Martine Feipel & Jean Bechameil / Paolo Grassino

Berlin - 27/10/2012 : 30/11/2012

Doppio solo-show di Martine Feipel & Jean Bechameil | TEMPERATED GARDENS e Paolo Grassino | ANALGESIA_NERO che si terranno negli spazi della Galerie Rolando Anselmi di Berlino

Informazioni

Comunicato stampa

MARTINE FEIPEL & JEAN BECHAMEIL
TEMPERATED GARDENS

curated by Stefania Facco

opening reception : October 27. 2012 | 18 h


GALERIE | ROLANDO ANSELMI






Galerie Rolando Anselmi is delighted to announce Temperated Gardens, the first solo show of the artist duo Martine Feipel & Jean Bechameil in Berlin. The exhibition will figure two of their early major works: Bechameil's Dust Mountain and Feipel's The End and the Beginning, reimagined together for the spaces of the gallery to form a completely new installation



Both works deal with the notion of time related to a story of evolution. Temperated Gardens shows us a world in permanent evolution and movement, suspended in time. It reveals a garden just before or just after the stroke, an accident or a catastrophe, in a delicate moment of transition and change.

The artists are familiar in questioning space and time through experimentation with media and material, disorienting the viewer's perception. Theirs is an invitation to analyse the passing of time through the continuing changes of worldly things and shapes. The objects are somehow suspended in a precarious balance. Temperated Gardens happens after the eclosion, when a new life starts to bloom and another disappears. It's a story of origins, a myth that purports to describe the fundamentals of natural and human phenomena, exploring the reality of the physical and the importance of the material and the temporal, in our experience of life. But there is no right answer; there is no interpretation key.

We approach the works of Martine Feipel and Jean Bechameil in a dreamy vision, in an oneiric state of excitement, where landscapes are abstract and draw seismic maps on the walls and on the massive table placed in the middle of the room, revealing an inner life. The works capture a moment in which something appears to be suspended, hanging in immobile freeze frame. They are well dealing with the space by taking over the existing floor, walls, and objects, by transforming them and let them tell their own story, releasing them from pressure and restraint. They form cracks and stretches, loosening it up, to finally let a new life begin. The installation, in its totality, challenges the viewer, who is made to deduce what is still hidden, but is secretly growing underneath.





Martine Feipel was born in Luxembourg (L) in 1975. She studied visual arts at Marc Bloch University in Strasbourg (F), at the University of Arts in Berlin (D), under the direction of professor Christiane Möbus, and at Central St. Martins College of Art & Design in London (GB), where she obtained a Master’s degree in Fine Arts in 2002. Since 2000 she has regularly participated to exhibitions, particularly in Europe. She has been awarded with several artists’ residence grants in Europe. Moreover she is a founding member of the ‘Pandora Company’. In 2007 she initiated the heteroclite project ‘The Game of Life’ presented in Belgium, Germany and Luxembourg. The same year, she was selected for the Prix d’Art Robert Schuman. Since 2008, Martine Feipel has been based in Luxembourg where she still works in collaboration with Jean Bechameil. In 2009 they participated to the Kunst & Zwalm Biennale (B) with a collaborative artwork, and in 2010 they had several single exhibitions. In 2011 Martine Feipel & Jean Bechameil were selected to represent the Grand-Duchy of Luxembourg at the 54th Venice Biennale of Contemporary Art. In 2012 they participated at the Beaufort Triennale of Contemporary Art, curated by Philip Van den Bossche, and presented " A Thousand Years" at Arts Gallery of London.


Jean Bechameil, born in 1964 in Paris (F), has worked since 1990 as an independent sculptor. He lived in Copenhagen for about twelve years in which he regularly participated to exhibitions. At the same time, he worked on numerous sets for plays and films. He first began working in Paris where he helped produce the decor for Madame Bovary by Claude Chabrol (1991). He then took part in set designs all over Europe. Among other things, he helped realising the decor for Antichrist (2009), Manderlay (2002), Dogville (2000) and Dancer in the Dark (1998) by Lars von Trier. Since 2008, Jean Bechameil has been based in Luxembourg where he still works in collaboration with Martine Feipel. In 2009 they participated to the Kunst & Zwalm Biennale (B) with a collaborative artwork, and in 2010 they had several single exhibitions. In 2011 Martine Feipel & Jean Bechameil were selected to represent the Grand-Duchy of Luxembourg at the 54th Venice Biennale of Contemporary Art. In 2012 they participated at the Beaufort Triennale of Contemporary Art, curated by Philip Van den Bossche, and presented " A Thousand Years" at Arts Gallery of London.





