Michael Johansson – Still Lifes

Milano - 18/12/2012 : 23/02/2013

In mostra accorpamenti di oggetti d'uso quotidiano privati di significato e funzione originari, astratti dal tempo e dallo spazio, scomposti, incastrati e ricomposti per dare vita a nuovi oggetti con un significato altro, tipico della poetica dell’artista affascinato dall’astrazione di contenuti poi concretizzati in forme geometriche nuove, immobili.

Informazioni

  • Luogo: THE FLAT - MASSIMO CARASI
  • Indirizzo: Via Paolo Frisi 3 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 18/12/2012 - al 23/02/2013
  • Vernissage: 18/12/2012 ore 18.30
  • Autori: Michael Johansson
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al sabato ore 14.00 - 19.30 o su appuntamento

Comunicato stampa

The Flat-Massimo Carasi è orgogliosa di presentare la seconda e attesa personale dell’artista svedese Michael Johansson (Malmö 75) dal titolo Still Lifes.
In mostra accorpamenti di oggetti d'uso quotidiano privati di significato e funzione originari, astratti dal tempo e dallo spazio, scomposti, incastrati e ricomposti per dare vita a nuovi oggetti con un significato altro, tipico della poetica dell’artista affascinato dall’astrazione di contenuti poi concretizzati in forme geometriche nuove, immobili

I suoi Still lifes (nature morte), costruiti con sapienza, giocano con la percezione umana chiamata ad elaborarli e trasformarli in nuove associazioni, traducendo l’irrealtà delle composizioni in una realtà veritiera e tangibile. Pertanto, l’immobilità sottesa alla tradizione dello still life si riflette e si esprime nelle composizioni di Johansson che suscitano una sensazione di atemporalità.
Ma questa volta la maniacale ricerca geometrica si fonde con lo studio approfondito dei colori, delle loro possibili combinazioni e disposizioni spaziali per giungere a forme sempre più astratte. Così, la prima grande installazione intitolata Still Life è costituita da sei mobili e complementi d’arredo che alternano colori primari e complementari, dando vita ad un accorpamento di oggetti al cui centro un vuoto asettico invita ad essere colmato grazie all’interazione immaginativa e percettiva dello spettatore.
Le sculture cubiche proseguono la ricerca cromatica espressa in forme pure a se stanti, in cui lo scorrere del tempo è bloccato come in un’istantanea che permette di osservare le numerose tonalità di uno stesso colore. L’insieme crea una struttura nella quale ogni opera presenta tonalità differenti che creano il degradare dei colori nello spazio.
A completare la mostra, due opere della serie del kit di montaggio Strings Attached contrapposte alle precedenti per la monocromia che ne sottolinea la fissità.
La percezione globale che si ha dell’ambiente, dal particolare al generale, è come un riassunto visivo di tante vite catturate nell’immobilità della composizione, Still Lifes appunto.
Elisabetta Bolasco
Michael Johansson, born 1975 in Trollhättan, Sweden.

SELECTED SOLO EXHIBITIONS
2013 - Vigeland-museet, Oslo (NO) upcoming March // 2012 Still Lifes, The Flat – Massimo Carasi, Milan (IT) // 2011 Recollection, Ystad Konstmuseum, Ystad (SE) / Luleå Konsthall, Luleå (SE) / Familiar Abstractions, The Flat – Massimo Carasi, Milan (IT) // 2010 TÄTT, Växjö Konsthall (SE) / Galerie Ramakers, Den Haag (NL) / Triptyk, Galleri 21, Malmö (SE) / Haninge Konsthall (SE) // 2009 Østfold Kunstnersenter, Fredrikstad (NO) / Galleri Arnstedt, Östra Karup (SE) / Akershus Kunstnersenter, Lillestrøm (NO) // 2008 Cuboids. Trøndelag Senter for Samtidskunt, Trondheim (NO) / Strings Attached, Galerie Hartwich, Rügen (DE) / Strings Attached, Nordin Gallery, Stockholm (SE) // 2007 Örnsköldsviks Konsthall (SE) // Nollställt, Konsthallen Trollhättan (SE)
SELECTED GROUP EXHIBITIONS
2012 Koganecho Bazaar, Yokohama (JP) / Beaufort04, Triennial of Contemporary Art by the Sea, Zeebrugge (BE) / Déjà vu, Turku Art Museum (FI) // 2011 Space Invaders, Nikolaj Kunsthal, Copenhagen (DK) / Norsk Skulpturbiennale, Vigeland-museet, Oslo (NO) / La Vie Mode d'Emploi, Meessen De Clercq, Brussels (BE) / Overlap. Den Frie Kunstbygning, Copenhagen (DK) // 2010 Spår, Malmö Konstmuseum, Malmö, (SE) / BGO1, Bergen Kunstmuseum, Bergen (NO) / Space Invaders, Netherlands Media Art Institute, Amsterdam (NL) / Moscow International Biennual for Young Art, Moscow Museum of Modern Art (RU) / Umedalen Skulptur, Galleri Andersson/Sandström, Umeå (SE) / Meaning of Void, Galleri Christoffer Egelund, Copenhagen (DK) // 2009 Space Invaders, FACT, Liverpool (UK) / Alma Löv Museum, Ö Ämtervik (SE) / Truth or Dare, Århus Kunstbygning, Århus (DK) // 2008 Galleri Flach+Thulin, Stockholm (SE) / The Real Thing, Malmö Konstmuseum (SE) / Paso Doble, Gallery MKC, Split (HR) / For a Happier Tomorrow, Galleri Tom Christoffersen, Copenhagen (DK) // 2007 Pumphusets Konsthall, Landskrona (SE) / Arnstedt & Kullgren, Östra Karup (SE)
SELECTED COLLECTIONS
Malmö Art Museum (SE) // West Collection (US) // Statens Konstråd (SE) // The Von Bartha Collection (CH) // Örnsköldsviks Museum & Konsthall (SE) // Art Council Norway (NO)