Luciano Ventrone – Matrix

Amelia - 05/08/2017 : 20/01/2018

Mostra personale di Luciano Ventrone, "MATRIX. Oltre la realtà-Beyond reality" sulla produzione più recente attraverso una selezione di dipinti, in un inedito confronto con la collezione archeologica del Museo.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO E PINACOTECA E. ROSA
  • Indirizzo: Piazza Vera 10 (05022) Amelia - Amelia - Sicilia
  • Quando: dal 05/08/2017 - al 20/01/2018
  • Vernissage: 05/08/2017 ore 21
  • Autori: Luciano Ventrone
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: giugno-settembre, da giovedì a lunedì, prefestivi e festivi 10.00-13.00 / 16.00-18.30 gennaio-marzo/ottobre-dicembre sabato, domenica e festivi 10.00-13.00 / 15.00-17.00

Comunicato stampa

Il Museo Civico Archeologico e Pinacoteca "Edilberto Rosa"di Amelia (TR),negli splendidi locali dell'ex Collegio Boccarini, in origine un convento francescano del XIII-XIV secolo, ospita dal 5 agosto al 20 gennaio 2018 la mostra personale di Luciano Ventrone, "MATRIX. Oltre la realtà-Beyond reality" con l'intento di farne conoscere la produzione più recente attraverso una selezione di dipinti, in un inedito confronto con la collezione archeologica del Museo

Alcuni dei reperti conservati al suo interno, infatti, in particolare i pregevoli capitelli dell'antica Ameria (il nome di Amelia in epoca romana), sono stati di ispirazione per l'artista, dagli inizi degli anni Ottanta, per la realizzazione di alcune delle sue famose nature morte. Lo scopo della mostra è, pertanto, quello di far dialogare la ricerca contemporanea in pittura con l'archeologia, offrendo anche al pubblico una chiave di lettura diversa della rinomata collezione museale.

Luciano Ventrone nasce a Roma nel 1942. Nel 1983 un articolo scritto da Antonello Trombadori su "L'Europeo" induce lo storico dell'arte Federico Zeri a interessarsi dell'artista suggerendogli di affrontare il tema delle nature morte. È qui che inizia la lunga e ancora non completa ricerca sui vari aspetti della natura, catturando particolari sempre più dettagliati e quasi invisibili a "occhi bombardati da milioni di immagini", quali sono quelli degli uomini della nostra epoca. E' questa ricerca di Ventrone "dell'inganno della realtà" che ha destato, nei decenni, l'attenzione, tra gli altri, di Federico Zeri, Sergio Zavoli, Duccio Trombadori, Marco Di Capua, Vittorio Sgarbi, Achille Bonito Oliva, Roberto Tassi, Giorgio Soavi, Edward Lucie-Smith, Evgenia Petrova, Angelo Crespi, Beatrice Buscaroli.