In-segnAti da Bologna. Premiati Zucchelli 1963–2016

Bologna - 17/12/2016 : 03/02/2017

La mostra (con il Patrocinio del Comune di Bologna) intende ricordare oltre cinquant'anni di attività della Fondazione Zucchelli nell’ambito del contesto culturale bolognese.

Informazioni

  • Luogo: ZU.ART GIARDINO DELLE ARTI
  • Indirizzo: Vicolo Malgrado 3/2 - 40125 - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 17/12/2016 - al 03/02/2017
  • Vernissage: 17/12/2016 ore 12
  • Curatori: Beatrice Buscaroli, Elena Marchetti
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: Dal lunedì al venerdì | 11:30 - 17:30 Chiuso sabato, domenica e dal 24.12.2016 al 3.1.2017 Apertura speciale durante Art City 2017 Venerdì 27 gennaio | 12:00 - 20:00 Sabato 28 gennaio | 18:00 - 22:00 Domenica 29 gennaio | 15:00 – 20:00

Comunicato stampa

La mostra (con il Patrocinio del Comune di Bologna) intende ricordare oltre cinquant'anni di attività della Fondazione Zucchelli nell’ambito del contesto culturale bolognese.
In esposizione un’opera per ognuno dei vincitori delle borse di studio che dal 1963 al 2016 sono state elargite agli studenti “meritevoli”, come recita l’antico bando dell'Accademia di Belle Arti di Bologna.
Preceduta da un lungo lavoro di ricerca sui documenti d’archivio e sui registri della Fondazione, la mostra raccoglie a oggi le opere di ottanta premiati: molti furono, infatti, gli artisti che trassero spinta da questo riconoscimento e continuarono il lavoro nell’ambito delle arti


Diversi i bolognesi, e molti i nomi che hanno un ruolo ben definito nel mondo artistico contemporaneo.
La mostra chiama a raccolta i vincitori di quel concorso, ma soprattutto restituisce un clima che testimonia la varietà dei modi con cui il gesto artistico si è espresso, la varietà delle tecniche adottate, la molteplicità di soluzioni con le quali quei “giovani” artisti hanno cercato di definire il mondo.
Diversi i tempi, diverse le culture che si sono succedute, i gusti che si sono espressi, e, ovviamente, quelli delle commissioni. Diversi, soprattutto, i maestri che sembrano rivivere nelle tracce lasciate nei lavori degli allievi.
Tanti sono gli artisti di rilievo nazionale che hanno insegnato all’Accademia di Belle Arti di Bologna anche dopo i fasti morandiani: da Pompilio Mandelli a Ilario Rossi, Da Luciano De Vita a Quinto Ghermandi, da Antonio Natalini a Concetto Pozzati, da Lea Colliva a Umberto Mastroianni.
La mostra comincia con un dipinto del 1963: siamo in pieno clima informale e Mandelli e Rossi fanno parte di quella “bande” radunata da Francesco Arcangeli che, dalle vicine aule dell’Istituto di Storia dell’Arte dell’Università, modellava la complessa compagine dell’Informale padano.
Poi si succedono i decenni ed è realmente sorprendente vedere come giovani di vent’anni potessero filtrare l’universo figurativo ormai senza confini che si trovavano a conoscere: da allora e fino ad oggi, attingendo alla Pop-Art americana come alla poetica dell’oggetto, dalla bad painting all’astrazione o alla figurazione.
I ragazzi esplorano tecniche e finalità sempre mutevoli e inusuali in una sorta di ricerca senza fine che continua a mantenere il Premio Zucchelli una realtà viva e un’occasione irripetibile, una sorta di controprova tangibile e riconoscibile della qualità dell’insegnamento dei maestri, oppure, la ricerca di quella libertà che da sempre ha segnato la vita degli artisti, dei premi e dei premiati.

Il criterio di esposizione è cronologico e la mostra è corredata da un catalogo on-line, nel quale, oltre all’immagine di un’opera scelta dall’autore stesso (che può anche non coincidere con l’immagine dell’opera premiata allora), compare una breve biografia e una fotografia dell’artista, insieme a un ricordo biografico legato al momento della vincita del Premio.
Le testimonianze che i partecipanti ci hanno dedicato sono una delle particolarità più toccanti della poco più che cinquantennale storia del Premio: stupore, necessità, incredulità.
E’ la presenza costante di un’umanità pulsante e viva ciò che rende questa mostra, a modo suo, unica. In ogni opera sembra ancora poter sentire l’emozione di un attesa che poteva cambiare la vita, decidere un destino, creare un artista, rafforzarlo, convincerlo.


Durante Art City 2017 la Fondazione organizzerà una serata speciale nel giardino Zu.Art, intitolata "Una storia di artisti, di giovani, di cantanti...", con l'intervento musicale di alcuni dei premiati Zucchelli del Conservatorio G. B. Martini di Bologna e la presentazione del catalogo della mostra In-segnAti da Bologna, che sarà stampato per l'occasione in diverse copie.

Orario di apertura della mostra:
Zu.Art giardino delle arti | Vicolo Malgrado 3/2
Dal lunedì al venerdì | 11:30 - 17:30
Chiuso sabato, domenica e dal 24.12.2016 al 3.1.2017

Apertura speciale durante Art City 2017

Qui aggiungiamo l’elenco dei nomi di tutti gli artisti in mostra

Acconcia Lino
Altermatt Benjiamin Zordan
Andreoletti Tea
Armstrong Philippa
Aprile Federico
Avallone Marzia
Baha Esmeraldo
Baldazzi Maria Assunta
Baraldi Andrea
Baroncini Barbara
Barusi Angela
Biasetti Ivano
Blanco Giovanni
Bonini Nedda
Bottarelli Maurizio
Bulzatti Aurelio
Burnelli Giorgio
Busia Danilo
Caboni Fabrizio
Cafarella Vittoria
Cantarelli Elisa
Cantelli Patrizia
Casula Giulia
Casanova Alessandro
Da Fonseca Gabriel
Degli Angeli Daniele
De Nigris Elisa
Denti Luisa
Di Martino Giuseppe Anthony
Di Noia Nicola
Fabris Giuseppe
Galgano Aldo
Gamberini Marilena
Geronazzo Francesco
Ghisellini Christian
Guidi Gianni
Isailovic Vladimir
La Motta Alessandro
Laffi Mannes
Lamberti Gabriele
Lasagni Valentina
Ledda Fabiola
Lolli Luca
Malaguti Annalisa
Manelli Enrico
Mantovani Gianni
Martinelli Mario
Marzocchi Filippo
Mastronardi Carlo
Mazza Dante
Mazza Gianfranco
Migliazza Paolo
Montanari Antonio
Montanari Maurizio
Monteduro Leone
Moro Simonetta
Mulazzani Enrico
Nardi Adriano
Negri Carla
Neri Marco
Parenti Andrea
Pastore Pietro
Perghem Fabrizio
Piccinini Serena
Piergallini Rossella
Prendin Irene
Prossliner Anuschka
Rivalta Davide
Saba Davide
Sharifpour Amir
Shafti Sima
Sissi
Talamonti Valeria
Tamarri Giovanni
Vanni Riccardo
Viappiani Elena
Visani Anna
Zambaldi Nazario
Zamboni Alberto
Zannini Gloria