Intramoenia Extra Art 2015 – Casa Futura Pietra

Bisceglie - 01/11/2015 : 19/12/2015

ECLETTICA_CULTURA DELL’ARTE inaugura CASA FUTURA PIETRA, edizione 2015 di INTRAMOENIA EXTRA ART, progetto curato da Giusy Caroppo e sostenuto dalla Regione Puglia e dal Comune di Bisceglie in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia della Puglia.

Informazioni

Comunicato stampa

CASA FUTURA PIETRA
INTRAMOENIA EXTRA ART 2015

a project by ECLETTICA CULTURA DELL’ARTE
CURATOR GIUSY CAROPPO
§
ECLETTICA_CULTURA DELL’ARTE inaugura CASA FUTURA PIETRA, edizione 2015 di INTRAMOENIA EXTRA ART, progetto curato da Giusy Caroppo e sostenuto dalla Regione Puglia e dal Comune di Bisceglie in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia della Puglia


CASA FUTURA PIETRA è stato presentato al MEDIMEX, Salone dell’innovazione musicale, perché vede il suono quale forma di espressione creativa caratterizzante l’evento di apertura:
alle 9.00 del mattino del 1 novembre 2015 nell’Area Archeologica Dolmen La Chianca di Bisceglie, complesso preistorico immerso nella suggestiva campagna pugliese, sarà
il “Concerto preistorico” di ALVIN CURRAN - organizzato in collaborazione con RAM radioartemobile - a inaugurare CASA FUTURA PIETRA.
Il concerto, con coro e percussioni, si colloca nella vasta ricerca in cui l’autore
fin dagli anni Settanta, abbandonando teatri convenzionali, coinvolge ampi spazi esterni
come laghi, porti, fiumi e grotte, suoi laboratori naturali.
“La mia musica è una cosciente riflessione sul mio rapporto con la storia musicale umana – che risale – cosi dicono gli esperti – a circa 40.000 anni fa. Perciò quello che appare arcaico, primitivo e perfino naif nel mio lavoro è nient’altro che un prodotto di questa riflessione... ora che vengo ispirato da questo sito, dal Dolmen di Bisceglie, non cerco di evocare un passato sonoro inconoscibile, piuttosto cerco di creare un presente contemporaneo sonoro, vivace e riconoscibile dagli stessi antenati di allora... ” A.C.
CASA FUTURA PIETRA, che nasce dall’incontro tra Giusy Caroppo, curatore generale
di INTRAMOENIA EXTRA ART, e Tommaso Martimucci, architetto antropologo, guarda alla pietra
e al processo di antropizzazione del territorio, scegliendo come luogo d’elezione la Puglia, nel Sud Italia, dove il sottosuolo roccioso ha giocato un ruolo fondamentale, sia come fonte di materiale costruttivo,
sia perché, a causa dell’alto livello di permeabilità all’acqua, ha determinato l’aridità dei campi,
una condizione che ha fortemente influenzato costruttivamente la città, educando i suoi abitanti all’uso obbligato delle risorse naturali. Un rapporto tra l’uomo e il territorio che definiamo “scultoreo”:
la città nasceva per sottrazione e spostamento di materiale lapideo direttamente dalla vicina cava, facendone derivare un’architettura espressione formale di quella collettività.
Tommaso Martimucci ha individuato la connessione tra la morfologia del territorio e costruzioni tipiche locali, sintetizzando il dialogo tra scultura e architettura nell’elemento pietra, elemento in cui Giusy Caroppo ha trovato la connessione tra materiale e immateriale, in particolare nella sintesi ideale dei linguaggi della scultura sonora e della performance. Lo scopo è anche considerare la pietra elemento di congiunzione tra la città antica, sin dalle tracce arcaiche presenti sui territori, con quella dell’oggi e del futuro, rappresentato dalle forme contemporanee di linguaggio, comunicazione, costruzione.
I luoghi saranno così cosparsi di elementi inediti, fatti di suoni e performance, a sottolineare la vita che c’è nel materiale lapideo e calcareo, negli spazi antichi, addirittura preistorici oppure urbani contemporanei, grazie all’elemento umano che li antropizza, per raccontarsi in una mostra finale di tracce: dipinte, disegnate, sintetizzate, scolpite, proiettate.
Come espressione della collettività e del territorio, il percorso di suggestione che si svolgerà per tre mesi dal novembre 2015 al gennaio 2016 ha inizio nel TERRITORIO DI BISCEGLIE, dove convivono differenti stimoli paesaggistici quali grotte, cave, dolmen e paesaggio urbano e guarda alla MURGIA, con la CAVA DEI DINOSAURI AD ALTAMURA.
Nella FASE FINALE, ESPOSITIVA E DI RACCONTO, nel dicembre 2015
nel rinascimentale Palazzo Tupputi a Bisceglie, ritornato alla città dopo un attento restauro, accanto alle opere degli artisti invitati, è illustrato il percorso realizzato nei luoghi toccati da performance e installazioni caratterizzato anche da una lettura sociale e antropologica del territorio attraverso incontri partecipati. La mostra finale sarà presentata in un evento di lancio, occasione per una sintesi dei 10 anni di INTRAMOENIA EXTRA ART *,
un TALK (ART) SHOW, organizzato il 2 dicembre presso il TEATRO MARGHERITA A BARI.
§

