Lontani come rami galleggianti

Alcamo - 16/08/2012 : 23/08/2012

‘Lontani come rami galleggianti’ è il titolo del progetto curato dalla galleria palermitana Zelle Arte Contemporanea in occasione dell’edizione 2012 del festival ‘Nuove Impressioni’ di Alcamo.

Informazioni

Comunicato stampa

‘Lontani come rami galleggianti’ è il titolo del progetto curato dalla galleria palermitana Zelle Arte Contemporanea in occasione dell’edizione 2012 del festival ‘Nuove Impressioni’ di Alcamo.

L’esposizione vede protagonisti 13 artisti - Giuseppe Adamo, Fausto Brigantino, Francesco Costantino, Fada Full, Jorge Lopez, Federico Lupo, Carmelo Nicotra, Francesco Surdi, Francesco Tagliavia, Filippos Tsitsopoulos, Daniele Villa, Sergio Zavattieri, Michele Zingales - che nel corso degli ultimi anni hanno caratterizzato la linea di ricerca della galleria. Il titolo si riferisce all'impossibilità di aderenza ad ogni possibile volontà. Si tratta di lasciarsi trasportare dagli eventi piuttosto che guidarli

La mostra si articola all’interno delle celle dell’Ex Collegio dei Gesuiti di Alcamo in un percorso denso ed imprevedibile come l'andamento delle correnti marine.

Parte integrante dell’esposizione è l’installazione curata da ‘Parallels’ nata nel settembre del 2011 tra le fronde di due grandi alberi all’interno di un giardino pubblico del ‘700. Il progetto si compone di 10 opere su carta realizzate da: Marta Mancini, 108, Tellas, Giuseppe Adamo, Francesco Surdi, Dem, Anita Luperini, Ego Tèk, Luigi Massari, Fabiola Nicoletti.


Galleria tra le più attive del panorama siciliano, nata nell’aprile del 2005 nel cuore del centro storico di Palermo, ‘Zelle Arte Contemporanea’ è ormai ben nota sul territorio nazionale ed internazionale grazie a progetti che hanno coinvolto un elevato numero di artisti, gallerie, spazi pubblici, piattaforme web, ed accogliendo i favori delle più autorevoli testate del settore.

Negli ultimi anni, i 5 artisti hanno spesso collaborato, dando vita a progetti corali come ‘Allegory of the cave’ ispirato al mito della caverna di Platone ed ospitato dalla galleria 400mq di Ancona, o ‘A partir de l’eau’ che trae spunto dalla misteriosa vicenda della sconosciuta della Senna.