Lucca e le Mura

Lucca - 17/12/2011 : 17/03/2012

Una rete di cinque mostre, un sito web, un fumetto e una proposta di vari itinerari cittadini per celebrare a Lucca il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia. Il percorso Lucca e le Mura: Itinerari del Risorgimento unirà in un unico tracciato alcuni luoghi memorabili della storia lucchese: dalla Casermetta del Baluardo di San Colombano all’Archivio Storico Lucchese, dall’Archivio di Stato alla Biblioteca Statale, al Museo Nazionale di Palazzo Mansi.

Informazioni

  • Luogo: CASERMETTA DEL BALUARDO SAN COLOMBANO
  • Indirizzo: via della Rosa 39 - Lucca - Toscana
  • Quando: dal 17/12/2011 - al 17/03/2012
  • Vernissage: 17/12/2011 ore 12
  • Generi: documentaria
  • Orari: dal giovedì alla domenica - orario 11-18.
  • Biglietti: ingresso libero
  • Sito web: percorsi-risorgimentali.comune.lucca.it
  • Uffici stampa: DAVIS & CO

Comunicato stampa

Lucca e il Risorgimento: cinque mostre e un sito web
Casermetta del Baluardo di San Colombano · Archivio Storico Lucchese · Archivio di Stato · Biblioteca Statale · Museo Nazionale di Palazzo Mansi

Lucca 17 dicembre 2011, ore 12

Una rete di cinque mostre, un sito web, un fumetto e una proposta di vari itinerari cittadini per celebrare a Lucca il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia

Il percorso Lucca e le Mura: Itinerari del Risorgimento verrà inaugurato il 17 dicembre prossimo e unirà in un unico tracciato alcuni luoghi memorabili della storia lucchese: dalla Casermetta del Baluardo di San Colombano all’Archivio Storico Lucchese, dall’Archivio di Stato alla Biblioteca Statale, al Museo Nazionale di Palazzo Mansi. La mostra ripercorre, attraverso lo studio della genesi, delle vicende e del destino di alcuni monumenti cittadini, le diverse fasi del Risorgimento italiano mettendo in evidenza i modi diversi con cui i lucchesi percepirono e interpretarono il messaggio unitario nel periodo compreso fra il 1861 e la fine dell'800. Una mappatura consistente di documenti e immagini al cui centro campeggia la vicenda delle Mura che i Baciocchi, con il decreto n. 36 del 18 ottobre 1810, avevano affidato alla cura e alla manutenzione – negandone però il possesso – del municipio di Lucca. L'evento, voluto dal Comune di Lucca, è stato realizzato con la direzione scientifica di Carla Sodini e di Romano Silva (recentemente scomparso): un modo nuovo di presentare la storia e la Città, che utilizza un supporto virtuale spettacolare, con approfondimenti, schede didattiche e immagini navigabili a 360°. Sul sito, infatti, verranno proposti venti tour virtuali - dalla Torre delle Ore a Torre Guinigi, dalla Sala dei Principi alla Sala Savoia - per scoprire la città più segreta.
La mostra chiude il calendario di celebrazioni che la Città ha realizzato in occasione dei festeggiamenti per il 150° anniversario dell’unità d’Italia e apre il lungo percorso di eventi e attività di restauro e recupero, per le quali la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca ha già manifestato il suo diretto interesse e intervento, che accompagneranno la Città al 2013, anno in cui Lucca festeggerà i 500 anni dall’edificazione moderna delle Mura urbane. Proprio in questa ottica il progetto ha scelto di destinare risorse, oltre che alla realizzazione della mostra, al restauro ed alla ristrutturazione di una porzione della Casermetta San Colombano, sede centrale della mostra. I lavori, curati da Antonella Giannini e Silvia Biagi, rendono, così, nuovamente fruibile una porzione di mura fino ad oggi esclusa all’uso pubblico.
Proprio la mostra “Lucca e le mura: itinerari del Risorgimento” andrà ad inaugurare questo spazio restituito alla Città e che, da oggi, potrà ospitare mostre, convegni, conferenze (si veda la scheda lavori di dettaglio). Tra le molte collaborazioni che contraddistinguono questo progetto spicca, infine, quella della Città di Firenze che proporrà, proprio in occasione di questa mostra, un parallelo tra il caso delle mura lucchesi e quelle delle mura e delle fortificazioni fiorentine, due esempi di diversa applicazione del federalismo demaniale ottocentesco.

