Lo sguardo la voce

Roma - 26/05/2014 : 30/06/2014

Sono esposti 4 libri d’artista in cui Francesco Clemente, Enzo Cucchi, Rosemarie Trockel e Christopher Le Brun traggono ispirazione per il loro lavoro da testi poetici.

Informazioni

Comunicato stampa

La galleria Valentina Bonomo è lieta di annunciare l’inaugurazione della mostra di Enzo Cucchi e Christopher Le Brun :”Baratto”, mercoledì 11 giugno 2014 dalle ore 18 alle ore 21, in via del portico d'Ottavia 13 a Roma, a cura della Moon Rainbow Editions



A giugno La Moon Rainbow Editions presenta a Roma per la prima volta la propria attività con diversi eventi:
- Alla Casa delle Letterature, dal 26 Maggio al 30 giugno, nella mostra “Lo sguardo, la voce” a cura di Marida Gaeta sono esposti 4 libri d’artista in cui Francesco Clemente, Enzo Cucchi, Rosemarie Trockel e Christopher Le Brun traggono ispirazione per il loro lavoro da testi poetici.

-Alla galleria Valentina Bonomo, presenta “Baratto” l’ultima edizione nata dalla collaborazione tra Enzo Cucchi e Christopher Le Brun.
I due artisti, inoltre, presentano opere recenti:
Enzo Cucchi, per la mostra, ha lavorato su un nuovo ciclo di affreschi, che presenta per la prima volta, con inclusioni in ceramica e pittura ad olio dal titolo “Arabiamia”, “Le Marche” e “Porco Giove”..
Christopher Le Brun ,nella sua prima mostra a Roma, presenta le sue sculture in bronzo ed un olio su tela rappresentante un tema classico.

L'arte è per Enzo Cucchi mezzo di aggregazione di più forme, di più concetti, di più materiali, si avvale dell’espressione invasiva del gesto, attraverso il quale l'opera assurge a ricettacolo di immagini e pensieri, veicoli di un discorso frastagliato in mille sospensioni. Si riappropria, con sguardo visionario del mito, della storia dell'arte e della letteratura dando vita a composizioni di grande intensità simbolica.
Christpher Le Brun, invece, è un’artista consapevole dei vari strati delle sue opere, di ciò che c’è davanti e ciò che si nasconde. Quando propone una scultura ci si può girare attorno, così da percepirne tutte le sfaccettature e lasciarsene meravigliare. Come il lato scuro della luna: un’immagine che sembra avere solo un aspetto, ma che, in realtà, nasconde un potenziale inaspettato.”