October 27, 2012 | 18h | opening reception
28.10/ 30.11 | 2012 | opening hours: Wed/Fr 15.00-19.00, Saturday by appointment.



Galerie | Rolando Anselmi
Erkelenzdamm 11-13 | 2. Hof, Aufgang C, 3. Etage
10999 Berlin-Kreuzberg
Tel. +49 (0) 3074073430, Mob. +49 (0) 1631834922
www.rolandoanselmi.com | [email protected]

MARTINE FEIPEL & JEAN BECHAMEIL
TEMPERATED GARDENS

curata da Stefania Facco

opening reception : Ottobre 27. 2012 | 18 h


GALERIE | ROLANDO ANSELMI





Galerie Rolando Anselmi è lieta di annunciare Temperated Gardens, la prima mostra personale del duo artistico Martine Feipel & Jean Bechameil a Berlino. In mostra figureranno due tra le loro opere maggiori: Mountain Dust di Bechameil e The End and the Beginning di Feipel, rivisitate appositamente per gli spazi della galleria Rolando Anselmi in modo da formare nel loro insieme una nuova e originale installazione.
Entrambi i lavori trattano il concetto di tempo, legato a una storia di evoluzione. Temperated Gardens ci mostra un mondo in continuo movimento e cambiamento, un mondo sospeso nel tempo. Ci svela un giardino subito prima o subito dopo un’esplosione, un incidente o una catastrofe, che si rivela al pubblico in quel delicato momento che preannuncia una transizione o un cambiamento.
Gli artisti sono familiari con i temi di spazio e tempo, che indagano spesso attraverso la sperimentazione di linguaggi e materiali diversi, disorientando la percezione dello spettatore. Il loro è un invito ad analizzare il passare del tempo attraverso i continui cambiamenti della materia e delle sue forme. Gli oggetti sono in qualche modo sospesi in un equilibrio, spaziale e temporale, precario. Temperated Gardens avviene dopo l'eclosione, quando una nuova vita inizia e un'altra scompare. É una storia delle origini, un mito che pretende di descrivere i fondamenti dei fenomeni naturali e umani, esplorando la realtà della corporeità e l'importanza del materiale e del temporale, nella nostra esperienza di vita. Mai si rivela una risposta giusta; non esiste un'unica chiave di lettura.
Ci avviciniamo alle opere di Martine Feipel e Jean Bechameil in uno stato immaginario di eccitazione, come in una visione onirica, in cui i paesaggi sono astratti e disegnano mappe sulle pareti e sul tavolo massiccio posto al centro della stanza, rivelandone una pulsante vita interiore. Le opere catturano un momento in cui qualcosa sembra essere sospeso e portano il visitatore verso una dimensione senza tempo, di attesa e mistero. Entrambe le opere sono in relazione con lo spazio che le circonda e prendono il sopravvento sulla pavimentazione, sulle pareti e sugli oggetti esistenti, trasformandoli e liberandoli da pressioni e costrizioni permettendo così loro di raccontare una propria storia. Formano crepe e linee, che disperdendosi e quasi dissolvendosi, concedono ad una nuova vita di schiudersi. L'installazione, nella sua totalità, sfida lo spettatore ad andare oltre l'apparenza materiale e a dedurre ciò che è ancora nascosto, ma che sta segretamente crescendo dentro.