La storia
La Lucca dell’800 dovette affrontare due momenti storici delicati per l’identità politica e culturale cittadina. Il 10 ottobre 1847 finiva la lunga storia d’indipendenza del Ducato di Lucca. L’unione al Granducato di Toscana significò la perdita della corte e dei privilegi di quella che per 478 anni era stata, anche se minuscola, una città-stato, una vera e propria capitale. L’annessione pesò molto ai lucchesi ma non fu l’unico processo di trasformazione che la Città dovette subire. Il secondo, importante momento per la storia del nostro Paese, fu, appunto, l’adesione del Granducato di Toscana al Regno d’Italia. Il nascente Regno inglobò tutti gli stati preunitari e i loro patrimoni, le loro finanze o, per meglio dire, i loro debiti. Proprio per far fronte alla necessità di impinguare le casse del Regno, si attuò un meccanismo, che oggi ascriveremmo alla sfera della più creativa finanza, attraverso il quale si costituirono appositi enti nazionali statali (ad esempio la Società Anonima) con il preciso compito di collocare sul mercato alcuni possedimenti dello Stato e garantire risorse immediate allo stesso. Due di questi possedimenti, che più direttamente colpirono la Città di Lucca, furono, appunto, le Mura, con tutto il loro impianto difensivo, e Palazzo Ducale. Lucca non volle assistere inerme a questo duro colpo così destò il suo spirito indipendente e, nella sua unicità, iniziò un moto di adesione al cammino unitario e post unitario del tutto singolare fondando le sue radici sulla cultura cittadina, sulla storia, sui valori identitari di una comunità. Come ricorda Letizia Bandoni, Assessore alla cultura del Comune di Lucca, “mentre in tutta Italia si pensava a come incollare assieme territori disomogenei, a Lucca si cercava di preservare le radici culturali della comunità valorizzando e acquisendo tutti gli elementi della propria identità: Lucca riacquistò, infatti, le proprie mura (per 112.350 Lire) restaurò in chiave moderna la facciata della chiesa di San Michele, ricompose il monumento funebre a Ilaria del Carretto, revisionò la storia dell'unificazione d'Italia rendendola percorribile attraverso le vie del centro in una sorta di percorso didattico per monumenti da destinare alle future generazioni”.
Contemporaneamente al processo di riacquisto delle Mura che terminò nel 1866, Lucca scelse di celebrare l’indipendenza e l’unità nazionale abbellendo e decorando con nuovi monumenti il proprio centro storico. Tra questi il monumento a Francesco Burlamacchi, quello a Vittorio Emanuele II, a Giuseppe Garibaldi, a Giuseppe Mazzini, a Benedetto Cairoli. Monumenti dietro ai quali c’è non solo la storia di un Paese ma anche la storia più viva e vissuta di un’intera comunità con le sue disquisizioni politiche, sociali e culturali tipiche di una Città che potremmo definire culturalmente bipolare: culturalmente innovatrice e aperta ma anche socialmente estremamente conservatrice. Proprio con questo spirito Carla Sodini e Romano Silva hanno affrontato questo progetto espositivo proponendo un itinerario che inizia nel 1863 - con l'erezione della statua a Francesco Burlamacchi - e arriva al 1897 - con l'inaugurazione del Monumento ai Caduti in piazza XX Settembre. Romano Silva aveva acutamente notato come l’inserimento del volto di Vittorio Emanuele II a fianco di quello di Galileo Galilei, di Cristoforo Colombo, di Gutenberg e di San Paolino nella facciata di san Michele e il cenotafio dedicato a Matilde di Canossa nella Chiesa di San Giovanni siano il documento tangibile dello spirito della città: culturalmente aperta, coraggiosa, europeista, lungimirante e al tempo stesso conservatrice, cattolica, insomma profondamente 'lucchese'.

