Le domaine enchanté

Napoli - 14/07/2016 : 10/10/2016

Galleria Acappella è lieta di presentare la mostra 'Le domaine enchanté' curata da Domenico de Chirico.

Informazioni

Comunicato stampa

Galleria Acappella is pleased to announce a group exhibition titled 'Le domaine enchanté' curated by Domenico de Chirico featuring works by Sebastian Burger, Alex Chaves, Leon Eisermann, Sayre Gomez, Morgan Mandalay, Orion Martin, Alexandra Noel, Zoé de Soumagnat.

Le saboteur tranquille (1898 – 1967) arguably the most influential figure in Belgian Surrealism, has succeeded in painting pictures— often imbued with dark humour—that channel those obsessions and feelings of eeriness and displacement that arise when seeking an answer to the mystery of life and when trying to work out the processes of thought and human perceptions



René Magritte has elected painting as his preferred means of investigation. He goes about it by raising doubts on reality itself and addressing totality as a mystery, never seeking to define it. Nor does he ever reach other dimensions, since his idea of absurdity does not inhabit the realms of the unknown or the utopic, but it is found instead in day-to-day reality.

For this reason, his image —obsessively recurrent and ambiguously ironic— is primarily a reproduction of what occurs in reality but on top of that, it is also an illusionary joke, articulated through a visual language characterized by utter simplicity of enunciation and stylistic immediacy.

Enigma, nonsense, irrationality and displacement in the realm of the symbols, images and patterns that inhabit the subconscious are the conceits surrealism has wilfully conveyed.

This whole exhibition is freely inspired, both in a surrealistic and in a metaphorical way, by René Magritte's mural painting 'Le domaine enchanté' (1953 circa, Knokke-le-Zoute, Casino, Belgium): among the most emblematic pieces in his oeuvre, a large scale and paramount summary of his main iconographical leitmotif.


Domenico de Chirico



Galleria Acappella è lieta di presentare la mostra 'Le domaine enchanté' curata da Domenico de Chirico con opere di Sebastian Burger, Alex Chaves, Leon Eisermann, Sayre Gomez, Morgan Mandalay, Orion Martin, Alexandra Noel, Zoé de Soumagnat.
Le saboteur tranquille (1898 – 1967), considerato il maggiore esponente del surrealismo in Belgio, ha saputo narrare con le immagini, spesso impregnate di humour noir, lo spaesamento, le ossessioni e l’inquietudine dell’uomo moderno quando tenta di dare un senso al mistero della vita, al funzionamento del pensiero e alla questione della percezione umana.
Per René Magritte è la pittura il mezzo che può aiutare in questa indagine, insinuando dubbi sul reale attraverso la rappresentazione del reale stesso e alludendo al tutto come mistero, senza mai definirlo. Egli non approda in altre dimensioni, l’assurdo per lui non abita mondi ignoti o utopici ma è nella realtà quotidiana. Pertanto, l’immagine, ossessivamente ritornante, ironicamente ambigua e surreale, non è soltanto una fedele riproduzione di ciò che esiste ma può essere anche un’illusione, uno scherzo, una burla poiché guidata sia da un linguaggio visivo di sconcertante semplicità sia da uno stile di odeporica perspicuità. Enigma, nonsense, irrazionalità e spaesamento dell'uomo in un mondo inconscio fatto di immagini, simboli e consuetudini, questo è il messaggio che il surrealismo vuole perpetuare. L’intera mostra è liberamente, metaforicamente e smodatamente ispirata alla pittura murale 'Le domaine enchanté'(1953 circa, Casino di Knokke-le-Zoute, Belgio), opera tra le più emblematiche nella grande epopea della produzione magrittiana, in larga scala e sommo riassunto del suo leitmotif iconografico.

Domenico de Chirico