Luis Cobelo – Chas Chas

Palermo - 11/07/2020 : 03/10/2020

La mostra fotografica racconta, per la prima volta in Italia, attraverso un libro e le fotografie esposte il progetto che il fotografo ha realizzato per rendere un omaggio alla città di Buenos Aires, attraverso un quartiere particolare e poetico chiamato Parque Chas.

Informazioni

  • Luogo: EGLISE LAB
  • Indirizzo: via dei Credenzieri, 13 - Palermo - Sicilia
  • Quando: dal 11/07/2020 - al 03/10/2020
  • Vernissage: 11/07/2020 ore 19
  • Autori: Luis Cobelo
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: dal 11/07/2020 al 01/08/2020 e dal 01/09/2020 al 03/10/2020 Giorni e orari di apertura: mercoledì al sabato, 16.30 alle 19.00 o su appuntamento

Comunicato stampa

Église è lieta di presentare Chas Chas di Luis Cobelo.
La mostra fotografica racconta, per la prima volta in Italia, attraverso un libro e le fotografie esposte il progetto che il fotografo ha realizzato per rendere un omaggio alla città di Buenos Aires, attraverso un quartiere particolare e poetico chiamato Parque Chas.
Il progetto si ispira all'omonima serie di fumetti argentini che Luis Cobelo ha letto 32 anni fa: il fumetto rivela, in diversi capitoli, le avventure di uno scrittore a cui è stato raccontato che lì accadono cose fantastiche e straordinarie. Dove vivono persone meravigliose e magiche


Il motivo per cui le cose "fuori dall'ordinario" possono accadere, è che il centro del quartiere è stato costruito architettonicamente come una ragnatela o un labirinto. Gli abitanti del luogo dicono che se si entra in quella forma concentrica, si potrebbe non uscirne mai e possono accadere cose magiche, molti affermano che quella è la realtà e non quello che c'è al di fuori del quartiere. In sostanza, nel Parque Chas tutto è possibile. A distanza di tempo, Cobelo ha deciso di percorrere migliaia di chilometri per vederlo con i propri occhi. Il motivo di spinta verso Parque Chas è stato il desiderio di verificare la veridicità del detto "tutto ciò che hai perso nella vita, esiste a Parque Chas". E sì, è vero.

Chas Chas si legge come una graphic novel o una storia del mistero, con molti strati di riferimenti interni ed esterni. Il flusso di immagini evoca una logica onirica che induce a sorridere e che sembra stranamente radicata nella realtà alternativa della vita di strada di questo luogo fantastico.
Tutto questo avviene attraverso gli occhi allucinati e giocosi di Cobelo, che si muove attraverso le storie improbabili mille volte raccontate e che diventano reali, solo per chi vuole credere.
Chas Chas è uno schiocco, un luogo intangibile dove si possono ritrovare quanti sono smarriti e qualunque cosa andata persa. Può essere per tutti, tranne che per chi vuole sapere come si fanno i trucchi di magia.