Nata nel 1975 a Lussemburgo (L), Martine Feipel ha studiato arti figurative presso l‘Università Marc Bloch di Strasburgo (F), presso l‘Università delle Arti di Berlino (G), sotto la direzione della professoressa Christiane Möbus, e anche presso il Central St. Martins College of Art & Design di Londra (UK), dove ha conseguito un Master in arti figurative nel 2002. Dal 2000, partecipa regolarmente a diverse mostre, soprattutto in Europa. Ha ricevuto numerose borse di residenza artistica in Europa. E‘ membro fondatore della compagnia Pandora. Nel 2007 ha iniziato il progetto disparato The Game of Life presentato in Belgio, in Germania e Lussemburgo. Nello stesso anno è stata selezionata per il Premio d’Arte Robert Schuman. Dal 2008, Martine Feipel è residente a Lussemburgo, dove lavora in collaborazione con Jean Bechameil. Nel 2009, hanno partecipato a un’opera collaborativa alla Biennale Kunst & Zwalm (B), e nel 2010 hanno montato una mostra monografica presso il Centre d’Art Nei Liicht a Dudelange (L). Nel 2011 Martine Feipel e Jean Bechameil consolidano la loro collaborazione artistica e vengono selezionati per rappresentare il Lussemburgo alla 54. Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia. Nel 2012 partecipano alla quarta edizione di Beufort, la Triennale Internazionale d’arte sulle coste del Belgio, curata da Philip Van den Bossche, e presentano "A Thousand Years" alla Arts Gallery di Londra.



Nato nel 1964 a Parigi (F), Jean Bechameil lavora dal 1990 come artista scultore indipendente. Per circa dodici anni ha vissuto a Copenhagen, dove ha regolarmente partecipato a diverse mostre. Nel frattempo, ha lavorato alla scenografia di opere teatrali e film. Ha iniziato a lavorare a Parigi contribuendo a costruire le scenografie di Madame Bovary di Claude Chabrol (1991), ed in seguito, partecipando alla creazione di diverse scenografie in Europa. Ha collaborato nella realizzazione dei decori per l‘Anticristo (2009), Manderlay (2002), Dogville (2000) e Dancer in the Dark (1998) di Lars Van Trier. Dal 2008, Jean Bechameil è residente a Lussemburgo, dove lavora in collaborazione con Martine Feipel. Nel 2009, hanno partecipato a un’opera collaborativa alla Biennale Kunst & Zwalm (B), e nel 2010 hanno montato una mostra monografica presso il Centre d’Art Nei Liicht a Dudelange (L). Nel 2011 Martine Feipel e Jean Bechameil consolidano la loro collaborazione artistica e vengono selezionati per rappresentare il Lussemburgo alla 54. Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia. Nel 2012 partecipano alla quarta edizione di Beufort, la Triennale Internazionale d’arte sulle coste del Belgio, curata da Philip Van den Bossche, e presentano "A Thousand Years" alla Arts Gallery di Londra.





PAOLO GRASSINO | ANALGESIA_NERO



opening reception : October 27. 2012 | 18 h

GALERIE | ROLANDO ANSELMI





Galerie Rolando Anselmi takes great pleasure in hosting Analgesia_Nero, the first solo show of the artist Paolo Grassino in its space in Kreuzberg. In the first room the public come across a macro sculpture where a herd of black dogs without ears or mouths appears to be guarding an abandoned mound of wooden pallets, creating a wall to separate and divide. They have lost the senses and their only aim is to defend the ground with their physically presence, waiting for a threat that will never come. This scene might be a wake-up call, a prophecy of a future when the remnants of our civilization are recuperated and guarded by nature again. Analgesia is literally the alleviation or the absence of the sense of pain without loss of consciousness. The artist incites us to reflect on our own position and on how we're inclined to remain in our comfort zone of consumerism that obscures our awareness of the alarming situation we're actually in. Behind the wall we encounter a group of sculptures realized by the artist in the last years, such as Trappola (2008) and Travasi (2007). With his skillfully worked sculptures, which are made by different material such polystyrene covered with synthetic sponge, resin, concrete and aluminum, Grassino traces the possible boundaries of a complex and oneiric narrative reflection on the political and cultural conditions of mankind and modern society.

Paolo Grassino was born in Turin, Italy, in 1967. With his work offers a thought on the drift of the modern society, suspended on the edge between natural and artificial. His work is moreover a research that regains the fullest sense of manual skill: Grassino cut strips of synthetic rubber with which he covers the iron, wood and polystyrene skeleton of his sculptures. With a slow and patient weaving work the artist brings his work to a spectacular level. He has exhibited in many private galleries in Italy and abroad, in many museums and in national and international institution such as Castello di Rivalta (2010), RISO Museum of Palermo, Palace Bricherasio Foundation in Turin (Armilla, 2005, curated by Guido Curto), the Modern and Contemporary Art Gallery of Turin (Mangiami, 2000, curated by Elena Volpato) and Palazzo della Regione, in 1991, with a solo exhibition, curated by Luca Beatrice. His work has been featured also at Castello di Rivara-Center of Contemporary Art in Turin, at the Musée d’Art Moderne de Saint-Étienne, at the New Orleans Museum of Art, at the Pistoletto Foundation of Biella, at the Center for Contemporary Art Luigi Pecci in Prato. In 2011 his work was exhibited at MACRO Museum of Contemporary Art of Rome, at Moscow Biennial and in 2012 at Beufort Triennial in Ostende, Belgium and Foundation 107 in Turin, Italy.








