Mutiazioni

Napoli - 19/02/2016 : 27/05/2016

Rassegna di cinema muto sonorizzato dal vivo con seminari sui film.

Informazioni

  • Luogo: EX ASILO FILANGIERI
  • Indirizzo: Vico Giuseppe Maffei 4 - Napoli - Campania
  • Quando: dal 19/02/2016 - al 27/05/2016
  • Vernissage: 19/02/2016 ore 21.30
  • Generi: musica, cinema

Comunicato stampa

Preceduto dal seminario di mercoledì 17, ha inizio venerdì 19 febbraio alle ore 21:30 Mutiazioni, la rassegna di cinema muto sonorizzato dal vivo. Prima pellicola proiettata, L'Inferno del 1911, con cui si cimenteranno i Sineterra, formazione del trombettista californiano Charles Ferris ben nota al pubblico napoletano. In apertura, il corto girato dal collettivo Dutch Angle, a sua volta sonorizzato da due sassofonisti di area free jazz, Antonio Raia e Nicola Rando.

Nato da alcune esperienze fatte all'Asilo nel corso del 2015 - Das Cabinett des Dr

Caligari sonorizzato da Ensemble Dissonanzen, Nosferatu e Le voyage dans la Lune sonorizzati da NISE, la Silent Session del Kino Cabaret - il progetto Mutiazioni ha inteso creare intorno all'idea di sonorizzazione di film muti un articolato intreccio di contributi.
Infatti, sono stati innanzitutto invitati a cimentarsi con ciascuno dei cinque classici del cinema muto scelti, altrettanti progetti musicali stabili. Inoltre, cineasti e videomaker sono stati invitati a produrre un cortometraggio ispirato al tema della pellicola programmata, da proiettare in apertura, e sonorizzati da altri musicisti in solo o in duo. Infine, è stata prevista una serie di seminari introduttivi a ciascuna opera a cura di Alessandro Stile, che avranno luogo, sempre all'Asilo, due giorni prima delle proiezioni.
Siamo dell'idea che la sonorizzazione dal vivo crei nuove strade per percorrere le immagini cult e ci avvicini alla fruizione originale del cinema muto.


Programma generale della rassegna:
• venerdì 19 febbraio ore 21:30
L'inferno di Francesco Bertolini, Giuseppe de Liguoro, Adolfo Padovan (1911)
Sonorizzato da sineterra
corto di apertura di Dutch Angle sonorizzato da Antonio Raia e Nicola Rando
• venerdì 4 marzo ore 21:30
Odissea di Giuseppe de Liguoro, Francesco Bertolini, Adolfo Padovan (1911)
sonorizzato da Nino Bruno e le Otto Tracce
• venerdì 8 aprile ore 21:30
Cabiria di Giovanni Pastrone (1914)
sonorizzato da Crossroads Improring
corto di apertura di Bruno Fiengo sonorizzato da Francesco Giangrande
• venerdì 6 maggio ore 21:30
Intolerance di David Wark Griffith (1916)
sonorizzato da Buddha Superoverdrive
corto di apertura di Andrea Maioli (Kanaka Project) sonorizzato da Matz!
• venerdì 27 maggio ore 21:30
L'uomo con la macchina da presa di Dziga Vertov (1929)
sonorizzato da Ciro Longobardi
corto di apertura di Salvatore Polizzi sonorizzato da Fanali (Michele De Finis e Jonathan Maurano)

Le proiezioni saranno precedute due giorni prima da seminari sui film a cura di Alessandro Stile
• mercoledì 17 febbraio ore 18:30: L'inferno e Odissea
• mercoledì 6 aprile ore 18:30: Cabiria
• mercoledì 4 maggio ore 18:30: Intolerance
• mercoledì 25 maggio ore 18:30: L'uomo con la macchina da presa

link al sito
http://www.exasilofilangieri.it/mutiazioni/

evento Facebook
https://www.facebook.com/events/104529623268937/

promo video
https://youtu.be/xuMBynkPKIQ

L'Asilo è un'officina di cultura autogovernata e interdipendente gestita da una comunità aperta, plurale e mutevole di lavoratrici e lavoratori dello spettacolo e della cultura. Una nuova istituzione basata su una pratica di gestione condivisa e partecipata, in analogia con gli usi civici: una diversa fruizione di un bene pubblico non più basata sull’assegnazione ad un determinato soggetto privato, ma aperto a tutti quei soggetti che lavorano nel campo della cultura e che, in maniera orizzontale e trasparente, condividono i progetti e coabitano gli spazi.
Prove aperte, laboratori incontri di teatro e filosofia, confronto con gli artisti: in ambito musicale l'Asilo favorisce il confronto tra artisti e mira a costruire un pubblico più consapevole ed esigente.

Le proiezioni e gli incontri, come sempre all'Asilo, sono ad ingresso libero. È gradito un contributo a piacere che serve ad abbattere le spese minime e a dotare gli spazi dei mezzi di produzione necessari ai lavoratori dello spettacolo, dell’arte e della cultura per portare avanti la sperimentazione politica, giuridica e culturale avviata all’Asilo.