Le Affinità Selettive – Premio Lissone Design – Speciale EXPO 2015 #1

Milano - 28/05/2015 : 28/06/2015

La tappa #01 della mostra “Le Affinità Selettive - Premio Lissone Design - Speciale EXPO 2015” inaugurerà all'interno del Teatro Agorà della Triennale.

Informazioni

  • Luogo: TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE
  • Indirizzo: Viale Emilio Alemagna 6 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 28/05/2015 - al 28/06/2015
  • Vernissage: 28/05/2015 ore 18
  • Generi: design

Comunicato stampa

La tappa #01 della mostra “Le Affinità Selettive - Premio Lissone Design - Speciale EXPO 2015” inaugurerà all'interno del Teatro Agorà della Triennale: Francesco Faccin, Ilaria Innocenti/Giorgio Laboratore, Tania da Cruz e Tecnificio del gruppo COLTIVARE sono i primi quattro designer che presenteranno i loro progetti in linea con il tema EXPO 2015 “Nutrire il pianeta”. Soluzioni, idee e comportamenti attraverso i quali ridiventare protagonisti di un processo ciclico che dalla terra arriva all'uomo



Tutti i progetti sono stati realizzati da qualificate aziende del territorio, realtà che da sempre si distinguono per eccellenza e versatilità nella lavorazione di materiali di qualità.


Francesco Faccin - "Allevamento Domestico"


Ilaria Innocenti e Giorgio Laboratore - "Colonie. Addomesticare gli insetti utili"


Tania da Cruz - "Lia"


Tecnificio - "Aurora".

A 30 anni dalla mostra “Le affinità elettive”, il Comune di Lissone con la Triennale di Milano presentano “Le Affinità Selettive - Premio Lissone Design - Speciale EXPO 2015”: una mostra in continua evoluzione che dal 28 maggio sarà ospitata nella Sala Agorà della Triennale per poi trasferirsi al MAC - Museo d’Arte Contemporanea di Lissone, dove rimarrà fino ad ottobre.

A tessere le fila di questa iniziativa è il Professor Aldo Colonetti: "Il progetto Le Affinità Selettive, attraverso le tre fasi fondamentali del rito alimentare, Coltivare Cucinare Mangiare, rimette al centro la persona, da un lato, e dall’altro, la natura, intesa come potenzialità diffusa e 'democratica' ".

I dodici designer scelti hanno realizzato idee che esprimono convivialità, sostenibilità, cultura, sociologia del territorio, tradizione, stimolo e sensibilizzazione.