Durante la conferenza stampa al MEDIMEX, l’assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia Loredana Capone si è così espressa : “Siamo curatori di un'eredità; adesso, dobbiamo diventare sempre più promotori di crescita culturale intorno ai nostri beni. Ma come si fa se non riusciamo a generare emozione? Come si fa se non riusciamo a generare un coinvolgimento della comunità e non si promuove una cultura d'impresa? È questo, allora, il nostro impegno e in questa sfida il progetto CASA FUTURA PIETRA, museo temporaneo diffuso che guarda alla pietra, era un'occasione cui non potevamo rinunciare…”. Analogamente, il Sindaco della Città di Bisceglie Francesco Spina ha ringraziato l’ideatrice e curatrice del rpogetto Giusy Caroppo, per aver inserito la città di Bisceglie in questo innovativo percorso museale, che coniuga cultura, arte, ambiente e sviluppo sostenibile in funzione della promozione del territorio, grazie all’inserimento del dolmen di Bisceglie, patrimonio UNESCO, in un "museo temporaneo diffuso" e considerando il simbolo di Bisceglie quale location principale dell'evento itinerante "Casa Futura Pietra". Nel suo intervento, ha poi sottolineato come il dolmen La Chianca (uno dei dolmen più importanti d'Europa), costituisca il fulcro di un percorso archeologico che vede nella città di Bisceglie anche le orme dei dinosauri, presso Parco Sant'Andrea, e le grotte di Santa Croce dove sono stati trovati importanti reperti archeologici.
 Un progetto che valorizza anche spazi urbani come il centro storico e, in particolare, Palazzo Tupputi (dove si tenne la famosa “Dieta delle Puglie”, uno dei primi moti carbonari che diedero vita all'Unità d'Italia), che ospiterà l'evento conclusivo di una manifestazione che valorizzerà il dolmen con l'ambiente circostante come vero e proprio parco culturale antropologico.

§

* INTRAMOENIAEXTRA ART, modello di “museo temporaneo diffuso” che ha valorizzato a fini turistico-culturali i castelli federiciani, aragonesi ed angioini e palazzi nobiliari della Puglia, resi disponibili dalla Direzione Regionale dei Beni Culturali e Paesaggistici, da Comuni e Province, ha animato piccoli borghi decentrati, esaltato siti poco conosciuti o inaccessibili, accogliendo l’arte contemporanea in un’ottica “multiculturale, multimediale e transnazionale” come affermato da Achille Bonito Oliva, direttore scientifico delle prime edizioni. INTRAMOENIA EXTRA ART è così diventato un brand ad alta riconoscibilità nel panorama culturale, atto a trasmettere il senso del “genius loci” della terra che lo accoglie.
Il dialogo fra artisti italiani e stranieri e fra questi ultimi, la popolazione locale e i turisti-visitatori, ha contribuito alla comprensione della cultura della Puglia quale terra di creatività e luogo di incontro ed accoglienza di culture differenti. INTRAMOENIA EXTRA ART è stata, ed è considerata, un’officina di innovazione sul territorio anche nazionale e internazionale (per questo si è guadagnata la partnership di realtà quali, tra le altre, CITTADELLARTE-FONDAZIONE PISTOLETTO, TROUBLEYN-JAN FABRE, RAM radioartemobile, NIOarchitecten di Amsterdam,
STUDIO BILL VIOLA, STUDIO KAPOOR, FONDAZIONE MORRA, FONDAZIONE MAXXI)
che sposa il concetto arte - turismo - economia trascinando nella sua dimensione una grande varietà di figure professionali delle industrie creative. L’ampia durata del progetto ha generato un sistema di network fra istituzioni pubbliche, amministrazioni locali, centri culturali e imprenditoria privata.
Una formula vincente, con al centro la Regione Puglia, per una offerta culturale che ha registrato un incremento di visitatori nei siti interessati dalle mostre che va dal 40% in bassa stagione al 70% in alta stagione. Prodotto da ECLETTICA CULTURA DELL’ARTE, associazione non profit con sede in Puglia che, con il suo staff giovane e le versatili figure professionali, ha permesso l’ottimizzazione dei processi organizzativi portando ad un considerevole contenimento dei costi di produzione e realizzazione.
L’ottica internazionale di INTRAMOENIA EXTRA ART ha consentito di raggiungere gli obiettivi programmatici regionali e internazionali – primo assoluto al PROGRAMMA CULTURA DELLA COMMISSIONE EUROPEA con il progetto Intramoenia Extra Art WATERSHED - avviando
un dibattito di riflessione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica su tematiche contemporanee globali.
L’Associazione è, come il curatore, la storica dell’arte GIUSY CAROPPO, aderente al DISTRETTO PRODUTTIVO PUGLIA CREATIVA ed ha partecipato alla 54° Biennale di Venezia con l’evento collaterale PINO PASCALI.RITORNO A VENEZIA/PUGLIA ARTE CONTEMPORANEA; è stato selezionato anche tra i migliori 15 progetti di promozione del territorio dal
Premio FEDERCULTURE “Cultura+Impresa” nel 2015
ed è approfondito come format sostenibile di museo temporaneo diffuso nella pubblicazione
“I luoghi del Contemporaneo” pubblicata dal MIBACT nel 2012.
§

