La necessità del caso

Venezia - 12/09/2014 : 28/09/2014

Mostra doppia personale

Informazioni

Comunicato stampa

LA NECESSITA' DEL CASO
Elio Rosolino Cassarà
Jeffrey Isaac

a cura di Andrea Chinellato
presentazione critica a cura di Gaetano Salerno

Inaugurazione venerdì 12 settembre 2014, ore 19.00
Palazzo Cà Zanardi - Cannaregio 4132 – Venezia

Si inaugura venerdì 12 settembre 2014, alle ore 19.00, presso gli spazi espositivi di Ca’ Zanardi la mostra La Necessità del Caso degli artisti Elio Rosolino Cassarà e Jeffrey Isaac.

La mostra, curata da Andrea Chinellato, visitabile fino a domenica 28 settembre, è realizzata in collaborazione con Venice Art House, Segnoperenne e con il critico d’arte Gaetano Salerno



ELIO ROSOLINO CASSARA’
Una serie di tele di grandi dimensioni con le quali Elio Rosolino Cassarà (Mazara del Vallo, 1974; vive e lavora a Berlino) prosegue una personale riflessione sul paesaggio e sulla visione già avviata durante gli anni di studio e ricerca trascorsi a Venezia.

Un ritorno dunque, a distanza di anni, nella città che ha fortemente condizionato lo sguardo dell’artista sugli spazi esterni e suggestivi offerti dall’ambiente lagunare, su scorci e atmosfere cromatiche lontane dalle forme consuete della realtà fenomenica eppure ancora fortemente legate ai colori e agli stati d’animo di questa realtà artistica così pregnante.

Nelle quaranta opere che compongono la serie, si stagliano perciò segni materici e pennellate gravi oltre le quali esistono, come tra le righe e oltre le righe di parole in successione di un romanzo esistenziale, molteplici sviluppi narrativi, molteplici testimonianze vitali, molteplici epiloghi.

JEFFREY ISAAC
Per l’artista newyorkese è un gradito ritorno nella sede lagunare dopo essere stato presentato durante la Biennale di arti visive del 2009 con la mostra collaterale MANIFEST DESTINIES.

Le sue opere esposte possono sembrare iper-realiste, ma non è di sola tecnica che si tratta, Jeffrey Isaac si definisce un artista concettuale, i suoi soggetti fanno parte di una realtà impossibile o improbabile, in contrasto con lo stile di pittura neutro, fotografico proprio dell’iperrealismo..