L’Isola dei Morti (Die Toteninsel)

Cagliari - 15/12/2012 : 09/01/2013

Prendendo come riferimento L’Isola dei Morti nella sua esegesi formale e concettuale, diciassette artisti di diversa provenienza territoriale e differenti background di appartenenza ne restituiscono una lettura che conferma la contemporaneità di un’opera che sembra essere eterna.

Informazioni

Comunicato stampa

“Plumbeo mar, sepolcrale isola, cime
lugubri alto surgenti, alto invocanti
delle rupi, o flegrei canti e compianti,
densi di erranti strofe in bieche rime.”
(Giovanni Camerana dal IV sonetto a Arnold Böcklin)


Sabato 15 dicembre alle ore 18.30, nella Sala della Torretta all’Exmà si inaugura la mostra collettiva L’Isola dei Morti (Die Toteninsel) a cura di Roberta Vanali con opere realizzate ad hoc per il progetto.
Popolare fin dal principio del XX secolo, l’artista la descrive come "un'immagine onirica: essa deve produrre un tale silenzio che il bussare alla porta dovrebbe fare paura”

Arnold Bocklin dipinse 5 versioni dell’opera dal 1880 al 1886 e artisti come Dalì, Munch e Giger ne diedero la loro interpretazione.
Prendendo come riferimento L’Isola dei Morti nella sua esegesi formale e concettuale, diciassette artisti di diversa provenienza territoriale e differenti background di appartenenza ne restituiscono una lettura che conferma la contemporaneità di un’opera che sembra essere eterna.

Michele Andrich, Silvia Argiolas, Irene Balia, Antonio Bardino, Nicola Caredda, Piercarlo Carella, Andrea Carpita, Gianni Casagrande, Stefano Cozzolino, Elisa Desortes, Ester Grossi, Claudia Matta, Silvia Mei, Pastorello, Paolo Pibi, Giuliano Sale, Daniele Serra.

In data ancora da stabilire Carla Deplano (Associazione Babel) terrà una conferenza sul tema.