I LUOGHI E GLI ARTISTI
LUOGHI
Come espressione della collettività e del proprio territorio, l’avvio è dato dallo studio di siti straordinariamente suggestivi nella MURGIA pugliese, in particolare le CAVE DI ALTAMURA – con la cosiddetta
Valle dei Dinosauri - e nel TERRITORIO BISCEGLIESE,
a nord di Bari, dove convivono differenti stimoli paesaggistici - GROTTE, CAVE, testimonianze di antiche sepolture quali i DOLMEN – con
uno sguardo attento al PAESAGGIO URBANO.
La MOSTRA FINALE sarà allestita nel rinascimentale PALAZZO TUPPUTI A BISCEGLIE, riaperto alla città nella sua integrità dopo un attento restauro.
ARTISTI INVITATI:
BIZHAN BASSIRI, FILIPPO BERTA,
ALVIN CURRAN in collaborazione con RAM radioartemobile, PIETRO DI TERLIZZI, JIMMIE DURHAM, TONY FIORENTINO, VITO MAIULLARI, UGO LA PIETRA, KEI NAKAMURA, IRENE PETRAFESA, SERGIO RACANATI, THOMAS RHUFF, VEDOVAMAZZEI
ORGANIZZATORI E PARTNER
ECLETTICA CULTURA DELL’ARTE /REGIONE PUGLIA, Assessorato all’Industria Turistica e Culturale / MIBACT Soprintendenza Archeologia della Puglia / COMUNE DI BISCEGLIE /COMUNE DI ALTAMURA / PARCO DELL’ALTA MURGIA
COLLABORAZIONE AL PROGETTO RAM radioartemobile; Ars Vivens, Altamura; Laboratorio Urbano di Palazzo Tupputi, Bisceglie
APPUNTAMENTI
Conferenza stampa di presentazione
29 ottobre 2015, ore 14.00 MEDIMEX, Fiera del Levante, Bari
intervengono
l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone il Sindaco di Bisceglie, Francesco Spina
Eventi
domenica 1 novembre 2015, ore 9.00 del mattino
Area Archeologica Dolmen La Chianca - Bisceglie Alvin Curran CONCERTO PREISTORICO
a cura di RAM radioartemobile
Interviene la Soprintendente Archeologa Francesca Radina
venerdì 27 novembre 2015, ore 20.30 Spazi urbani, Bisceglie
Sergio Racanati, VLEN, performance
domenica 6 dicembre, ore 11.00
Valle dei Dinosauri e altre cave, Altamura Filippo Berta TERRITORI, performance collettiva; Vito Maiullari, INSTALLAZIONE
Evento speciale
2 dicembre 2015 , Teatro Margherita Bari TALK (ART) SHOW
10 ANNI DI INTRAMOENIA EXTRA ART
Mostra finale:
18 dicembre 2015
Preview mostra e presentazione anteprima film “Vlen” di Sergio Racanati (Laboratorio Urbano, 2° piano) 19 Dicembre 2015
inaugurazione nuovi spazi di Palazzo Tupputi, Bisceglie Opening mostra collettiva CASA FUTURA PIETRA (le date potrebbero subire variazioni)
TITOLO
INTRAMOENIA EXTRART 2015 – CASA FUTURA PIETRA

ORGANIZZATORE
Eclettica_Cultura dell’Arte

CURA GENERALE
Giusy Caroppo, storico dell’arte; art director di Eclettica Cultura dell’Arte

IN COLLABORAZIONE CON
Tommaso Martimucci, architetto; RAM radioartemobile, Roma; Ars Vivens, Altamura; Laboratorio Urbano, Palazzo Tupputi, Bisceglie Carla Palladino con Marco Spinelli, identità visiva; Assunta Amici, web master; Gabriella Ruta, social media

FINANZIATO DA
Regione Puglia – Assessorato all’Industria turistica e Culturale; Comune di Bisceglie

PATROCINI
Ministero dei Beni Culturali e Turismo – Soprintendenza Archeologia della Puglia, Parco dell’Alta Murgia, Comune di Altamura