Johan & Levi Editore #1 – Marcel Duchamp

Firenze - 07/04/2015 : 07/04/2015

Primo incontro di una serie di quattro, dedicati ad altrettanti grandi artisti: Marcel Duchamp, Francis Bacon, Piero Manzoni, Yves Klein. Questa sera si parla di Marcel Duchamp prendendo spunto dal volume di Bernard Marcadé pubblicato da Johan & Levi. Intervengono Michele Dantini e Claudio Pizzorusso.

Informazioni

  • Luogo: TODO MODO
  • Indirizzo: via dei Fossi 15/r - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 07/04/2015 - al 07/04/2015
  • Vernissage: 07/04/2015 ore 18,30
  • Autori: Marcel Duchamp
  • Generi: incontro – conferenza
  • Biglietti: ingresso libero
  • Uffici stampa: CLARART
  • Editori: JOHAN & LEVI

Comunicato stampa

Primo incontro di una serie di quattro, dedicati ad altrettanti grandi artisti: Marcel Duchamp, Francis Bacon, Piero Manzoni, Yves Klein. Questa sera si parla di Marcel Duchamp prendendo spunto dal volume di Bernard Marcadé pubblicato da Johan & Levi. Intervengono Michele Dantini e Claudio Pizzorusso.

Dalla sua scomparsa nel 1968, l’influenza di Marcel Duchamp, «l’uomo più intelligente del xx secolo» nelle parole di André Breton, non ha smesso di imporsi nel paesaggio dell’arte contemporanea

Dal Futurismo al Cubismo, dal Dadaismo al Surrealismo, la sua arte si intreccia alle grandi avventure estetiche del Novecento senza mai ridursi a nessuna di esse.
Se Picasso insiste nel propugnare la figura dell’artista demiurgo, Duchamp, grazie all’invenzione del readymade, incarna invece il modello dell’artista contemporaneo ed è riconosciuto a partire dagli anni sessanta come fonte incontestabile di ispirazione da parte delle giovani generazioni di artisti.
Molto è stato scritto sulla sua opera, ma assai di meno sulla sua vita. Una vita che Duchamp costruisce al di fuori delle categorie correnti, non già come artista o anarchico ma, per riprendere un suo neologismo, come “anartista”. Eleganza distaccata, libertà di indifferenza, compenetrazione dei contrari – cui si aggiungono una costante rivendicazione della pigrizia e un disprezzo fisiologico per il denaro – diventano in lui gli strumenti originali di un modo inedito di porsi di fronte al mondo e alle cose. «Preferisco vivere, respirare piuttosto che lavorare.» Duchamp si è pronunciato spesso sulla propria vita con caustiche dichiarazioni che nel loro insieme delineano una personale economia di vita (ridurre i bisogni per essere davvero liberi) e una vera e propria arte di vivere.
La più bella opera di Marcel Duchamp, secondo Henri-Pierre Roché, era l’impiego del suo tempo. Da tale ipotesi prende le mosse il libro di Bernard Marcadé, dalla forte convinzione cioè che l’esame circostanziato della vita di Duchamp costituisca una via d’accesso privilegiata alla comprensione della sua arte. Definendo il readymade una sorta di appuntamento, egli stesso ci lascia intuire l’importanza degli eventi della vita quotidiana nell’ideazione delle proprie opere. Gli elementi biografici in gioco – incontri, amicizie, segreti, corrispondenze, relazioni amorose – non rappresentano soltanto il contorno aneddotico e marginale dell’opera, ma ne costituiscono, in quanto “biografemi”, le componenti fondamentali.

I prossimi incontri:

Martedì 14 aprile: Francis Bacon
Martedì 21 aprile: Piero Manzoni
Martedì 28 aprile: Yves Klein