Luca Chiste’ – Iphoneography

Trento - 30/09/2012 : 14/10/2012

31 stampe raccolte in macro-argomenti frutto di un occhio allenato e di un amore profondo per l'immagine.

Informazioni

  • Luogo: HORTUS ARTIERI
  • Indirizzo: vicolo dei Birri, 7 (piazza Duomo) - Trento - Trentino Alto Adige
  • Quando: dal 30/09/2012 - al 14/10/2012
  • Vernissage: 30/09/2012 ore 11.30
  • Autori: Luca Chistè
  • Curatori: Eva Lavinia Maffei
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: mart-ven 10.30-12.30 e 18-20, sab e dom 10.30-12.30 e 17-21
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

ra che il mondo del digitale ha ampiamente trasformato il valore della fotografia e ha dato più mezzi a tutti per “immortalare” le nostre visioni e anche maggiori possibilità dal punto di vista della post produzione, abbiamo ancor più bisogno di fotografi come Luca Chistè, che, con la maestria di chi ha studiato le più sofisticate tecniche di fotografia analogiche e digitali, riesce a sorprenderci con una qualità davvero superiore, che non è però derivata dallo scatto previsualizzato, meditato, ricercato, tipico delle riprese large format, a cui l'autore si dedica da molto tempo, bensì da un rapporto molto più diretto e spontaneo, smart, che poco ha, all’apparenza, di razionale e costruito.
Le 31 stampe della rassegna, raccolte in alcuni macroargomenti, sono il frutto di un occhio allenato e di un amore profondo per l’immagine, coltivato incessantemente e sempre rifertilizzato con nuove sperimentazioni. La qualità raffinata e sapiente della post produzione e della stampa ha creato delle immagini che restituiscono il piacere di vedere le cose nella loro bellezza reale, riportandoci a un valore estetico autentico, umano e facilmente condivisibile.

Benvenga dunque tutta l’evoluzione che la fotografia di pronto utilizzo ha avuto dalla “vecchia” Polaroid - ad oggi rinata con pellicole di altro brand e modalità di produzione e, fortunatamente, ancora utilizzata - , che ci permetteva di vedere, ma anche di regalare a qualcuno, subito, la fotografia che avevamo scattato.

Ed ecco l’altro valore dell’iphoneography, l’immediata possibilità di condivisione delle nostre visioni, che attraverso lo sharing diventa uno dei modi di comunicare più diretto, che può avvalersi di pura fotografia, ricca di elementi simbolici, quegli archetipi che esprimono, per noi, il nostro sentire.
Nella prospettiva che qui interessa - spiega l’autore - l’acting out, sostituzione dell’azione al pensiero, è rappresentato da un processo che si realizza in pochissimi istanti: sono attratto ed osservo una determinata realtà, ne colgo immediatamente ed irrazionalmente il potenziale espressivo e la sintetizzo nella mia “profetica” visione mentale. -
Nell’era digitale, in cui la fotografia è diventata definitivamente fenomeno di massa, c’è quindi ancora spazio per chi ha sviluppato un rapporto privilegiato e profondo con essa e questa rassegna ne è chiara dimostrazione.
E.L.M. | settembre 2012 | ©

Avrà luogo a Trento, presso la sede di Hortus artieri (vicolo dei Birri 7 - prospicente p.zza Duomo), la rassegna di Luca Chistè dedicata, con la presentazione di 31 stampe fine-art all'Iphoneography.
La post-produzione e la stampa fine-art sono state eseguite a cura dell'autore. Le stampe, certificate ed a tiratura limitata di esemplari (3 + 1 p.d.a.) sono su carta Hahnemühle Photo-Rag Baryta 315 gsm ottenuta con plotter Epson 7890 e inchiostri ai pigmenti Ultrachrome K-3.