Nanni Balestrini – Tristanoil

Torino - 24/01/2013 : 02/03/2013

La Galleria Martano è lieta di presentare Tristanoil di Nanni Balestrini, il film più lungo del mondo.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA MARTANO
  • Indirizzo: Via Principe Amedeo 29 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 24/01/2013 - al 02/03/2013
  • Vernissage: 24/01/2013 ore 18
  • Autori: Nanni Balestrini
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da lunedì a sabato, con orario 15-19. Mattino su appuntamento

Comunicato stampa

La Galleria Martano è lieta di presentare Tristanoil di Nanni Balestrini, il film più lungo del mondo. Invitato a Documenta13 a Kassel, il film è stato proiettato per 100 giorni/2400 ore, ed ora prosegue senza interruzione con un nuovo ciclo di proiezioni per la durata di un anno in una serie di spazi espositivi italiani: Fondazione Marconi di Milano, Galleria Frittelli di Firenze, Museo Macro, Roma, Galleria Mazzoli di Modena, Fondazione Morra di Napoli, Palazzo Ducale di Genova. La proiezione è accompagnata da una serie di opere su tela tratte da immagini del film



"Tristanoil" è un film generato attraverso un computer che riassembla, in sequenze di 10 minuti ciascuna, oltre 150 clip video in modo che ogni sequenza sia diversa dall'altra pur trattando il medesimo argomento: la distruzione del pianeta attraverso un uso predatorio delle sue risorse.

I brani video selezionati da "Dallas", news di disastri ecologici, immagini della borsa, di sfruttamento, di miseria, di guerra, emergono amalgamandosi da un flusso di petrolio dorato che le omologa e le riconfigura in un gioco combinatorio ipoteticamente infinito.

All’origine del progetto è il romanzo combinatorio Tristano di Balestrini, pubblicato nel 2007 in copie ognuna diversa dall’altra grazie a un procedimento combinatorio. “Già in quel romanzo, tutto costruito sul montaggio potenzialmente infinito di materiali linguistici variegatissimi, Balestrini mirava a minare l’idea della serialità della merce e dunque dell’opera d’arte ridotta alla stregua di un prodotto industriale standardizzato. […] Tristanoil è un’opera epica di resistenza tragica, e proprio la sua durata abnorme lo rende potente. Nessuno di noi potrà mai vedere per intero questo film-evento, perché il farlo comporterebbe sospendere la nostra esistenza. E’ un’opera che possiamo abbracciare per frammenti, come a rimarcare l’incommensurabilità tra il nostro potere individuale e quello del sistema che ci sovrasta. E’ uno spettatore collettivo quello cui Balestrini si rivolge, una comunità, come a dire che solo unendo le nostre singole esperienze possiamo davvero maturare una coscienza del presente.” (Gian Maria Annovi, Il Manifesto).

Nanni Balestrini nasce a Milano nel 1935. E’ stato tra gli animatori della stagione della Neoavanguardia, ha fatto parte dei poeti Novissimi e del Gruppo 63. Per primo ha realizzato nel 1961
poesie con computer. E’ stato parte attiva delle riviste il Verri, Quindici e Alfabeta.
E’ autore del ciclo di poesie sulla Signorina Richmond e della trilogia di romanzi La Grande Rivolta
che comprende Vogliamo tutto, Gli invisibili e L’editore) sulle lotte del movimento negli anni ’70.
Recentemente ha pubblicato il libro di poesia Caosmogonia.
Parallelamente alla produzione letteraria ha sviluppato un’intensa ricerca in campo visivo, a partire
dalla collaborazione con Piero Manzoni ad Azymuth, documentata nella monografia Con gli occhi del
linguaggio, e ha partecipato a numerose mostre in Italia e all’estero.
Una documentata bibliografia è disponibile in galleria insieme a documenti, cataloghi ed edizioni.

Nanni Balestrini, Tristanoil. Videoart: Giacomo Verde; Software: Vittorio Pellegrineschi; Soundscape: Morgan
Bennet; Image Search: NABA Visual, Multimedia and Performing Arts Dpt coordinated by Maresa Lippolis