Meital Katz-Minerbo – The Invisibility of Plants

Roma - 19/06/2018 : 07/09/2018

Seconda personale in galleria di Meital Katz-Minerbo, artista israeliana di stanza a Tel Aviv.

Informazioni

  • Luogo: THE GALLERY APART
  • Indirizzo: via Francesco Negri 43 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 19/06/2018 - al 07/09/2018
  • Vernissage: 19/06/2018 ore 18
  • Autori: Meital Katz-Minerbo
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: mar-sab 15-19 o su appuntamento

Comunicato stampa

The Gallery Apart è orgogliosa di presentare The Invisibility of Plants, la seconda personale in galleria di Meital Katz-Minerbo, artista israeliana di stanza a Tel Aviv


L’artista prosegue la sua indagine intorno ad alcuni concetti chiave nella storia e nella cronaca del suo Paese ma che toccano temi sensibili per l’intera umanità: sottolinea il rapporto tra i generi attraverso una evidenziazione ironica di atteggiamenti propri della rappresentazione dell’egemonia maschile; interroga il significato di abitazione e di territorio, in relazione ai concetti di mobilità, stanzialità e nomadismo, mettendo in risalto l’etica, soprattutto con riferimento alla sua assenza; individua nell’uso del corpo uno strumento di posizionamento sociale mediante gli indumenti e gli accessori utilizzati per coprirlo ed adornarlo, come se il corpo fosse una piattaforma di dialogo fra uomini, oggetti e ambienti.
Per indurci ad interrogarci su queste tematiche, Katz-Minerbo ha dato vita negli ultimi due anni a Cactus Man, un personaggio divenuto centrale nella pratica dell’artista focalizzata sul dare rappresentazioni visive a definizioni di alterità. Cactus Man è una fusione tra una pianta e un essere umano. Malgrado l’aspetto mostruoso, si colloca ad un livello sociale alto. Cactus Man si muove agilmente e con grande versatilità all’interno delle strutture capitalistiche che gli garantiscono benessere. Cactus Man è un ladro. La sua pelle è infinita, per questo la sua forma non ha limiti. I vestiti sono la sua pelle; coprono la sua aberrante parvenza fino al punto da renderlo difficilmente riconoscibile. Ha due voci, con due accenti diversi, che emettono suoni che evocano due epoche distinte. Cactus Man è una forma vuota pronta per essere riempita.
Cactus Man si appropria degli spazi della galleria, li occupa temporaneamente come impone il suo stile improntato a mobilità e in linea con le sue concezioni perennemente mutevoli di territorio e corpo. Una serie di oggetti personali sono disseminati nello spazio della galleria, alludendo a uno luogo domestico e segnando le diverse aree di una casa specifica e sconosciuta: una sala da pranzo, una camera da letto e un seminterrato. Il gruppo di oggetti può essere facilmente messo in una valigia per essere trasportato dalla residenza attuale alla successiva dove verrà nuovamente visualizzato, mantenendo sempre lo stesso senso di familiarità. Non è la tradizionale casa sedentaria. Katz-Minerbo presenta una casa in perenne movimento, un'idea nomade di una casa che appartiene a un soggetto nomade.
Al pianterreno la casa è strutturata come una normale abitazione privata, con un letto a richiamare la natura umana di Cactus Man. E poi la zona giorno, con opere alle pareti, indumenti appesi all’appendiabiti, uno specchio, mensole dove svuotare le tasche e un grande tavolo stracolmo di accessori, oggetti personali e quant’altro Cactus Man utilizza per regolare la sua relazione col mondo. Il basement invece è buio e cupo, quale area meno definita della casa rappresenta il lato oscuro di Cactus Man. E’ la stanza dove il Capitale partecipa alle transazioni commerciali. Due sedie posizionate nello spazio a richiamarne il carattere di deposito insieme a pile di dipinti e una luce fioca che emana da uno specchio e da una scultura sono la testimonianza dell’attività che si svolge all’interno dello spazio stesso.
The Invisibility of Plants offre una interpretazione originale, ancorché traslata mediante il personaggio Cactus Man, di una urgenza intellettuale che interroga la contemporaneità sottolinenando la fine dell’antropocentrismo. Attraverso il prisma della critica sul post-umano, la superiorità dell’uomo rispetto alle altre forme di esseri viventi viene messa in discussione e riformulata entro nuove strutture gerarchiche e nuove forme corporee. Meital Katz-Minerbo si relazione al tema del post-umano sfruttando il tema dell’ibrido, così caro a tanta arte postmoderna dell’ultimo ventennio, con l’intenzione di creare una mediazione visuale tra la varietà di soggetti esistenti in questo mondo in continuo cambiamento.
SCHEDA INFORMATIVA
MOSTRA: Meital Katz-Minerbo – The Invisibility of Plants
LUOGO: The Gallery Apart – Via Francesco Negri, 43, Roma
INAUGURAZIONE: 19/06/2018
DURATA MOSTRA: 20/06/2018 – 07/09/2018
ORARI MOSTRA: dal martedì al venerdì 15,00 - 19,00 e su appuntamento
INFORMAZIONI: The Gallery Apart – tel/fax 0668809863 – [email protected] – www.thegalleryapart.it

MEITAL KATZ-MINERBO
Born in Israel (IL), in 1974. She works and lives in Tel Aviv (IL)

