Nana Wolke – Some Girls Wander by Mistake

Vicenza - 30/09/2021 : 04/01/2022

La Fondazione Coppola presenta la sua prossima attività espositiva: la mostra della giovane artista emergente Nana Wolke (Lubiana, 1994).

Informazioni

  • Luogo: FONDAZIONE COPPOLA
  • Indirizzo: Torrione di Vicenza, corso Palladio 1 - Vicenza - Veneto
  • Quando: dal 30/09/2021 - al 04/01/2022
  • Vernissage: 30/09/2021
  • Autori: Nana Wolke
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Biglietti: Ingresso € 5,00 Ridotto per gli over 65 € 4,00 Gratuito per gli under 18 e per i giornalisti accreditati in possesso di tessera stampa in corso di validità.

Comunicato stampa

La Fondazione Coppola presenta la sua prossima attività espositiva: la mostra della giovane artista emergente Nana Wolke (Lubiana, 1994). La mostra aprirà al pubblico dal 30 settembre 2021 al 4 gennaio 2022.

Articolata nel sesto piano del Torrione, da dove si può scorgere una delle viste più affascinanti di Vicenza, la mostra riflette sui temi della distanza, del sesso, dell’amicizia e dell’illeggibilità

Nel momento in cui Wolke compie 27 anni, un anno che si annuncia tanto come un inizio quanto come una fine glorificata di tutto, l’artista rivisita brevi scene sia personali che di fantasia, ma soprattutto scorci che non possono più essere identificati come l'uno o l'altro, persi nella seduzione dell'immagine culturale e nell'inaffidabilità della propria memoria. In un ostinato tentativo di riconoscere questa realtà frammentaria, il punto di partenza di ogni lavoro è la rimessa in scena fotografica di scene incentrate sulla luce e sul punto di vista, permettendo una danza, o a volte un inciampo nel migliore dei casi, tra le narrazioni. La premessa della mostra viene eloquentemente enunciata da questo passo:

[...] Le estati facevano a gara con le ere geologiche in cui i paesaggi si spostano e si deformano, increspando la pelle, rendendo la nostra voce più rauca a causa delle sigarette e il bourbon. Sprofondavamo nel divano verde oliva, la luce gialla mostrava la polvere che si sollevava intorno a noi mentre sfogliavamo una pila di libri porno morbidi, divertendoci ed eccitandoci con parole incomplete a buon mercato di alcuni tizi che si cimentavano nella stessa cosa davanti a noi... […]

Questa codipendenza di desiderio e vergogna è il criterio di Nana Wolke per il concepimento delle scene, ogni quadro è il desiderio di prolungare un momento nel tempo.