Michele Toppetti – L’artista armato

Todi - 05/05/2012 : 23/05/2012

L’artista armato. Omaggio a Michele Toppetti. Mostra personale

Informazioni

Comunicato stampa

Scapigliato, anche se a lui sarebbe piaciuto maledetto, in senso Romantico

A volte chiuso nell’interiorizzazione. Sturm und Drang. Tempesta e impeto

Sempre nichilista, a volte lucido come un futurista. La guerra, sola igiene del mondo

A volte cinico, Pulp, come i suoi miti letterari Fante, e Bukowski

Spirito dionisiaco


Con diverse temperie, sono “bollettini di guerra”, le opere di Michele Toppetti

Guerra nel mondo, guerra con il mondo, guerra interiore

Come tutte le guerre, ha i suoi “Dei”, spirituali o laici

Dei da combattere, Dei da eleggere a guida, nel confronto continuo con l’assoluto

Stalin, Gesù, Bin Laden, Padre Pio, Pasolini. Anche l’Io, “M”



Questo c’è, nel grande disegnatore, nel grande cesellatore, nello scenografo dell’esistenza

Dai primi Sudari di colore, alle ultime mappe simboliche, ancora oggi aperte…



Massimo Mattioli

--

Michele Toppetti è nato a Todi nel 1970, ed ha frequentato l’Istituto d’arte a Perugia e poi a Roma. Nel 1990 ha esposto nella rassegnaIncandescenze presso le ex Officine Bosco di Terni. Successivamente ha partecipato a numerose personali e collettive, fra cui Agosto Corcianese, Corciano, 1995; Palazzo della Versiliana, Marina di Pietrasanta, 1997; Premio Lissone, Lissone, 2000 (vincitore del Primo Premio di Stima) ; Palestrina, Museo etrusco, 2001; Milano, Galleria Santabarbara, 2001e 2002; Milano, Galleria Ventìcorrenti, 2003. Nel 1998 ha realizzato il manifesto ufficiale per il Todi Festival, nell’ambito del quale ha allestito una personale. È morto a Todi nel 2011.