Incontro con Sarah Sze

Roma - 12/10/2018 : 12/10/2018

In occasione della prima mostra personale di Sarah Sze da Gagosian Roma, La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma ospita l’artista in conversazione con il noto curatore e scrittore Okwui Enwezor.

Informazioni

Comunicato stampa

Sze e Enwezor hanno instaurato negli anni una collaborazione proficua che include importanti progetti quali la partecipazione di Sze a All the World’s Futures, mostra principale della 56a Biennale di Venezia (2015) e Centrifuge, installazione site-specificall’Haus der Kunst di Monaco di Baviera nel 2017. Nel dialogo incluso nella monografia sul lavoro di Sze, pubblicata da Phaidon nel 2016, l’artista e Enwezor discutono della relazione tra scultura e architettura, e delle molteplici influenze ed esperienze che alimentano le opere multimediali dell’artista

Due anni dopo, Sze e Enwezor rivisiteranno ed amplieranno questi argomenti alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, in occasione della prima mostra personale dell’artista in una galleria in Italia, e alla luce delle nuove interessanti direzioni intraprese dal suo lavoro.La conversazione si svolgerà in lingua inglese.Sarah Sze è nata a Boston nel 1969, e vive e lavora a New York. Il suo lavoro è incluso nelle collezioni dei seguenti musei internazionali: Museum of Modern Art, New York; Solomon R. Guggenheim Museum, New York; Whitney Museum of American Art, New York; Museum of Contemporary Art, Chicago; San Francisco Museum of Modern Art; Museum of Contemporary Art, Los Angeles; e Fondation Cartier pour l’art contemporain, Parigi. Tra le recenti mostre istituzionali: Triple Point, Padiglione USA, 55a Biennale di Venezia (2013, poi al Bronx Museum of the Arts, New York, nel 2014); Fabric Workshop and Museum, Philadelphia (2013–14); 56a Biennale di Venezia (2015); 5a Triennale di Guangzhou, Cina (2015); Sarah Sze: Timekeeper, Rose Art Museum, Brandeis University, Waltham, MA (2016, poi al Copenhagen Contemporary, Danimarca, nel 2017); ARoS Triennial, Aarhus, Danimarca (2017); e Centrifuge, Haus der Kunst, Monaco di Baviera (2017). Sze è stata insignita del MacArthur Fellowship nel 2003, e del Radcliffe Fellowship nel 2005, e da quest’anno è membro dell’American Academy of Arts and Letters. Le sue commissioni pubbliche includono: Still Life with Landscape (Model for a Habitat), High Line, New York (2011–12); Still Life with Landscape, Ekebergparken, Oslo (2013); e Blueprint for a Landscape, commissione per la metropolitana di New York (2016). Dal 19 novembre un’importante installazione di Sze, Seamless (1999), sarà inaugurata alla Tate Modern, Londra.Okwui Enwezor è editore fondatore e direttore di Nka: Journal of Contemporary African Art ed ex-direttore dell’Haus der Kunst, Monaco di Baviera, dove ha recentemente co-curato Postwar: Art Between the Pacific and Atlantic, 1946–65(2016–17); Frank Bowling: Mappa Mundi (2017–18); e Sarah Sze: Centrifuge (2017–18). È stato direttore artistico di importanti esposizioni internazionali come la 2a Biennale di Johannesburg (1997); Documenta 11, Kassel, Germania (2002); 7a Biennale di Gwangju, Corea del Sud (2008); La Triennale, Parigi (2012); e la 56a Biennale di Venezia (2015), tra altre. Tra i suoi libri si annoverano: Archive Fever:Uses of the Document in Contemporary Art (International Center of Photography, 2008); e Antinomies of Art and Culture: Modernity, Postmodernity, Contemporaneity, con Terry Smith e Nancy Condee (Duke University Press, 2009), oltre a numerosi cataloghi di mostre e monografie di artisti. Tra le prossime pubblicazioni: Grief and Grievance: Contemporary Art and the Work of Mourning e Tebbit’s Ghost: Essays on Art, Culture, Citizenship.