SOLO EXHIBITIONS
2018 My name is legion, for we are many, two person show with Niv Cohen, IDRIS Tel Aviv (IL)
2017 Other, curated by L. Gardi, Gallery 4, Tel Aviv (IL)
2016 The Sensitive Plant, Jerusalem Artists’ House, Jerusalem (IL)
2011 Deus Ex Machina, Beit Tami, Tel Aviv (IL)
NECROMANCY, (with Maya Shimony), Gallery 121, Tel Aviv (IL)
The Turn of the Screw, curated by D. Yahav-Brown, Gallery 39 for Contemporary Art, Tel Aviv (IL)
2009 FUTURAMA, Alon Segev Gallery, Tel Aviv (IL)
2008 Portraits of objects, The Gallery Apart, Rome (I)
2005 Home survivors, Janco Dada Museum, Ein Hod (IL)
2002 A foreign birthday * Version 1, Beit Berl College of Art Gallery, Kfar-Saba (IL)
2000 DEAD HEAD, Fluorescent Gallery, Tel Aviv (IL)

GROUP EXHIBITIONS
2018 Aloe Vera, curated by T. Kayam, Jerusalem Villa Gallery for Contemporary Art, Jerusalem (IL)
2017 Data-Autarkic Economy at Hansen House, Hansen House, Jerusalem (IL)
Traces VI – The Return of Paper / Reflections on Drawing, 6th Biennale for Drawing in Israel, curated by E. Moshenson and S. Haftel Naveh, Jerusalem Artist’s House, Jerusalem (IL)
2016 Sirens, Java Nur, Tel Aviv (IL)
2015 Local Pulse 2 Mix&Match, Artist House, Tel Aviv (IL)
Tw[in]er#3 – Landscape, curated by Ex-Elettrofonica, Centrale del Tennis – Foro italico, Rome (I)
AKHSHAV, Rogue Space Chelsea, New York (US)
TUNNELS, Beit Kaner Gallery, Israel
2014 The Chicago Triangle, curated by R. Direktor, Haifa Museum of Contemporary Art, Haifa, (IL)
CARABELA, curated by Y. Balaban and A. Netzer, Biniamin Gallery, Tel Aviv, (IL)
Luck and a Blessing. Myth and Superstition in Contemporary Israeli Art, curated by C. Blumenson, Beit Hatfutsot – The Museum of the Jewish People, Tel Aviv, (IL)
2013 Testing Tools #10 - Festival of Art In the Making, Beit Tami, Tel Aviv (IL)
Momentum: Paris-Tel Aviv-Paris, curated by M. Shek, Minotaur Gallery, Tel Aviv (IL)
Israel now - Reinventing the future, curated by M. Di Veroli, Macro Testaccio, Rome (I)
2012 Small Talks (collaboration piece with Maya Attoun and Sagi Eishen), Artists HOUSE, Tel Aviv (IL)
FRESH PAINT 5 Contemporary Art Fair Tel Aviv - ARCHIVE, curated by I. Riwkind Ben – Zour (IL)
THE ARTIST AND DR. WEISS, commissioned work, The New High School, Tel Aviv (IL)
2011 MOTHERHOOD. An exhibition dedicated to Post-maternal Depression, Gerstein Gallery, Tel Aviv (IL)
2010 There is no place like home (interno sera salotto), Milan (I)
Summery 2010, The Gallery Apart, Rome (I)
Fresh Paint3, Warehouse 1, Old Jaffa Port (IL)
2009 Wild Exaggeration - The Grotesque Body in Contemporary Art, Haifa Museum of Art, Haifa (IL)
Summery, The Gallery Apart, Rome (I)
2008 Borderline / Morrorlike – Israel Young Artists Exchange Exhibition, Huashan Culture Park, Taipei, Taiwan
The Roaring Stuffed Animal, the Natural Science Museum Shtruman House, Ein Harod (IL)
The First Biennial for Young Artists Ramat Hasharon, Ramat Hasharon (IL)
2007 Bad Education, Hakita Gallery, Tel Aviv (IL)
Artik 9, Tel Aviv University Gallery, Tel Aviv (IL)
New exhibition at Alon Segev Gallery, Alon Segev Gallery, Tel Aviv (IL)
Salame 007, Graduate Show, Bezalel Academy of Arts and Design. Master of Fine Arts program, Tel Aviv (IL)
2006 Half Pension, Braverman Gallery / By Art. Tel Aviv
Bezalel 100/Terminal 1, Goods to Declare, MFA International, 100 years to Bezalel Academy of Arts, Ben Gurion Airport (IL)
2005 New Faces, Noga Gallery of Contemporary Art, Tel Aviv (IL)
Preserves, Saluna Lounge Bar, Tel Aviv (IL)
2004 Opening shot, The City Gallery of Ramat Ha Sharon, Ramat Ha Sharon (IL)
2003 Overcraft. Obsession, Decoration and Biting Beauty, University of Haifa, The Art Gallery. Haifa (IL)
There are flowers, Kav 16, Community Gallery of Contemporary Art, Tel Aviv (IL)
2002 The 35th Year. Artists for Coexistence, Um El Fachem Gallery. Um El Fahem (IL)
2001 Israeli Art Now, Rubinstein house, Tel Aviv (IL)
La Dolce Vita, The Villa Gallery, Tel Aviv (IL)
0070015700, Dizingof Center, Tel Aviv (IL)
Après Design, Gonen Gallery, Ramat Hasharon (IL).

Invisibilità del visibile. Meital Katz-Minerbo a Roma

The Gallery Apart, Roma ‒ fino al 7 settembre 2018. Meital Katz-Minerbo è negli spazi della galleria romana con un nuovo progetto sul tempo, sulla memoria, sulla storia.