Manipulated Genes – The Iranian New Media Artists in Europe

Torino - 24/03/2022 : 14/05/2022

La mostra Manipulated Genes si basa sulle ultime produzioni d'arte contemporanea degli artisti iraniani dei nuovi media.

Informazioni

Comunicato stampa

La mostra Manipulated Genes si basa sulle ultime produzioni d'arte contemporanea degli artisti iraniani dei nuovi media. Questo progetto fa parte di una serie di tre mostre parallele in Francia, Italia e Germania. Le opere selezionate si compongono di due parti principali; la prima parte comprende 26 video-art di 19 artisti iraniani. Gli artisti presenti sono Nikzad Arabshahi, Omid Hashemi, Samad Ghorbanzadeh, Mehrnoosh Roushanaei, Nastaran Safaei, Mandana Moghaddam, Hamed Sahihi, Behnam Kamrani, Morteza Ahmadvand, Shirin Abedinirad, Soheil Kheirabadi, Alireza Khosroabadi, Farideh Shahsavarani, Alireza Memariani, Kambiz Sabri , Nima Nikakhlagh, Elmira Abolhasani, Rosita Taheri e Avazeh Almasi

La seconda parte della mostra è composta da opere di 4 fotografi contemporanei iraniani tra cui: Bijan Sayfouri, Melina Clade, Samad Ghorbanzadeh e Alireza Memariani. Gli artisti selezionati hanno fatto grandi tentativi per le arti dei nuovi media in Iran e in altri paesi negli ultimi due decenni. Inoltre, un gran numero di questi ha ricevuto premi speciali in importanti eventi internazionali.
Il curatore ha preso in considerazione il metodo e lo stile delle arti dei nuovi media iraniani, unici per quanto riguarda il metodo e la forma. Il trattamento del soggetto, lo stile narrativo e il contenuto locale relativamente diverso hanno contribuito alla creazione di una forma esotica (sebbene a volte incompleta rispetto alla sua forma/stile) nei nuovi media iraniani. I principi determinanti di questa formazione sono più radicati nella storia. I nuovi media non possono attirare un'attenzione significativa nelle istituzioni artistiche del paese e la presentazione di queste opere è spesso vista come un'azione artificiale dal punto di vista dei produttori e dei registi. Dopo più di due decenni di nuove produzioni mediatiche in Iran, un gran numero di influenti gallerie d'arte non prendono in considerazione queste nuove produzioni e le vedono come media non provati o poco affini al pubblico iraniano. Indubbiamente, questa situazione non è compatibile con la ricerca dell'indipendenza caratteristica dell'arte contemporanea. Pertanto, gli artisti di questo media inevitabilmente introducono le loro opere in cortometraggi, festival di animazione o biennali di arte contemporanea di altri paesi. I loro lavori suscitano molto entusiasmo internazionale, la video-art iraniana ha trovato la sua forma e il suo spazio in uno stato interdisciplinare dell'arte occidentale e orientale.
Saeed Khavar Nejad