Marco Abrate – Hidden Images

Milano - 13/10/2021 : 10/01/2022

HUB/ART ha il piacere di presentare la mostra "Hidden Images" di Marco Abrate.

Informazioni

  • Luogo: INTERFACE HUB/ART
  • Indirizzo: Via Privata Passo Pordoi, 7 - 20139 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 13/10/2021 - al 10/01/2022
  • Vernissage: 13/10/2021 ore 17
  • Autori: Marco Abrate
  • Curatori: Greta Zuccali
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Lunedi - Venerdì: 9: 00 - 18:00 Sabato: apertura previo appuntamento / Domenica chiuso Possibilità di prenotare visite infrasettimanali anche al di fuori degli orari di apertura Ingresso libero

Comunicato stampa



Mercoledì 13 ottobre, dalle ore 17:00, HUB/ART ha il piacere di presentare la mostra "Hidden Images" di Marco Abrate.

L'esposizione, curata da Greta Zuccali, è realizzata grazie al supporto di GAG London Equity Capital e Interface Power, società del network GAG London che si occupa dell'allestimento e del design dello spazio espositivo.

La mostra è accompagnata da un catalogo con testo critico di Giorgio Bonomi



Artista giovane e poliedrico, Marco Abrate si è già fatto notare dalla critica e dai media con opere, interventi urbani e performance che sfruttano le potenzialità dei social network ma non tralasciano la realtà fisica, con il fine di prendere posizione sulla situazione socio-politica contemporanea.

Per la sua prima personale a Milano, l'artista porta in galleria una serie di opere più “tradizionali” dove, tuttavia, permane l'elemento distintivo del lavoro dello street artist -il muro- impreziosito e ingentilito.

L'opera è il risultato di un processo di lavorazione e stratificazione di vari elementi: l'intonaco in primis a cui si aggiungono cemento, vernici, acrilici, carta o muschio esaltati infine da cornici dal gusto classico e vistoso.

Il lavoro dei "muri", come lo stesso Abrate li chiama, porta con sé due concetti.

Il primo è quello del tempo. Il muro con le sue crepe e incrostazioni porta su di sé i segni del suo scorrere e del suo deteriorarsi: esso diviene il prodotto di “kronos”, il senso che i greci davano al tempo quantitativo che scorre inesorabile e in modo lineare. L’operazione che l'artista innesta in questo apparente scorrere inesorabile del tempo, si avvale di un secondo concetto, in questo caso visivo, la percezione.

L'artista gioca con la solidità del muro e sfruttando il fenomeno subcosciente della pareidolia fa in modo che forme, figure e immagini fuoriescano dal supporto, facendosi riconoscere dall'osservatore. Una tendenza tutta umana a individuare modelli dotati di senso nel mondo che ci circonda, come lo stesso Ernest Gombrich, uno dei più grandi studiosi e storici dell’arte, ha teorizzato a proposito della creazione artistica e della sua percezione.

A tal riguardo, Giorgio Bonomi in catalogo scrive: " Si tratta di stabilire se l’intonaco cela o disvela l’immagine. Ebbene siamo di fronte ad un tipico procedimento dialettico in cui i due corni del dilemma si equivalgono e sono intimamente legati, come avviene per altre polarità (negativo e positivo, bianco e nero, bello e brutto eccetera): sta alla sensibilità e all’attitudine percettiva dell’osservatore stabilire se si tratta di un’azione o dell'altra."

Aggiornamenti relativi alla mostra e agli eventi ad essa connessi saranno comunicati tramite i canali Instagram (@hubartexhibition) e FB (@hubartexhibition) della galleria.


Per ragioni legate alle normative vigenti, la nostra galleria continuerà a far accedere al proprio interno tutti i visitatori fino ad un numero massimo di 40 persone divise per fascia oraria: 17:00-18:00; 18:00-19:00; 19:00-20:30.

E' obbligatorio prenotare indicando l'orario di preferenza: [email protected]