Intellégo. Ipotesi per una comprensione del reale

Roma - 02/12/2012 : 13/01/2013

La collettiva ospita cinque opere, poste a riflettere sull'idea che gli artisti, oggi, subiscano una cultura globalizzata che dovrebbe essere utilizzata non per negare la loro individualità, ma per creare un nuovo fare contemporaneo fatto di apertura e scambio interculturale preservando entrambi.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO CARLO BILOTTI - ARANCIERA DI VILLA BORGHESE
  • Indirizzo: Viale Fiorello La Guardia - 00197 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 02/12/2012 - al 13/01/2013
  • Vernissage: 02/12/2012 ore 11.30
  • Autori: Silvia Giambrone, Vincenzo Rulli, Filippo Riniolo, Davide Sebastian
  • Curatori: Roberto D’Onorio, Donatella Mezzotero
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: martedì - venerdì, 10.00 - 16.00 sabato e domenica 10.00-19.00, chiuso il lunedì
  • Biglietti: Biglietti Intero 8 €; Ridotto 7 € (riduzioni e gratuità secondo la normativa vigente) Sconto del 10% sulla consumazione presso la caffetteria della Casina del Lago presentando il biglietto del Museo, nel giorno di acquisto
  • Email: gloryallart@gmail.com
  • Patrocini: Promossa da Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale - Sovraintendenza ai Beni Culturali Sponsor del sistema Musei in Comune Acea, Banche Tesoriere di Roma Capitale (BNL– Gruppo BNP Paribas, UniCredit, Monte dei Paschi di Siena), Acqua Claudia, Finmeccanica, Gioco del Lotto, Vodafone Con il contributo tecnico di La Repubblica, Atac Servizi di vigilanza Travis Supporto organizzativo e servizi museali Zètema Progetto Cultura Sponsor mostra Barrakan, Eneam, Fattoria Casabianca

Comunicato stampa

INTELLéGO
Ipotesi per una comprensione del reale
Mostra collettiva tesa alla produzione di un pensiero critico d'identità attraverso i codici estetici dell'arte


ROMA, MUSEO CARLO BILOTTI - ARANCIERA DI VILLA BORGHESE 2 dicembre 2012 – 13 gennaio 2013 Inaugurazione 2 dicembre ore 11.30

Il 2 dicembre 2012 verrà inaugurata al Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese di Roma nello spazio della project room, la mostra Intellégo, ipotesi per una comprensione del reale, con opere di Silvia Giambrone, Filippo Riniolo, Vincenzo Rulli e Davide Sebastian, organizzata da GLORY ALL Contemporary Art Association, a cura di Roberto D'Onorio e Donatella Mezzotero.

Intellégo, ipotesi per una comprensione del reale
Intellégo nasce dalla volontà di comprendere, in una società capitalista costituita da tecnocrati e organi di controllo economico che determinano la misura della relazione con l’altro, la visione complessa del dove andiamo o a cosa abbiamo affidato le nostre speranze, il nostro futuro, la nostra integrità culturale. Questo è il punto d’avvio per una riflessione più ampia e articolata circa la necessità di appellarsi alla responsabilità sociale degli artisti che, attraverso l’impiego di diversi media, mirano alla produzione di un sentire comune. In questa prospettiva si è individuato un nucleo di pratiche che suggeriscano un particolare impegno nella generazione d’idee, pensiero critico e relazioni e che diano all’arte la possibilità di incidere sul valore del vivere presente, in cui non siano solo il linguaggio e la forma a determinare l’opera ma anche la cultura che la propaga.

