konFRONTIERt. Writing Street Art e spazio pubblico

Bologna - 08/02/2013 : 09/02/2013

Un’importante occasione di studio e confronto fra metodologie e professionalità differenti, come testimonianza tangibile di quanto il Writing e la Street Art possano essere osservate, studiate ed esaminate in una prospettiva multi disciplinare.

Informazioni

Comunicato stampa

konFRONTIERt
Writing, Street Art e spazio pubblico: ipotesi, ricerche e confronti

Seconda tappa del progetto Frontier, dedicato al Writing e alla Street Art: un convegno aperto al pubblico per analizzare insieme a studiosi, esperti e artisti due discipline riconosciute a livello internazionale come forme di espressione tra le più interessanti nel panorama dell’arte contemporanea.

Dopo la completa realizzazione delle tredici grandi facciate nel corso del 2012, il progetto Frontier – La linea dello stile è giunto al secondo passaggio, fondamentale per la riflessione e l’analisi scientifica delle due discipline


L’8 e il 9 febbraio 2013, presso la sala conferenze del MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, si terrà konFRONTIERt. Writing, Street Art e spazio pubblico: ipotesi, ricerche e confronti, un’importante occasione di studio e confronto fra metodologie e professionalità differenti, come testimonianza tangibile di quanto il Writing e la Street Art possano essere osservate, studiate ed esaminate in una prospettiva multi disciplinare.

Le due giornate di studio presentano infatti numerose possibilità di lettura e codifica delle svariate anime dei due contesti. L’indagine analitica, grafica e dinamica della lettera (riconosciuta come “anima” del gesto pittorico del Writing) e la lettura del territorio in cui le opere si inseriscono negli interventi di Leonardo Sonnoli, di Andrea Mubi Brighenti, nelle testimonianze dirette di Dado e di Simone Pallotta.
La riflessione sullo spazio pubblico è affidata all’esperienza di Ramon Parramon, alle visioni di Lorenzo Bini e di Jane Rendell, alle analisi semiotiche di Francesco Marsciani, agli interrogativi sulla democrazia della comunicazione visiva di Christian Omodeo. Gli interventi di Claire Calogirou, di Andrea Pizzi e di Stewart Home allargheranno la discussione alle tematiche di musealizzazione della Street Culture, dei rapporti tra Street Art e diritto, delle radici controculturali dei movimenti.

PROGRAMMA COMPLETO



Writing, Street Art and Public Space: hypotheses, surveys and comparisons

Second stage of the project Frontier is dedicated to Writing and Street Art: an international symposium – open to the public – to analyze together with scholars, experts and artists both disciplines internationally recognized as forms of expression among the most interesting in the world of contemporary art.
After the completion of the thirteen large facades in the course of 2012, the Frontier project has come to the second step, which is essential for reflection and scientific analysis of the two disciplines.
On 8 and 9 February 2013, at the conference hall of MAMbo – Museum of Modern Art in Bologna, will be held konFRONTIERt. Writing, Street Art and Public Space: hypotheses, research and comparisons, an important opportunity for study and understand of different methods and professionalism, as tangible evidence of how the Writing and Street Art can be observed, studied and examined in a multi-perspective specification.
The two study days are in fact many ways of reading and coding of the various souls of the two movements. The analytical investigation, graphics and dynamic of the letter (known as the “soul” of the pictorial gesture of Writing) and understanding of the area in which the works fit into the speaches of Leonardo Sonnoli, Andrea Mubi Brighenti, in the direct testimony of Dado and Simone Pallotta.
Reflection on public space has been assigned to Ramon Parramon, visions of Lorenzo Bini and Jane Rendell, the semiotic analysis of Francesco Marsciani and questions about democracy in visual communication of Christian Omodeo.
The speeches of Calogirou Claire, Andrea Pizzi and Stewart Home broaden the discussion to issues of museum display of Street Culture, to the relationship between law and Street Art, and to the roots of the counterculture movement.

PROGRAMMA

8 e 9 febbraio 2013 | MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna | Sala Conferenze

venerdì 8 febbraio 2013

9:00 – saluti/opening session
Massimo Mezzetti (Assessore alla Cultura e Sport della Regione Emilia-Romagna)
Alberto Ronchi (Assessore alla Cultura, Politiche Giovanili e Rapporti con l’Università del Comune di Bologna)
Gianfranco Maraniello (direttore/director of MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna)

10:00 – introduzione di/intro by Claudio Musso e/and Fabiola Naldi

10:30 – Writing come discpilina
Dado (artista/artist)

11:30 – An European Graffiti Collection in the MuCEM
Claire Calogirou (etnologa/etnologist, dottore in antropologia presso/doctor of Antropology at CNRS-IDEMEC, MuCEM)

13:00 – 14:30 – pausa / pause

14:30 – La modifica della percezione spaziale e le trasformazioni del senso vissuto. Una lettura di alcuni interventi
Francesco Marsciani (professore di Semiotica presso il/professor of Semiotics at Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, direttore di/director of CUBE)

15:30 – From Critical Spatial Practice to Site-Writing: Art, Architecture and Urbanism
Jane Rendell (critico d’arte e storico dell’architettura/art critic and architecture historian, teorico e progettista/theorist and designer , professore di Architettura e Arte/professor af Art and Architecture, Vice Dean of Research presso la Bartlett, University College di Londra)

16:30 – Per una territoriologia del Writing
Andrea Mubi Brighenti (teorico sociale presso/social theorist at Dipartimento di Sociologia dell’Università di Trento)

17:30 – Creative Practices, Collective Strategies, Networking and Social Space
Ramon Parramon (artista/artist, docente/lecturer, direttore del/director of ACVIc – Centro per le Arti Contemporanee di Barcellona, direttore e fondatore di/founder and director of Idensitat)

18:30 – chiusura/closure



sabato 9 febbraio 2013

10:00 – Le mani sulla città
Simone Pallotta (direttore artistico di/director of WALLS_contemporary public art, curatore indipendente/independent curator e storico dell’arte/art historian)

11:00 – Analfabeti nello spazio
Leonardo Sonnoli (designer grafico/graphic designer, partner dello studio Tassinari/Vetta, docente presso/lecturer at ISIA di Urbino e alla RISD di Providence)

12:00 – studio milano
Lorenzo Bini (architetto/architect)

13:00 – 14:30 – pausa / pause

14:30 – Street Art: la frontiera e il diritto
Andrea Pizzi (avvocato specializzato in diritto dell’arte, proprietà intellettuale, media/lawyer specializing in art law, intellectual property, media)

15:30 – Descent into the Street: Escaping the Institution of Art
Stewart Home (artista, scrittore, teorico dei media/artist, writer, media theorist)

16:30 – Democrazia visiva e spazio pubblico: controllo e repressione del Writing
Christian Omodeo (curatore indipendente/independent curator, ricercatore presso/researcher fellow at Université Paris-Sorbonne)

17:30 – chiusura con/final closure with Gianfranco Maraniello, Claudio Musso e/and Fabiola Naldi