Lettera autografa di Giacomo Leopardi

Napoli - 20/12/2020 : 20/12/2020

IN MOSTRA LA RARA LETTERA DI LEOPARDI AL CONTE MUZZARELLI RECENTEMENTE ACQUISITA, AUTOGRAFI E SPLENDIDI MANOSCRITTI MINIATI

Informazioni

  • Luogo: BIBLIOTECA NAZIONALE VITTORIO EMANUELE III
  • Indirizzo: piazza Plebiscito, 1 - Napoli - Campania
  • Quando: dal 20/12/2020 - al 20/12/2020
  • Vernissage: 20/12/2020 ore 10
  • Generi: documentaria, disegno e grafica
  • Orari: Apertura Straordinaria Museale e Bibliografica Domenica 20 dicembre ore 10-14

Comunicato stampa

Percorsi di visita IN SICUREZZA su prenotazione alla Biblioteca Nazionale di Napoli Domenica 20 dicembre dalle ore 10 alle 14 per conoscere lo straordinario patrimonio librario della biblioteca ed ammirare le monumentali sale che ospitano i preziosi fondi





Sarà esposta per la prima volta lettera autografa di Giacomo Leopardi scritta a Bologna nel dicembre 1825 ed indirizzata all’ amico e letterato, il Conte Carlo Emanuele Muzzarelli, acquisita dalla Biblioteca Nazionale di Napoli lo scorso 18 novembre all’asta della FINARTE; si tratta di un documento di particolare interesse bibliografico e storico che richiama il clima risorgimentale di quegli anni e la sincera ammirazione dei liberali per le prime Canzoni di Leopardi e soprattutto per quella “All'Italia” (si espone la prima bozza di stampa del componimento con correzioni autografe di Leopardi.​) dalla quale traspare l’entusiasmo patriottico di Leopardi . In mostra anche un Passaporto rilasciato a Giacomo Leopardi dallo Stato Pontificio, Roma , 27 giugno 1825, e lo Zibaldone. Si potrà ammirare anche una selezione di preziosi manoscritti miniati presenti nelle raccolte della Biblioteca , scelti tra quelli di argomento religioso legati al Natale, tra questi due opere di inestimabile valore artistico: il Libro d’ore di Alfonso D’Aragona e Horae Beatae Mariae Virginis, meglio conosciuto come FLORA, per le splendide decorazioni naturalistiche di scuola franco-fiamminga



La visita in piccoli gruppi conduce dal maestoso Salone di Lettura con decorazioni in stucco ed oro alle storiche sale splendidamente affrescate, alle terrazze prospicienti il mare, con vista mozzafiato sul golfo di Napoli dominato dal Vesuvio . E’ possibile visitare il Laboratorio di Restauro.

INGRESSO fino ad esaurimento dei posti

PRENOTAZIONE ( da mercoledì 16 a venerdì 18) su https://www.planyo.com/booking.php?calendar=57337

Per informazioni, modalità di prenotazione e istruzioni sulle visite consultare il sito www.bnnonline.it e le pagine social




per i giornalisti contattare l'

ufficio Stampa L.Tarsitano 3396651016 ; su Facebook . Biblioteca Nazionale di Napoli news)









nota

Officia varia. (Libro d’ore di Alfonso d’Aragona)

Ms. membr., sec. XV (1456 ca), cc. 457 [ma 454], scrittura umanistica, miniato.

Legatura in pelle marrone (sec. XVI) decorata a nastri impressi in oro, che racchiudono uno

stemma; tagli dorati, incisi e colorati; sul contropiatto anterioe ex-libris della Biblioteca del Principe

di Torella.

Il codice, molto prezioso sia sotto l’aspetto testuale che artistico, tanto da essere considerato uno dei

cimeli della Biblioteca Nazionale di Napoli, proviene dalla Biblioteca dei Re d’Aragona e fa parte

del Fondo Aragonese.

Appartenuto ad Alfonso il Magnanimo, il codice fu probabilmente donato dal suo successore,

Alfonso II, al convento napoletano di Monteoliveto. Passato nella biblioteca del principe di Torella,

il Libro d’ore fu venduto a fine Ottocento alla famiglia Sterling, per poi confluire nella raccolta

privata di un collezionista londinese, H. Eisemann. Nel 1955 il manoscritto, acquistato a Londra

grazie al contributo di vari enti napoletani, fu destinato alla Biblioteca Nazionale di Napoli.

Fondo Aragonese.







Horae Beatae Mariae Virginis (La Flora)

Ms. membr., sec. XV (dopo 1483), cc. I, 368, I, scrittura gotica francese, miniato.

Legatura in pelle con cornice e stemma dorati sui piatti.

Presenti oltre cento miniature di area franco -fiamminga,di cui 36 a piena pagina.

Le miniature sono attribuite a Simon Marmion (miniature riportate) e a Geergen Horenbout,

considerato il miniatore principale.

Fondo Farnese.



1. Horae Beatae Mariae Virginis secundum usum Rothomagensis Ecclesiae, cum calendario (Ms. I B 27)

2. Horae Beatae Mariae Virginis (Ms. I B 30)



Non meno raffinati e preziosi sono gli altri due manoscritti, esposti anch’essi libri di preghiera dedicati alla

Vergine Maria. Entrambi di area francese, ma con influssi fiamminghi, sono riccamente ornati da

numerose miniature di pregevole fattura, inquadrate in sontuose cornici a fogliami dorati e

variopinti.