Mr Di Maggio / Twoone – Imperfections Reflections

Milano - 08/10/2015 : 08/11/2015

Avantgarden Gallery a Milano presenta: Imperfections Reflections, doppia personale di Mr Di Maggio e Twoone, pseudonimo di Hiroyasu Tsury.

Informazioni

  • Luogo: AVANTGARDEN - GALLERY
  • Indirizzo: Via Tertulliano 68 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 08/10/2015 - al 08/11/2015
  • Vernissage: 08/10/2015 ore 18,30
  • Autori: Mr Di Maggio, Twoone
  • Generi: arte contemporanea, doppia personale
  • Orari: da martedì a venerdì dalle 14:00 alle 19:00 Sabato dalle 15:00 alle 19:00.
  • Uffici stampa: CH2

Comunicato stampa

Giovedì 8 Ottobre Avantgarden Gallery a Milano presenta: Imperfections Reflections, doppia personale di Mr Di Maggio e Twoone, pseudonimo di Hiroyasu Tsury .

Due personalità diverse ma accomunate da un medesimo approccio introspettivo denso di rimandi psicologici: entrambi compiono un viaggio nel proprio inconscio per un faccia a faccia con il proprio lato oscuro, due artisti che attraverso il linguaggio della street art ci parlano di loro e forse anche un po’ di noi



Da Avantgarden Gallery, Mr Di Maggio e Twoone, ognuno con il proprio inconfondibile segno, esporranno una serie di lavori inediti che rappresentano un omaggio al concetto di bello.
Non si tratta però del concetto di bellezza canonica e oggettiva, bensì del suo contrario: i due artisti s’interessano all’imperfezione, che per quanto cruda risulta magnifica proprio perché vera ed autentica in quanto non necessita di camouflage. Tematica quanto mai attuale in questa società che promette l’eterna giovinezza e vede il bello nel finto e nell’illusione.

Twoone è un artista giapponese che da anni lavora in Australia, dove è famoso per i suoi murales di grande impatto emotivo e per i suoi disegni in cui racconta il suo mondo interiore. Le sue opere sono popolate da maschere che sembrano veri e propri ritratti psicologici. I suoi soggetti antropomorfi, figure umane che si mescolano al mondo animale dai tratti spesso inquietanti, simboleggiano le istanze più istintuali e viscerali che si integrano a quelle più razionali.
L’artista indaga l’essenza, vuole arrivare al principio. La sua produzione è caratterizzata da immagini simboliche, a volte macabre, come i teschi, dai colori forti e dai tratti decisi, icona dell’eterno tema del “Memento mori” che costella l’Arte sin dai tempi più antichi. Il suo essere figurativo si fonde perfettamente con un forte impulso all’astratto. I suoi murales potrebbero essere le tavole di un trattato psicologico.

Mr Di Maggio invece vive a Milano ma ha alle spalle numerose esperienze estere.
Guardare le sue opere significa incontrare la sua anima, con le sue ossessioni, le sue passioni o i suoi quesiti. Nella sua produzione ritroviamo il suo articolato e bizzarro universo: i suoi viaggi, l’amore per la bicicletta, la sua barba, la famiglia, gli amici, i suoi interrogativi o insicurezze. I personaggi di Mr Di Maggio sono a volte forti altre volte fragili, rappresentano le contraddizioni e le sfaccettature dell’animo umano: angosce, dubbi, fantasie e sogni (o incubi?).
Come afferma Monica Fornaciari “…i suoi lavori sono dei perfetti meccanismi di ricerca interiore, sono la sublimazione di ansie e paure, determinate da un segno deciso e, al contempo, delicato e riguardoso. I suoi lavori partono dalla pancia e se ritocca non è per ammorbidire un concetto, ma solo per renderlo ancora più comprensibile e, a volte, duro. Disegnare, per lui, è ricordare e vivere insieme”.