Per Art White Night, si sviluppa nello Spazio Torre Oseletti un evento unico nel suo genere artistico e concettuale. In questo spazio di impianto medievale, a Bologna, centralissimo a pochi metri dalle Due torri che contraddistinguono Bologna nel mondo, sulla antica via Emilia, svetta la Torre Oseletti e per Art White Night diventa un luogo di performance contemporanea all’interno di una cornice unica al mondo.

Informazioni

Comunicato stampa

Per Art White Night, si sviluppa nello Spazio Torre Oseletti un evento unico nel suo genere artistico e concettuale. In questo spazio di impianto medievale, a Bologna, centralissimo a pochi metri dalle Due torri che contraddistinguono Bologna nel mondo, sulla antica via Emilia, svetta la Torre Oseletti e per Art White Night diventa un luogo di performance contemporanea all’interno di una cornice unica al mondo

L’idea è nata da un evento accaduto più di cinquecento anni fa: in occasione di una importante festa giocolieri dell’antica Bononia tirarono una fune sino alla torre Asinelli e lì si esibirono in meravigliose acrobazie camminando sul vuoto. In questa occasione, i giocolieri sono gli artisti che con proiezioni e performance unite alla scultura, fotografia e pittura, ripercorrono quelle acrobazie in chiave contemporanea. Con questo evento, si apre nel chiostro, nel piede della Torre e negli esterni una magia acrobatica ed artistica assolutamente innovativa ma internazionale così come lo è Arte Fiera Bologna.
Un contemporaneo intervento all'interno della casa Torre, pensato e ideato insieme a Raimonda Z.Bongiovanni e collaborazioni di grande prestigio, prevede l’inaugurazione e preview venerdi 23 gennaio alle ore 18.00 proprio per Art White Night, Ingresso ad invito esclusivo con degustazione Vini Gamberini e le specialità culinarie tipicamente felsinee di Uova e Farina. Lo Spazio Torre Oseletti resterà aperto anche sabato 24 gennaio per la Notte Bianca con visita delle opere in esterno dalle 20 alle 22.
Si segnala serata dell’Art White Night, 24 gennaio in collaborazione presso il Grand Hotel Majestic già Baglioni, su invito riservato dalle 18

Tre gli artisti contemporanei che si confrontano:
Giacomo Maria Cavina , già ideatore del prestigioso evento “Il Guercino nel Guercino” per Arte Fiera 2015 e Mambo, in casa Talon, nonché scultore presente in Italia e all'estero in vari musei e fondazioni, piazze e collezioni con la nuova serie Sculture Leggere .

Grelo visual artist presente in Italia e Svizzera, in varie Collezioni e Istituti, con la serie inedita Fashion and Consciousness

Michele Vincieri fotografo e performer con la serie creata per l’evento e presentata al Grand Hotel Majestic il 29 novembre 2014, Ocean Frame

Scultura, pittura e fotografia dialogano con l'ambiente , riportando anche un affresco trecentesco raffigurante la Madonna Nera inedita e poco conosciuta e fu proprio da quell’evento dei giocolieri – oggi artisti e performer – che si unisce il contemporaneo, vero ago della bilancia dell’Arte Internazionale con Arte Fiera 2015, al classico ed antico in un cross over che vuole essere di prestigio per le iniziative per la città di Bologna, luogo di rara bellezza e splendore.