Journal – Chapter IX: Mario Airò

Pescara - 23/04/2020 : 23/04/2020

Il capitolo lX di Journal presenta un’intervista a Mario Airò in cui racconta del suo lavoro, dei suoi esordi nella Milano degli anni ’80 e dello spazio autogestito a cui da vita, insieme ad altri artisti, di Via Lazzaro Palazzi.

Informazioni

  • Luogo: VISTAMARE
  • Indirizzo: Largo Dei Frentani 13 - Pescara - Abruzzo
  • Quando: dal 23/04/2020 - al 23/04/2020
  • Vernissage: 23/04/2020 NO SOLO EVENTO ONLINE
  • Autori: Mario Airò
  • Generi: serata – evento

Comunicato stampa

Chapter lX of Journal presents an interview by Mario Airò in which he tells about his work, the beginning in Milan in the 80s and of the self-managed space he opening with other artists at Via Lazzaro Palazzi.



Mario Airò was Luciano Fabro’s student and his artistic research is characterised by a total absence of intellectual boundaries: he defines as a “roving”, amid very different philosophies and means of expression. His works, with a powerful inventiveness, have also an intimate vision of immanent reality

His artistic language is inspired by many cultures - literary, mythology, cinema and history of art - together with the use of simple everyday objects. A poetry creator capable of revealing the space of his imagination.



Mario Airò (1961, Pavia, Italy) lives and works in Milan. His work has been presented in several museums and institutions and is included in major public and private collections worldwide.







---------------------







Il capitolo lX di Journal presenta un’intervista a Mario Airò in cui racconta del suo lavoro, dei suoi esordi nella Milano degli anni ’80 e dello spazio autogestito a cui da vita, insieme ad altri artisti, di Via Lazzaro Palazzi.



Allievo di Luciano Fabro, la ricerca artistica di Mario Airò si caratterizza per l’assenza completa di censure di natura intellettuale: il suo è un “vagabondare”, definizione data da lui stesso, tra sistemi di pensiero e mezzi espressivi diversi. Le sue opere, di una forte potenza immaginifica, hanno anche una visione sempre intimistica della realtà immanente. Il suo linguaggio artistico si ispira a molteplici riferimenti culturali- provenienti dalla letteratura, dalla mitologia, dal cinema e dalla storia dell’arte –e all’utilizzo di oggetti semplicissimi appartenenti al nostro quotidiano. Un creatore di poesia in grado di svelare lo spazio della sua immaginazione.



Mario Airò (1961, Pavia, Italia) vive e lavora a Milano. Il suo lavoro è stato presentato in molti musei ed è incluso nelle principali collezioni pubbliche e private di tutto il mondo.













Chapter Vlll: ROSA BARBA - vistamare.gallery/journal-rosa-barba



Chapter Vll: ANNA FRANCESCHINI - vistamare.gallery/journal-anna-franceschini



Special Edition: JOSEPH KOSUTH in conversation with LEO CASTELLI - vistamare.gallery/journal-joseph-kosuth-special-edition



Chapter Vl: JOSEPH KOSUTH - vistamare.gallery/journal-joseph-kosuth



Chapter V: ARMIN LINKE - vistamare.gallery/journal-armin-linke



Chapter lV: HAIM STEINBACH - vistamare.gallery/journal-haim-steinbach



Chapter lll: ANNA FRANCESCHINI - vistamare.gallery/journal-anna-franceschini


Special Edition: MIMMO JODICE - vistamare.gallery/journal-mimmo-jodice


Chapter ll: ETTORE SPALLETTI - vistamare.gallery/journal-ettore-spalletti


Chapter l: PUBLIC MOVEMENT - vistamare.gallery/journal-public-movement