Leonardo torna in Castello

Vigevano - 02/02/2013 : 02/02/2013

La presentazione “Leonardo torna in Castello” presso l'Auditorium S. Dionigi, incentrata su Vigevano, sarà il primo passo di questa seconda fase del percorso intrapreso dal Consorzio A.S.T., insieme a tutti i partner e in cui verrà condivisa l'idea di progetto per il nuovo polo multimediale su Leonardo da Vinci, che sorgerà all'interno del Palazzo Ducale del Castello di Vigevano.

Informazioni

Comunicato stampa

“LEONARDO TORNA IN CASTELLO”
e questa volta per rimanerci.


Da qualche anno ormai il 2 di febbraio rappresenta per il Consorzio A.S.T. – Agenzia per lo Sviluppo Territoriale un'opportunità per fare bilanci o per creare eventi speciali. La data è emblematica perché ricorda un appunto di Leonardo da Vinci sui suoi famosi taccuini e lega in modo imprescindibile la presenza del Genio a Vigevano. Fu proprio questo legame ad ispirare più di 5 anni fa l'idea di realizzare un grande progetto declinato in numerose iniziative per il nostro territorio legate alla sua figura



Quest'anno questa data rappresenta sia un punto d'arrivo che un punto di partenza.
Punto d'arrivo di quel progetto “Leonardo e Vigevano” (finanziato principalmente dalla Fondazione Banca del Monte di Lombardia, ma che ha avuto anche l'importante appoggio della Fondazione Piacenza e Vigevano e della Camera di Commercio di Pavia) che ha portato più di 200.000 presenze sul territorio grazie a 5 mostre, 2 edizioni di Rice – I Sapori del Riso Italiano e il Forum “Multimedia per la Cultura”.

Un punto di partenza per il progetto “Leonardo, le acque e il riso”, finanziato da Fondazione Cariplo e da Arcus S.p.A con la partecipazione oltre che del Comune di Vigevano, anche della Diocesi di Vigevano, del Comune di Lomello e del Consorzio d'Irrigazione Est Sesia, che nasce dai successi del primo e ne rappresenta il naturale proseguimento nell'attività di promozione territoriale e divulgazione culturale attraverso l’applicazione delle tecnologie multimediali.
Due progetti, due tappe di un percorso di sviluppo territoriale capace di impattare sia sul tessuto economico-imprenditoriale che su quello socio-culturale e che ha come primo traguardo ideale l’Expo 2015.

“Leonardo, le acque e il riso”, che ha ricevuto un finanziamento totale di circa euro 2.000.000,00 è un progetto complesso diviso in sette azioni che prevedono interventi a Vigevano e in Lomellina.

Le diverse azioni includeranno interventi finalizzati alla realizzazione del polo multimediale su Leonardo da Vinci nel Castello di Vigevano e del Museo diffuso delle acque e del riso nella Chiesa di S. Rocco di Lomello, interventi inerenti all’Abbazia di Acqualunga e alla Pieve di Velezzo, infine interventi volti al miglioramento della fruizione dei percorsi culturali e turistici e alla messa in rete reale e digitale degli elementi di pregio collegabili idealmente ai temi fondamentali del progetto.

La presentazione “Leonardo torna in Castello” di sabato 2 febbraio presso l'Auditorium S. Dionigi, incentrata su Vigevano, sarà dunque il primo passo di questa seconda fase del percorso intrapreso dal Consorzio A.S.T., insieme a tutti i partner e in cui verrà condivisa l'idea di progetto per il nuovo polo multimediale su Leonardo da Vinci, che sorgerà all'interno del Palazzo Ducale del Castello di Vigevano.

Questo nuovo spazio si configurerà come un ente di valore europeo sull’applicazione delle tecnologie multimediali alla valorizzazione dei beni culturali e del turismo, unitamente a un percorso narrativo legato a Leonardo e al Rinascimento.
Il polo sarà dunque articolato su più sezioni: da un lato ricerca e studio, dall’altro sezioni espositive, alcune delle quali di carattere temporaneo, per eventi, dedicate a studi vinciani e all’applicazione di tecnologie multimediali.

Durante la mattinata interverranno coloro che possono considerarsi sotto diversi aspetti gli artefici di questo nuovo spazio che avrà tra i suoi scopi quello di attrarre visitatori ma anche quello di creare un network internazionale con altre realtà che operano nell’ambito della valorizzazione dei beni culturali e del turismo attraverso nuove tecnologie, consentendo alla nostra area di godere delle interazioni positive con altri soggetti ed enti che affrontano con approccio similare l’obiettivo della valorizzazione culturale, turistica ed economica.

Saranno dunque presenti oltre il Presidente e il direttore di AST, Giovanni Brogin e Alessandro Mazzoli, Mario Ricciardi, professore del Politecnico di Torino, Simone Ferrari, professore dell' Università di Parma e Ico Migliore, architetto e fondatore dello studio Migliore+Servetto Architects di Milano.