Modi di vedere

Milano - 11/03/2014 : 11/03/2014

Giornata di studi dal titolo: Modi di vedere. Forme di divulgazione artistica nella televisione italiana.

Informazioni

Comunicato stampa

n che modo la televisione italiana, un mezzo di comunicazione da sempre considerato basso e popolare, vero condensato della cultura di massa, ha raccontato una forma espressiva “alta e nobile” come l’arte? Esiste un pubblico per l’arte in tv, e che profilo ha? Quali linguaggi, quali format e programmi, quali figure rappresentative hanno segnato la storia del complesso rapporto tra queste due forme di comunicazione, dai primi esperimenti “accademici” del Servizio Pubblico delle origini, passando per la rivoluzione spettacolare della televisione commerciale, fino allo specifico dei canali tematici digitali? A queste e altre domande proverà a rispondere la giornata di studi “Modi di vedere. Forme di divulgazione artistica nella televisione italiana”, organizzata per l'11 marzo 2014, presso La Triennale, dalle Università IULM e Cattolica di Milano, e curata da Aldo Grasso e Vincenzo Trione.
Anche in occasione della ricorrenza, nel 2014, dei sessant’anni di vita della tv italiana, la giornata riunirà per la prima volta i più importanti specialisti sul tema: studiosi di media e di arte (tra gli altri Mario Abis, Tommaso Casini, Martina Corgnati, Massimiliano Panarari, Massimo Scaglioni), insieme ai professionisti del piccolo schermo (provenienti da Rai, Sky e Mediaset) che si sono occupati in prima persona, e da diversi punti di vista, dei programmi dedicati al racconto dell’arte in televisione. Critici d’arte e divulgatori sono stati chiamati, attraverso videointerviste, a testimoniare il loro rapporto con il piccolo schermo e il loro punto di vista sul ruolo della televisione nel far conoscere e rappresentare l’arte. Pif interverrà a raccontare la puntata de Il Testimone dedicata all’arte contemporanea.
Gli interventi dei partecipanti rifletteranno sull’idea di arte che la tv italiana ha, nel tempo, filtrato per il suo pubblico. Indagheranno su come la televisione ha influito sulla figura e sul ruolo dello storico dell’arte e dell’artista, spesso trasformandoli in icone popolari. E si soffermeranno sui diversi generi espressivi con cui il racconto dell’arte in tv ha dialogato, dalla fiction all’inchiesta, dal documentario al magazine informativo.
Correderanno il dibattito alcune installazioni video, realizzate in partnership con i broadcaster Rai, Mediaset e Sky, che ripercorreranno attraverso le immagini la storia dei programmi sull’arte nella tv italiana dagli anni Cinquanta a oggi.


PROGRAMMA DEL CONVEGNO

ore 9.30
presiede Aldo Grasso

Franco Anelli, Rettore Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano
Giovanni Puglisi, Rettore IULM, Milano
Claudio De Albertis, Presidente della Triennale di Milano

Relazioni
Aldo Grasso, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano
Piccolo schermo e arte, tra divulgazione e good story

Vincenzo Trione, IULM, Milano
La strategia dell’assimilazione. Televisione contro arte

Massimiliano Panarari, Università di Modena e Reggio Emilia
Il critico d'arte dentro il tubo catodico. Fenomenologia e costruzione di una neo-icona pop


Martina Corgnati (Accademia Albertina di Belle Arti di Torino) e Giuliana C. Galvagno (Università degli Studi di Torino)
L'arte in quiz

Interventi
Veronica Gaia di Orio, IULM, Milano
Lo sguardo della critica. Il documentario d’arte nella televisione italiana

Cecilia Penati, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano
Art entertainment e oltre. Nuovi linguaggi e problemi dell’arte nella tv digitale



ore 14.30
presiede Vincenzo Trione

Relazioni
Massimo Scaglioni, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano
L’ossimoro perfetto. I destini dell’arte nella tv commerciale italiana

Mario Abis, IULM, Milano
Arte, tv e pubblico

Tommaso Casini, IULM, Milano
Critici d’arte in TV: origine, ricerca e divulgazione di nuovi linguaggi


Interventi
Anna Luigia De Simone, IULM, Milano
Dentro l'immagine. Come si guarda un quadro in televisione

Rachele Ferrario, Accademia di Belle Arti di Brera, Milano
Gli artisti e la televisione: una “relazione pericolosa”

Intervista
Serena Danna, giornalista “Corriere della Sera” in dialogo con Pierfrancesco Diliberto (Pif)


Tavola rotonda
Stefano Bucci, giornalista “Corriere della Sera”, moderatore
Roberto Pisoni, Direttore Sky Arte
Paolo Giaccio, Vicedirettore Rai 5
Giuseppe Feyles, Direttore Rete 4
Stefano Lucchini, Direttore Relazioni Esterne e Internazionali ENI