L’intervallo necessario

Salerno - 12/11/2011 : 12/12/2011

La mostra offrirà attraverso il lavoro di sei artisti da tempo attivi sulla scena artistica internazionale un’occasione di verifica dell’attualità del pensiero di Dorfles di cui verrà in particolare indagata la riflessione, più volte ripresa nel corso della sua lunga attività, sull’horror vacui che caratterizza il nostro presente e sulla necessità di recuperare, nell’arte e nella vita, l’intervallo perduto.

Informazioni

Comunicato stampa

Decano degli studi di Estetica in Italia, teorico e critico dell’arte, del design e dell’architettura, studioso delle oscillazioni del gusto e del divenire (delle arti come della critica), Gillo Dorfles è il protagonista della riflessione che, attraverso una mostra ed una giornata di studi, la Fondazione Filiberto Menna anche quest’anno dedica ad una voce particolarmente significativa della critica d’arte contemporanea

Proseguendo infatti il percorso intrapreso nel 2009 con la mostra e il convegno dedicati a Filiberto Menna, e continuato lo scorso anno con una serie di iniziative dedicate ad Harald Szeemann, il 12 novembre 2011 alle ore 18,30 verrà inaugurata a Salerno, negli spazi dell’Archivio dell’Architettura Contemporanea (Via Porta Elina), la mostra L’intervallo necessario. Artisti in dialogo con Gillo Dorfles, che presenterà, a cura di Antonello Tolve e di Stefania Zuliani, opere di Bianco-Valente, Devrim Kadirbeyoglu, Pierpaolo Lista, Piero Mottola, Nicolas Pallavicini e Rosy Rox. L’esposizione, a cui farà da irrinunciabile premessa una mattinata di studi - La critica in divenire. Omaggio a Gillo Dorfles (12 novembre 2011, ore 10.30 / Sala Conferenze della Fondazione Filiberto Menna – interventi di Maria De Vivo, Maria Giovanna Mancini, Elena Giulia Rossi, Antonello Tolve, Eugenio Viola, Francesco Vitale) – offrirà attraverso il lavoro di sei artisti da tempo attivi sulla scena artistica internazionale un’occasione di verifica dell’attualità del pensiero di Dorfles di cui verrà in particolare indagata la riflessione, più volte ripresa nel corso della sua lunga attività, sull’horror vacui che caratterizza il nostro presente e sulla necessità di recuperare, nell’arte e nella vita, l’intervallo perduto.
L’iniziativa, che vedrà la presenza a Salerno dello stesso Gillo Dorfles, vuole essere non soltanto un omaggio, nelle forme dell’arte e del lavoro teorico, ad un maestro della critica d’arte internazionale ma intende anche sottolineare la necessità di riattivare, nell’ambito delle mostre come nel dibattito che le accompagna, un più consapevole impegno critico. Una capacità di indagare nella loro complessità le trasformazioni dell’arte e di interpretarne gli orientamenti che ha senza dubbio segnato la lunghissima e infaticabile attività di Dorfles, la sua intensa ricerca teorica ma anche la sua esperienza, forse meno nota ma sicuramente felice, di “pittore clandestino”. La mostra si avvale del sostegno del Comune di Salerno e della Provincia di Salerno e di un contributo della Fondazione Carisal.