October 27, 2012 | 18h | opening reception
28.10/ 30.11 | 2012 | opening hours: Wed/Fr 15.00-19.00, Saturday by appointment.



GALERIE | ROLANDO ANSELMI
Erkelenzdamm 11-13 | 2. Hof, Aufgang C, 3. Etage
10999 Berlin-Kreuzberg
Tel. +49 (0) 3074073430, Mob. +49 (0) 1631834922
www.rolandoanselmi.com | [email protected]

PAOLO GRASSINO | ANALGESIA_NERO



opening reception : 27 ottobre 2012 | 18 h


GALERIE | ROLANDO ANSELMI




Galerie Rolando Anselmi è lieta di annunciare Analgesia_Nero, la prima mostra personale nei suoi spazi di Kreuzberg, dell’artista Paolo Grassino. Accedendo alla prima sala il pubblico incontra una macro scultura in cui un branco di cani neri senza orecchie o bocche sembra stare di guardia a un cumulo abbandonato di bancali lignei, creando un muro che separa e divide. I cani hanno perso i sensi e ora possono solo difendere il territorio con la loro presenza fisica. Restano in branco, in attesa di una minaccia che non arriverà mai. Questa scena potrebbe essere un campanello d'allarme, una profezia di un futuro in cui i resti della nostra civiltà sono recuperati e custoditi nuovamente dalla natura. Analgesia è letteralmente la riduzione o l'assenza del senso del dolore senza perdita di coscienza. L'artista ci spinge a riflettere sulla nostra posizione e su come siamo inclini a rimanere protetti nella nostra zona di comfort, in grado di oscurare la consapevolezza della situazione allarmante in cui realmente ci troviamo. Dietro la parete saranno esposte un gruppo di sculture realizzate dall'artista negli ultimi anni, tra cui Trappola (2008) and Travasi (2007). Con le sue sculture abilmente lavorate, realizzate con materiali diversi, quali, nylon, resina, cemento, alluminio, e polistirolo ricoperto di gomma sintetica, Grassino delinea i possibili confini di una riflessione narrativa complessa e onirica sulle condizioni politiche e culturali dell'uomo e della società moderna.

Paolo Grassino, (Torino 1967) vive e lavora a Torino, con le sue opere propone una riflessione sulle derive della società attuale, sospesa sul crinale tra naturale e artificiale, tra precarietà e mutazione. Il suo lavoro è sopratutto una ricerca che recupera in pieno il senso della manualità: lavorando con gomma sintetica, legno, polistirolo e cera ma anche con tecniche più avanzate quali fusioni in alluminio o calchi in cemento, porta le sue opere scultoree ad un alto grado di spettacolarità.
Paolo Grassino ha esposto in numerosi musei, istituzioni e gallerie private in ambito internazionale. Tra queste ricordiamo l’antologica al Castello di Rivalta a Torino nel 2010, la partecipazione ad Essential Experience al museo RISO di Palermo nel 2009. Nel 2008 fondamentale è la mostra personale in Francia al Museo di Saint-Etienne Metropole curata da Lorand Hegy e nello stesso anno l’invito alla XV Quadriennale d’Arte a Roma. Del 2005 è la grande installazione sulla facciata della Fondazione Palazzo Bricherasio a Torino, mentre nel 2000 la GAM di Torino gli dedica una mostra personale. Tra le esposizioni di maggior prestigio, la presentazione dell’opera Madre al MACRO di Roma e la partecipazione alla Quarta Biennale di Mosca, entrambe del 2011; dello stesso anno la partecipazione a mostre in musei pubblici internazionali come il Frost Art Museum di Miami e il Loft Project ETAGI di San Pietroburgo. Nel 2012 partecipa alla quarta edizione di Beufort, la Triennale Internazionale d’arte sulle coste del Belgio con due grandi lavori installativi.