artistica a New York, dal Pintada Fondazione Casa Con il suo lavoro ha partecipato nel 2015 alla mostra Imago Mundi Spagna, Fondazione Cini Giogio, Venezia; Made in Spain, Centro per l'Arte Contemporanea di Malaga (CAC), Malaga. In precedenza, si evidenzia la sua partecipazione alla DKV Collection del Museum of Contemporary Art Union Fenosa (MACUF), La Coruña; To paint or not to paint, Museo di Belle Arti di Murcia (MUBAM); Salzillo XXI, Veronicas Hall, Murcia; Salt & Olio, Gabarron Foundation Carriage, New York; VAC, Instituto Valenciano de Arte Moderno (IVAM), Valencia; Boursiers d'Art, Instituto Cervantes, Parigi.



Maurizio Caldirola Arte Contemporanea is pleased to present the first show in Italy by the Valencian artist Nico Munuera (Lorca, 1974).
The gallery will be presenting, with a nucleus of works from his latest production, a show specifically designed for its rooms.

Munuera’s work will be shown in all its varieties, from his lyrical expressionism to an abstraction derived from pictorial and geometrical-mathematical processes.
As in the case of the Japanese Mokkotsu (boneless) technique, the colour that is the protagonist of Munuera’s work runs free, expands without limits, and becomes a fluid, vital lymph. And so by following the soft flow of the paint we find ourselves immersed in an explosive natural setting of plants and roots, light and colour.
On the other hand, Munuera projects defined portions of painting outside the canvas to create geometric structures that reconfigure the space of the exhibition rooms in order to measure, map, and fragment the continuous and natural energy of his creative process. And so here rigour and feeling are aspects of the same dialectic, a dialectic fully resolved in the artist’s work which, in its apparently static form, contains within itself ideas about the past and the future, just as its mapping and fragmenting are wedded together to give a final resolution to what is only hinted at through nuances and relationships.

------------

Nico Manuera was born in Lorca (Murcia) in 1974. In 1993 he moved to Valencia where he began to study art at San Carlos University; in this period he began to work intensively with various art galleries and to take part in international art fairs. Currently his work is to be found in such prestigious collections as those of the Ministry of Culture, the Community of Madrid, the Community of Murcia, the La Caixa foundation, the Caja de Ahorros del Mediterráneo foundation, the Coca Cola foundation, Caja Madrid, AENA, Cajasol, Banco Sabadell, the Banco di Spagna, the Caja Murcia foundation, the Barrie de la Maza foundation, Chirivella Soriano, Helga de Alvear, Patio Herreriano, the Foster-Ochoa collection, and the DKV collection. Recently he was awarded an “artistic creation” bursary to study in Berlin conferred by the Caja de Ahorros del Mediterraneo (CAM); furthermore, in 2007 he was awarded a study bursary for art creation in New York by the Pintada Fondazione Casa.
His work was to be seen in 2015 in the show Imago Mundi Spagna, at the Fondazione Cini, Venice; and in Made in Spain, the Malaga centre for contemporary art (CAC), Malaga. Mention should also be made of his previous participation in the DKV Collection of the Museum of Contemporary Art Union, Fenosa (MACUF), La Coruña; To paint or not to paint, the Murcia museum of fine art (MUBAM); Salzillo XXI, Veronicas Hall, Murcia; Salt & Olio, the Gabarron Foundation Carriage, New York; VAC, Instituto Valenciano de Arte Moderno (IVAM), Valencia; and Boursiers d'Art, CervantesInstitute, Paris.