Un nuovo approccio generazionale
Con la mostra “Lucca e le mura: itinerari del Risorgimento” si è scelto di sperimentare un diverso modo di ‘costruire’ occasioni culturali e cioè quello di unire esperienze più tradizionali con proposte innovatrici
formulando, così, un progetto in grado di coinvolgere più generazioni. Assieme ai curatori si è formato un gruppo di lavoro nel quale sono stati cooptati alcune eccellentiprofessionalità tutte under 40: due generazioni – con formazioni e linguaggi diversi - si sono trovate a lavorare gomito a gomito sullo stesso progetto.Un’operazione volutamente in controtendenza rispetto a chi pensa che l’anagrafe sia motivo di antagonismo ed esclusione anziché di collaborazione e proposizione. Nasce, così, dalla proposta di giovani architetti come Simona Bartolomei, Leonardo Solari e Matteo Orsi, il sito web http://percorsi-risorgimentali.comune.lucca.it che vede la specifica applicazione del sistema fotografico di tour virtualedella Città nonché il progetto di allestimento che mescolerà tradizione ed innovazione con l’uso, per i più tecnologici, di QR code che permetterà al visitatore di approfondire i temi storico-culturali della mostra, nonché larealizzazione di un pannello touch attraverso il quale si potrà navigare la mostra e visitare la Città direttamente dalla sede della Casermetta San Colombano.
Ma c’è una app che, forse più di ogni altra, si sposa con il linguaggio giovanile. Si tratta del fumetto “Le chiavi della Città” realizzato da Francesco Giani, Jacopo Moretti e Riccardo Pieruccini su progetto di Matteo Orsi. Con questo fumetto, smartphone in mano e una macchina fotografica al collo sarà possibile ripercorrere uno degli itinerari risorgimentali della città e rivivere, gli aneddoti ed i segreti di Lucca con l’originale racconto di uno speciale ‘gattone’ reo di aver rubato le chiavi della Città. Il fumetto e l’itinerario contrassegnato da specifici totem collocati nel centro storico di Lucca (Comics walk) sono stati realizzati con il sostegno della Fondazione Banca del Monte di Lucca. Il fumetto è scaricabile e leggibile direttamente dalla pagina web della mostra oltre che essere stampato come utile guida per ballon della Città dell’800.

Le cinque mostre
Lucca e le mura: Itinerari del Risorgimento, piano terra della Casermetta del Baluardo San Colombano (via della Rosa 39) 17 dicembre 2011 - 17 marzo 2012 - dal giovedì alla domenica - orario 11-18.
Il Monumento a Vittorio Emanuele II, Archivio Storico del Comune di Lucca (Piazzale San Donato) 17 dicembre 2011 - 17 marzo 2012 - dal lunedì al venerdì - orario 9 - 12,30.
L’esposizione provinciale del 1877 nelle scritture dell’Archivio Sardi, Archivio di Stato di Lucca (piazza Guidiccioni 8) 17 dicembre 2011 - 31 gennaio 2012 – orario dal lunedì al sabato 8 -13, il lunedì e il martedì 14-19.
La Stampa locale 1870-1882, Biblioteca Statale di Lucca (piazza Santa Maria Corteorlandini 12) 17 dicembre 2011 - 4 febbraio 2012 - dal lunedì al venerdì 8,30 – 13,30, il sabato 8,30-13,30
L’iconografia risorgimentale, Museo Nazionale di Palazzo Mansi (via Galli Tassi 43) 17 dicembre 2012 - 17 marzo 2012 - orario dal martedì al sabato 8,30 -19, domenica e festivi 8,30-13. Dal 6 gennaio 2012 visite guidate il giovedì e il sabato.
Ingresso gratuito
http://percorsi-risorgimentali.comune.lucca.it

Credits
Il progetto è realizzato dal Comune di Lucca – assessorato alla cultura, con la collaborazione scientifica del dipartimento di studi sullo Stato dell’Università di Firenze. Curano la mostra Romano Silva e CarlaSodini.
La mostra è realizzata in collaborazione con: Archivio storico comunale di Lucca, Archivio di Stato, Biblioteca Statale, Museo nazionale di Palazzo Mansi.
Ciascuno di questi enti ospiterà un ulteriore mostra di approfondimento sui temi toccati dalla mostra centrale ospitata presso la CASERMETTA SAN COLOMBANO
Il catalogo è edito da Maria Pacini Fazzi editore ed è curato da Carla Sodini e Romano Silva. I saggi sono di: Carla Sodini, Romano Silva, Marco Paoli, Roberto Pizzi, Gioela Massagli, Enrico Romiti, Sergio Nelli.
Il fumetto e l’annesso itinerario comics walk è un progetto di Matteo Orsi. Il fumetto dal titolo “Le chiavi della città” è realizzato da Francesco Giani, Jacopo Moretti e Riccardo Pieruccini.
Il catalogo, l’allestimento della mostra, il portale web http://percorsi-risorgimentali.comune.lucca.it sono ideati e curati da Simona Bartolomei e Leonardo Solari.