Josse Bailly – Turps Haze

Lugano - 06/02/2015 : 06/03/2015

Turps Haze ripercorre più di un decennio della carriera artistica di Josse Bailly, dalle sue prime pitture esposte negli spazi underground di Ginevra nei primi anni duemila, fino alle sue creazioni più recenti presentate in musei e spazi d’arte di tutta la Svizzera.

Informazioni

  • Luogo: SONNENSTUBE
  • Indirizzo: v. Canonica 12 - Lugano
  • Quando: dal 06/02/2015 - al 06/03/2015
  • Vernissage: 06/02/2015 ore 18
  • Autori: Josse Bailly
  • Curatori: Sébastien Peter
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: giovedì e venerdì dalle18 alle 20, sabato dalle 14 alle 17.
  • Patrocini: Turps Haze è realizzata con il sostegno di: Pro Helvetia – Fondazione svizzera per la cultura Città di Ginevra Repubblica e Canton Ginevra Ernst und Olga Gubler-Hablützel Stiftung

Comunicato stampa

Una mostra retrospettiva di Josse Bailly.

Turps Haze ripercorre più di un decennio della carriera artistica di Josse Bailly, dalle sue prime pitture esposte negli spazi underground di Ginevra nei primi anni duemila, fino alle sue creazioni più recenti presentate in musei e spazi d’arte di tutta la Svizzera.

Josse Bailly è tra i principali rappresentanti della nuova pittura svizzera. Ha ricevuto nel 2011 il Premio Nationale Suisse, nel 2012 il premio New Heads BNP Paribas e nel 2013 ha vinto gli Swiss Art Awards

Ha esposto in diverse istituzioni e spazi d’arte in tutta la Svizzera, quali sic ! Raum für Kunst, (Lucerna), Ausstellungsraum Klingental (Basilea), CAC (Ginevra), Can (Neuchâtel), Manoir de Martigny (Martigny), Aargauer Kunsthaus (Aarau), New Jerseyy (Basilea) così come l’Istituto Svizzero di Milano.

Nelle opere di Josse Bailly, la tradizione pittorica è contaminata con elementi provenienti dall’immaginario delle subculture in particolate del hard rock anni degli anni ‘70, dal linguaggio vernacolare o ancora dalle avanguardie iconoclaste del XX secolo quali, ad esempio, dadaismo e situazionismo.

TURPS HAZE desidera mettere in risalto l’importanza di Josse Bailly nello sviluppo d’innovazioni tecniche e di strumenti concettuali, i quali hanno favorito la diffusione della pittura figurativa nella scena artistica elvetica.

Il titolo della mostra “Turps Haze”, fa riferimento alle qualità psicotrope della trementina, utilizzata per realizzare le pitture a olio. In occasione di diverse interviste, l’artista ha giustificato la scelta del medium pitturai quanto l’uso della trementina permette di “sballarsi un po’”. Una affermazione apparentemente sfrontata, la quale permette nondimeno di ricollegarsi con una lunga tradizione che associa la figura dell’artista al mito romantico del creatore marginale e visionario.