Incontro tra Sislej Xhafa e Gianfranco Rosi

Roma - 24/06/2016 : 24/06/2016

Due grandi artisti parlano di migrazioni, accoglienza, identità.

Informazioni

Comunicato stampa

SISLEJ XHAFA E GIANFRANCO ROSI
due grandi artisti parlano di migrazioni, accoglienza, identità

VENERDI’ 24 GIUGNO
ore 18:30, proiezione del film Fuocoammare, Orso d’Oro al Festival di Berlino 2016
ore 20:30, talk tra Sislej Xhafa e Gianfranco Rosi

Auditorium del MAXXI,
ingresso € 5,00, Gratuito per i titolari card myMAXXI
L’acquisto dei biglietti dà diritto ad un ingresso ridotto al Museo entro una settimana dall’emissione

www.fondazionemaxxi.it

Roma, 22 giugno 2016

Sislej Xhafa, protagonista al MAXXI di una mostra dal titolo emblematico: Benvenuto! e Gianfranco Rosi Orso d’Oro al Festival di Berlino con Fuocoammare, il docufilm che racconta la tragedia dei migranti e l’accoglienza della gente di Lampedusa. Sono loro i protagonisti del primo appuntamento con Incontri clandestini. Oltre le frontiere dell’arte, venerdì 24 giugno, all’Auditorium del MAXXI.
Si parte alle 18:30 con la proiezione di Fuocammare. A seguire, alle 20:30 ci sarà il talk tra i due artisti sui temi delle migrazioni, dell’accoglienza, dell’identità e sul ruolo dell’arte e del cinema. Introduce Giovanna Melandri, modera Luigia Lonardelli, cocuratrice della mostra dedicata a Sislej Xhafa.

Due artisti e due linguaggi diversi – ironico e graffiante Xhafa, empatico e struggente Rosi – che hanno in comune lo stesso incalzante, necessario impegno nel racconto di temi urgenti e drammatici del nostro tempo, come le migrazioni, l’inclusione, le identità.
Ha detto Sislej Xhafa in occasione dell’inaugurazione della mostra al MAXXI: 'L'arte è un atto magico che non può essere indifferente a ciò che ci accade intorno, ne’ insensibile verso la dignità delle persone. L’arte serve anche a mettere in discussione”.
Di qui nasce la necessità dell’incontro/confronto con Gianfranco Rosi.
La mostra Benvenuto! Sislej Xhafa prende il titolo da una grande installazione realizzata dall’artista nel 2000 sulle colline senesi: una gigantesca scritta Benvenuto, una riflessione sul tema dell’accoglienza attraverso un tentativo estremo di richiesta di attenzione. Questo lavoro, insieme ai molti altri in mostra, si concentra su temi drammaticamente attuali come la coesistenza pacifica di culture e religioni, la sopravvivenza del modello di welfare occidentale, la ridefinizione del concetto di migrante in un mondo globale. Il linguaggio è ironico e dissacrante, di primo acchito disorienta per poi stimolare la riflessione. Al MAXXI fino al 2 ottobre 2016.
Il secondo appuntamento della rassegna Incontri Clandestini. Oltre i confini dell’arte si svolgerà il prossimo 15 settembre, con una lectio magistralis di Alberto Abruzzese sul tema dell’accoglienza.