Massimo Quarta – Face to Face

Lecce - 16/10/2014 : 16/11/2014

L’artista presenta la sua nuova ricerca dedicata alla tematica del ritratto. Lo fa nel suo nuovo studio, trasformato da decine di tele disposte in un allestimento inusuale: un cosmo nomade, un luogo in cui l'immaginazione e la realtà si sfidano, faccia a faccia, per portare alla luce identità, interrogativi e metamorfosi dell’uomo contemporaneo.

Informazioni

  • Luogo: FARBOSPAZIO
  • Indirizzo: Via Manifattura Tabacchi 16/B - Lecce - Puglia
  • Quando: dal 16/10/2014 - al 16/11/2014
  • Vernissage: 16/10/2014 ore 19
  • Autori: Massimo Quarta
  • Curatori: Carmelo Cipriani
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: La mostra sarà visitabile tutti i giorni (fino al 16 novembre) dalle 09.00 alle12.00 e dalle 17.00 alle 20.00.

Comunicato stampa

L’artista presenta la sua nuova ricerca dedicata alla tematica del ritratto. Lo fa nel suo nuovo studio, trasformato da decine di tele disposte in un allestimento inusuale: un cosmo nomade, un luogo in cui l'immaginazione e la realtà si sfidano, faccia a faccia, per portare alla luce identità, interrogativi e metamorfosi dell’uomo contemporaneo.
Ecco come Carmelo Cipriani, curatore della mostra, descrive la ricerca dell’artista:
“... Nel percorso espositivo si frappongono i farboritratti, primi piani femminili desunti dai social network, stereotipati nelle pose e nelle espressioni, forieri di un contagio cibernetico

Stagliati su sfondi informi e animati da masse cromatiche sfaldate, a tratti contrastanti, mostrano i segni di un’incipiente trasmutazione genetica. In essi la matericità del colore, accresciuta da improvvisi accordi cromatici, a tratti brillanti, potenzia l’effetto metamorfico delle forme. Incapaci di esprimere reali sentimenti, finiscono con l’assomigliarsi tutti, apparendo vicini al volto monoculare dei loro fantasiosi corrispettivi più di quanto le possibilità mimetiche inducano a credere. Protagonisti di una pittura invasiva, capace di travalicare lo spazio limitato del supporto, i farboritratti connotano l’ambiente circostante, configurando, nell’allestimento ordinatamente diffuso, un’avanzata inarrestabile. Molteplici volti umani riassunti in uno solo, quello del farbomondo, compendio e assenza di ogni espressione. È uguale al nostro nelle attitudini, nelle pose, nel modo di vestire e comportarsi ma non nel volto. I suoi abitanti, pur negli atteggiamenti sfrontati, a volte visibilmente erotici, non esprimono sentimenti. Non lasciando trapelare dolore o risentimento, amore o sofferenza, farboline e farbonauti ripongono nell’inespressività l’origine della loro forza e il fine della loro proposta, mostrandosi di fatto invincibili”.