Mimmo Paladino per Florens 2012

Firenze - 03/11/2012 : 03/11/2012

Sarà inaugurata l’opera site-specific concepita per Florens 2012 dall’artista Mimmo Paladino e ideata appositamente per Piazza Santa Croce: una gigantesca croce di 80x50 metri realizzata disponendo davanti alla basilica francescana più di 50 blocchi di marmo estratti dalle cave di Carrara, diversi per dimensioni (dai 2 metri ai 4 metri di altezza), peso (alcuni fino a 38 tonnellate), forma e colore.

Informazioni

Comunicato stampa

Florens 2012
Biennale Internazionale dei Beni Culturali e Ambientali
Firenze, dal 3 all’11 novembre si trasforma
in un laboratorio globale di economia e cultura


Monumentale installazione di Mimmo Paladino per Piazza Santa Croce

Inaugurazione sabato 3 novembre alle 15


“Cultura, qualità della vita” è il titolo della seconda edizione della Biennale Internazionale dei Beni Culturali e Ambientali, Florens 2012, che si svolgerà dal 3 all’11 novembre a Firenze (www.fondazioneflorens.it)



Dopo il successo della scorsa edizione con oltre 200.000 presenze, quest’anno nove giornate dedicate alla cultura, all’ambiente e all’economia, 3 giorni di Forum Internazionale, più di 40 convegni e tavole rotonde, 6 lectio magistralis, mostre e installazioni urbane con oltre 350 relatori da tutto il mondo coinvolgeranno l’intera città.

Sabato 3 novembre alle 15 sarà inaugurata l’opera site-specific concepita per Florens 2012 dall’artista Mimmo Paladino e ideata appositamente per Piazza Santa Croce: una gigantesca croce di 80x50 metri realizzata disponendo davanti alla basilica francescana più di 50 blocchi di marmo estratti dalle cave di Carrara, diversi per dimensioni (dai 2 metri ai 4 metri di altezza), peso (alcuni fino a 38 tonnellate), forma e colore. Su ogni blocco Paladino inciderà e tratteggerà segni arcaici, volti, arti, cifre e lettere: tutti elementi che contraddistinguono il suo linguaggio figurativo e attraverso cui Paladino affronta ed esplora i simboli e le iconografie cristiane da cui trarre ispirazione. La monumentale croce entrerà in dialogo con la facciata ottocentesca di Santa Croce e sarà percepibile nella sua interezza dal sagrato e dalle finestre dei palazzi mentre l’invaso della piazza sarà coperto con un tappeto di ciottoli bianchi dell’estensione di circa 4000 metri quadrati: un candido manto di marmo che rifletterà la luce del sole e quella artificiale notturna trasformando piazza Santa Croce in uno specchio di spiritualità e arte, un immenso foglio bianco su cui Paladino ha immaginato di disporre i blocchi in forma di croce.
Il progetto, a cura di Pino Brugellis e Sergio Risaliti, associa l’universalità del simbolo cristiano alla contemporaneità del patrimonio artistico che in questa occasione viene re-interpretato offrendo una nuova esperienza della piazza e restituendola ad una sua originaria identità, quella di spazio pubblico, e, insieme, di spazio sacro: le pietre impressioneranno con la loro mole lo sguardo dei cittadini, attratti all’interno della croce come in un labirinto o in un sacro recinto dei primordi.
Non è la prima volta che l’artista realizza un’opera monumentale: già nel 1995 a Napoli in piazza Plebiscito l’artista aveva innalzato una Montagna di sale che divenne un’installazione ambientale, un oggetto di culto collettivo, vissuto e saccheggiato dagli stessi abitanti di Napoli che portarono via il sale a scopo scaramantico.



Ora, l’opera di Piazza Santa Croce si confronterà a distanza con simili iniziative organizzate in passato a Parigi (Monumenta-Grand Palais) e all'interno della Tate di Londra (Unilever Series), ma in quel caso le opere esistevano all'interno di spazi chiusi e in contesti industriali; qui invece la croce sfida lo spazio pubblico all’aperto, dialogando con la sacralità del contesto e la sua aura rinascimentale.

I blocchi di marmo saranno forniti dall’azienda di escavazione e lavorazione di materiali lapidei Henraux di Querceta.


La manifestazione è ideata da Giovanni Gentile, Presidente della Fondazione Florens, i cui soci fondatori sono: Intesa Sanpaolo, Banca CR Firenze, Confindustria Firenze, CNA Firenze e APPS Associazione Partners Palazzo Strozzi.

La direzione culturale del Forum Internazionale e delle tavole rotonde è a cura di Mauro Agnoletti, esperto di pianificazione del territorio e del paesaggio, Andrea Carandini, archeologo e Walter Santagata, economista.
La direzione artistica è affidata a Davide Rampello.