La mostra
La collettiva ospita cinque opere, poste a riflettere sull'idea che gli artisti, oggi, subiscano una cultura globalizzata che dovrebbe essere utilizzata non per negare la loro individualità, ma per creare un nuovo fare contemporaneo fatto di apertura e scambio interculturale preservando entrambi. Il video The Gao Video Portrait (2012) di Davide Sebastian, in cui l’artista si fa testimone dell'abbraccio tra i Gao Brothers, apre la mostra e unisce due culture profondamente diverse in un sentire condiviso per cui la storia familiare e l’occorrenza di grandi eventi storici contribuiscono alle sfide per la creazione di una nuova identità, animata da un sentimento finalmente svincolato dalle forme di controllo attive a livello sociale e naturale. L’estrema fragilità della condizione umana viene compresa e svelata, così che l’individuo possa ottenere il diritto di essere altro rispetto al modello conforme a un tipo di ideale imposto.
Cinque esercizi per diventare un imperatore ideale (2011) è la serie di opere di Vincenzo Rulli che, attraverso ingegnosi meccanismi, riesce a suscitare stupore e meraviglia e, contemporaneamente, avviare una riflessione sull'uomo e la storia. Gli esercizi a cui rimanda l’artista altro non sono che azioni impossibili ed illogiche, che riescono ad affrontare con ironia impegnata tematiche come l’assolutismo e l’accentramento del potere tipici dei sistemi totalitari. In mostra dalla serie le sculture Apocrifo di Adriano e Occhiale per eclissi temporale.
Cassandra (2012) di Filippo Riniolo inscena l’avveramento di una possibilità attesa e temuta, la contaminazione – e quindi la perdita – dei costumi e della propria storia, con l’avvicinarsi tangibile e visibile di un potere finora rimasto estremamente lontano, sia culturalmente sia fisicamente. Il concetto di distanza tra gli esseri umani viene completamente alterato, il senso della misura sovvertito, come indica il metro spezzato dell’installazione Ho distrutto tutto per farti respirare (2011) di Silvia Giambrone, in cui il terrore vive nella realtà di un’unità divisa che trae forza dalla consapevolezza della propria fragilità. Lo scopo è di trasmettere valori contraddittori: positivi, drammatici, condivisi e radicati abbattendo i confini culturali in un luogo comune esperenziale liberandoci da quella sabbia negli occhi che cristallizza qualsiasi volontà di movimento.

The open space portrait
La mostra sarà inoltre accompagnata dal video-catalogo The open space portrait, a cura di Roberto D'Onorio. Il progetto vuole raccontare il vissuto culturale, la storia e il percorso formativo dei quattro giovani artisti partendo da un luogo proprio e intimo. Non si mette in scena la storia di un personaggio ma si svela, si crea, l’uomo umano. Il risultato sarà la presentazione dell’artista in un conflitto tra desiderio e difesa, tra licenza e divieto, che si libera dal meccanismo di dipendenza che sussiste con l’immagine filtrata dall’opera.
Regia: Carlotta Capponi Montaggio: Daniele Grillo con la collaborazione di Angelica Lupi

INFO
Mostra INTELLéGO – Ipotesi per una comprensione del reale - con opere di Silvia Giambrone, Filippo Riniolo, Vincenzo Rulli, Davide Sebastian
Dove Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese Roma, Viale Fiorello La Guardia Apertura al pubblico 2 diceembre 2012 - 13 gennaio 2013
Orari martedì - venerdì, 10.00 - 16.00 sabato e domenica 10.00-19.00, chiuso il lunedì
Biglietti Intero 8 €; Ridotto 7 € (riduzioni e gratuità secondo la normativa vigente) Sconto del 10% sulla consumazione presso la caffetteria della Casina del Lago presentando il biglietto del Museo, nel giorno di acquisto
Promossa da Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale - Sovraintendenza ai Beni Culturali
Sponsor del sistema Musei in Comune Acea, Banche Tesoriere di Roma Capitale (BNL– Gruppo BNP Paribas, UniCredit, Monte dei Paschi di Siena), Acqua Claudia, Finmeccanica, Gioco del Lotto, Vodafone
Con il contributo tecnico di La Repubblica, Atac Servizi di vigilanza Travis Supporto organizzativo e servizi museali Zètema Progetto Cultura
Sponsor mostra Barrakan, Eneam, Fattoria Casabianca
Organizzazione Glory All - Contemporary Art Association
Glory All è un'associazione indipendente nata nel 2010 con lo scopo di sviluppare progetti di arte contemporanea autonomi e in collaborazione con istituzioni e fondazioni no profit. L’impegno di Glory All, formata da giovani curatori e professionisti del settore, è teso alla creazione di una piattaforma che promuova la ricerca artistica insieme con la sperimentazione di modalità nuove di produzione e diffusione dell’arte. Glory All organizza e ospita mostre, rassegne, workshops, residenze ed eventi, ponendosi al tempo stesso come luogo fisico ed immateriale generatore di percorsi innovativi, in dialogo con le più attuali ricerche in Italia e all’estero. Il fine è quello di valorizzare quelle pratiche dell’arte che privilegiano una riflessione pluralista e si pongono come strumento indagatore della nostra società e della nostra cultura, stimolando l’intelletto sulla riflessione politica e sociale del nostro presente.