Massimo Curti – Armonie prospettiche

Genova - 20/03/2014 : 03/05/2014

Questa è la prima mostra pittorica di Curti un artista che nasce musicista : “…Io non sono un pittore, sono un compositore che realizza musica in una dimensione fisica: musica fissata e dinamicamente materializzata in oggetti.”

Informazioni

  • Luogo: CERRUTI ARTE
  • Indirizzo: Piazza Dei Garibaldi 8r - Genova - Liguria
  • Quando: dal 20/03/2014 - al 03/05/2014
  • Vernissage: 20/03/2014
  • Autori: Massimo Curti
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da Martedì a Venerdì dalle 16,00 alle 19,30 Sabato dalle 10,00 alle 12,30 e dalle 16,00 alle 19.30

Comunicato stampa

Giovedì 20 Marzo CerrutiArte presenterà ARMONIE PROSPETTICHE di Massimo Curti, in mostra 30 opere quasi tutte tecniche miste su cartone tranne alcune tele .Questa è la prima mostra pittorica di Curti un artista che nasce musicista : “…Io non sono un pittore, sono un compositore che realizza musica in una dimensione fisica: musica fissata e dinamicamente materializzata in oggetti.”
Nascono così gli “oggetti sonori” una serie di cartoni e tele, prevalentemente a tecnica mista (tempera ed olio), nei quali l’esperienza sensoriale del fruitore viene indirizzata in una duplice direzione: auditiva e visiva

La musica realizzata e fruibile tramite il QR CODE inserito in ogni oggetto, permette al fruitore di ascoltare quello che viene rappresentato nell’oggetto sonoro, il quale diviene immaginaria partitura direzionale, e coacervo di sensazioni visive. Ogni oggetto sonoro partecipa di una sua dimensione rappresentativa: la verticalità costituisce lo spazio sonoro vero e proprio (nella duplicità acuto- alto e grave - basso), mentre l’orizzontalità dell’oggetto costituisce il fluire nel tempo della musica.
Il percorso di Massimo Curti inizia nel 1991 in Accademia Chigiana, durante i corsi tenuti da Franco Donatoni, Ennio Morricone e Sergio Miceli, quando in chiave di pura sperimentazione, vengono realizzati una serie di acquarelli I “Ludes extravagantes”. Un pezzo per pianoforte, primo esperimento di tale particolare forma artistica, rappresentato come esperienza sonora e grafica, dal vivo. In tale performance i disegni venivano esposti circolarmente, e i fruitori assistevano ad un concerto ascoltando il pezzo per pianoforte ed osservavano il suo dipanarsi, mediante la visione degli acquerelli che rappresentavano la musica nello stesso momento in cui la ascoltavano.
Nel 2012 l’ampia diffusione del qr code e quindi la concreta possibilità di utilizzare wifi e collegamento ad un sito, in remoto, ha permesso a Massimo Curti di portare a termine l’iniziale idea di tale particolarissimo connubio tra rappresentazione sonora e grafica, realizzando così gli oggetti sonori.
MASSIMO CURTI
Nasce a Genova il 18.5.1967. Si diploma in pianoforte nel 1988 ed inizia i corsi di composizione sotto la guida del maestro Ermirio, proseguendo gli studi sotto la guida del maestro Vitale. Nel 1990 II premio in duo con Pietro Rivetti (oboe) al Concorso Franz Schubert, Inizia la carriera di concertista, in piccoli gruppi da camera. Dirige una sua prima composizione giovanile nel 1991, al Carlo Felice di Genova, durante una rassegna di giovani compositori del Conservatorio. Pubblica alcune composizioni per canto e pianoforte, poi eseguite da Fernanda Calati (soprano) in alcune esibizioni collettive (Venezia, 1990). Nel 1991 frequenta l’Accademia Musicale Chigiana di Siena nei corsi di composizione con Franco Donatoni e di Musica da Film con Ennio Morricone. Contemporaneamente dipinge da autodidatta, riproducendo una serie di opere astratte. Esercita dal 1992 la professione di Avvocato in Genova.