Matteo Fantolini – I Believe

Matera - 05/07/2019 : 21/07/2019

Secondo appuntamento a Matera con il ciclo di mostre organizzate dalla Cine Sud di Catanzaronell’ambito di Coscienza dell’Uomo.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO GALLERIA CINE SUD
  • Indirizzo: via Passarelli 29-31 - Matera - Basilicata
  • Quando: dal 05/07/2019 - al 21/07/2019
  • Vernissage: 05/07/2019 ore 18,30
  • Autori: Matteo Fantolini
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: 09:30-12:30 16:30-19:30

Comunicato stampa

Secondo appuntamento a Matera con il ciclo di mostre organizzate dalla Cine Sud di Catanzaronell’ambito di Coscienza dell’Uomo. Il 5 luglio alle 18.30 sarà inaugurata “I Believe”, la mostra, in programma fino al 21 luglio, realizzata con gli scatti di Matteo Fantolini, il compianto reporter morto improvvisamente nella sua casa di Pinerolo. Ha lasciato i suoi lavori incompiuti, ma Coscienza dell’Uomo non poteva non rivolgere l’attenzione al progetto che si presentava originale e ricco di valore umano

Il rito religioso, in Italia e nel mondo, è oggetto dell’obiettivo fotografico che, con sensibilità e spiccata empatia, è capace di catturare non tanto i gesti, i simboli, i costumi propri di un rituale, ma la sua anima più profonda.
C’è qualcosa di magico nel lavoro di Fantolini chesceglie di raccontare il rito dal punto di vista umano, più che divino. Italia, Malesia, India, Thailandia. Un viaggio durato quattro anni alla ricerca non di come, ma di perché. A Matteo non interessava conoscere i gesti e le preghiere, voleva capire perché un uomo scelga di farsi del male, di autoflagellarsi, di soffrire. Si chiede cosa lo induca a vedere il proprio sangue scorrere lungo il corpo, per poi macchiare la terra. Perché sopportare tanto dolore? La risposta è semplice quanto inconfutabile. Perché crede. E il Credo, lo sa bene Fantolini, è una forza potente e implacabile, capace di spingere l’uomo oltre i suoi limiti, donando coraggio, resistenza, capacità di soffrire per arrivare fino in fondo, per toccare con mano ciò in cui Credi. Il divino, per i soggetti di I Believe, la fotografia per Fantolini. Come ci fa notare Riccardo Bononi nell'introduzione al catalogo, c'è qualcosa che accomuna il reporter ai flagellanti. Così come i religiosi credono in un Dio e sono disposti al sacrificio fisico per Lui, allo stesso modo Fantolini crede nella Fotografia, la vive con passione e per Lei è disposto a scendere in campo, a girare il mondo, a vivere la delusione dell'insuccesso, ad andare avanti nonostante la strada per l'affermazione, nel contesto odierno, sia sempre più in salita.
Non c'è uno sguardo critico nelle immagini di Fantolini, non ci sono moralismi, né giudizi. C'è piuttosto profonda comprensione, ammirazione, empatia. Da ateo, il fotografo scende in campo senza pregiudizio alcuno, si unisce alla folla e vive con essa il rito, partecipa, respira e soffre con i fedeli. Ecco perché I Believe non è un lavoro come un altro. Non è una semplice riflessione sul rapporto uomo-Dio, non è una dissertazione filosofica, seppur per immagini, su cosa spinga l'uomo a credere in un Dio.
È, piuttosto, la testimonianza della straordinaria forza umana quando crede davvero in qualcosa. E, ancor di più, è un tentativo di sdoganare il concetto corrente del dolore inteso come qualcosa di negativo, da cui fuggire, perché conseguenza di una ingiustizia. Nel mostrare al mondo i volti segnati e contriti, l’autore ci costringe a guardarli con occhi diversi, ci invita a non girarci dall’altra parte perché quel sangue non è frutto di violenza o malvagità, è figlio piuttosto dell’accettazione, della fede, del bisogno umano di sentirsi parte di qualcosa di più grande.
"Il sangue e il dolore- scrive Bononi- sono in questo caso autoinflitti come forma rituale di purificazione, i ruoli di vittime e carnefici, coincidendo, sfumano completamente. A scioccare lo sguardo non è una qualche forma di ingiustizia, ma è la professione di fede di qualcuno".
E quella fede è più forte della sofferenza, è la spinta ad andare avanti per raggiungere non una gratificazione materiale, ma qualcosa di più profondo. Il benessere interiore, la pace spirituale. Lo aveva compreso bene Fantolini, ed è per questo che le sue foto sono così interessanti e ricche di valore umano oltre che artistico. I colori si perdono, lasciando spazio al bianco e nero che, se da un lato spengono le rosse fiammate del sangue, dall'altro accentuano il pathos e la solennità nei volti dei "vattienti" (letteralmente battenti, flagellanti, coloro che si feriscono), o negli sguardi delle folle, appassionati e partecipi, uniti e forti nella loro professione di fede.

Coscienza dell'Uomo e tutti gli eventi in programma sono finanziati dalla Cine Sud di Catanzaro in collaborazione con Hasselblad, Canon, Nikon, Olympus, Panasonic, Sigma, Sony, Tokina-Howa, Toscana Foto Service che hanno reso possibile la realizzazione e la fruizione gratuita degli eventi.