L’esposizione presenta una selezione di dipinti di Zaha Hadid insieme a delle fotografie di Joel Sternfeld.

Informazioni

  • Luogo: BUCHMANN GALERIE
  • Indirizzo: Via Gamee 6 - Collina D'oro - Ticino
  • Quando: dal 24/08/2013 - al 31/10/2013
  • Vernissage: 24/08/2013 dalle 16:00 alle 18:00
  • Autori: Zaha Hadid, Joel Sternfeld
  • Generi: architettura, fotografia, arte contemporanea, doppia personale, disegno e grafica
  • Orari: Tutti i giorni su appuntamento

Comunicato stampa

La Galleria Buchmann ha il piacere di annunciare l’apertura della mostra Landscape? L’esposizione presenta una selezione di dipinti di Zaha Hadid insieme a delle fotografie di Joel Sternfeld. Nonostante le differenti modalità espressive e la diversità dei soggetti raffigurati, le opere dei due artisti stabiliscono un affascinante dialogo tra architettura e paesaggio.
L’architetta irachena Zaha Hadid (*1950, Baghdad) raggiunge la fama nei primi anni 80, grazie a una serie di disegni e dipinti dove sviluppa una riflessione sul valore e l’importanza del progetto di opere architettoniche


I Silver Paintings esposti ad Agra, affrontano la tematica del rapporto tra paesaggio urbano e architettura. I suoi lavori assumono una valenza quasi utopica, in quanto non mostrano delle realtà fisiche, ma piuttosto delle possibilità architettoniche. Zaha Hadid sperimenta nuovi concetti spaziali alla ricerca di un’estetica visionaria che abbraccia tutti i campi del design urbano. Inoltre nei suoi Silver Paintings la particolare lavorazione delle superfici, le modulazioni di colore, le sfumature dal chiaro allo scuro, contribuiscono a creare una nuova rappresentazione dei paesaggi urbani tra realtà e visione.
La validità dei suoi progetti è oggi riconosciuta a livello internazionale. Nel 2012 Zaha Hadid realizza il London Aquatics Centre, una delle principali sedi delle olimpiadi estive di Londra.
Il fotografo statunitense Joel Sternfeld (*1944, New York) inizia la sua attività a partire dagli anni 70, dopo aver studiato le teorie del colore di norma applicate in architettura e pittura. Sternfeld è stato tra i primi insieme a William Eggleston e Stephen Shore ad elevare la fotografia a colori a pratica artistica e di ricerca.
Senza dubbio i suoi paesaggi continuano e ampliano la tradizione della fotografia documentaria americana iniziata negli anni 30 da Walker Evans. I suoi lavori nascondono spesso un sottile sarcasmo, che spinge lo spettatore a interrogarsi sulla problematica natura dello sguardo. Un’altra importante caratteristica delle opere di Sternfeld, è il rapporto, mai arbitrario, tra colore e soggetto rappresentato. Nelle fotografie esposte ad Agra, grazie anche alle grandi dimensioni, lo sguardo si perde nella natura dei paesaggi americani e nella storia delle campagne romane.