In assenza di noi

Vicenza - 21/05/2015 : 18/06/2015

A2 Gallery raccoglie il testimone di AndreA Arte ContemporaneA, che per dieci anni ha rappresentato un solido e qualificato punto di riferimento per l’Arte a Vicenza e apre con una mostra che punta lo sguardo sul paesaggio nelle opere selezionate dalla collezione della Galleria.

Informazioni

Comunicato stampa


A2 Gallery raccoglie il testimone di AndreA Arte ContemporaneA, che per dieci anni ha rappresentato un solido e qualificato punto di riferimento per l’Arte a Vicenza e apre con una mostra che punta lo sguardo sul paesaggio nelle opere selezionate dalla collezione della Galleria.

"Non esiste occhio innocente. Quando si pone al lavoro, l'occhio è sempre antico, ossessionato dal proprio passato" (Ernst Gombrich)



Il paesaggio - in assenza dell’uomo - come ricerca dell'essenza delle cose, è uno dei temi che ha attraversato nel tempo l'arte contemporanea e nell'esperienza artistica è inevitabilmente, sempre e comunque, filtrato dall'occhio, secondo interpretazioni e posizioni diverse.
La differente chiave interpretativa è evidente nelle poetiche e nelle opere degli artisti esposti dove per Di Marco, Leonardo e Pasquali mezzo e poetica tendono alla sovrapposizione poiché l'occhio dell'artista guarda a ciò che è altro dall'uomo attraverso dei filtri. Dallo scatto fotografico, alla diapositiva, al vetrino cinematografico, essi utilizzano uno strumento di mediazione che istituisce un nuovo rapporto tra umano e non umano. Per Montesano e Capogrosso, invece, è ancora la pittura a poter essere essa stessa simulacro della realtà senza il ricorso a strumenti meccanici di passaggio.

Se nelle sue tele Andrea Di Marco filtra l’immagine attraverso la fotografia riuscendo a sublimarla e a ripresentarla nella sua essenza, consentendo così agli oggetti e ai paesaggi di restare per sempre liberati dalla loro estemporaneità, Paolo Leonardo utilizza invece direttamente immagini fotografiche di paesaggio per qualificarle emotivamente e portarle oltre l'istantaneità dello scatto. Attraverso la visione in rosso riqualifica emozionalmente il paesaggio con il colore e agisce sullo spazio, che vive in assenza di noi, entrando in empatia con esso.
In opposizione a una visione debitrice dalla tecnologia prêt a porter, Beatrice Pasquali non preleva e ricalca la realtà, ma la crea: i suoi manuali zoologici a sorpresa, sagome ritagliate, combinazioni a incastro, che rammentano gli adesivi staccabili dei bambini, rappresentano il suo immaginario sommerso, e creano un nuovo paesaggio popolato di oggetti, disiecta membra e animali, con l'obiettivo di porli sotto teca e conservarli ad eternum.

Nella pittura di Gianmarco Montesano emerge la convinzione che il primato della tecnologia abbia portato l'artista, sin dai tempi della Pop Art a farsi macchina, a non farsi promotore di ideologie e messaggi. In competizione con gli strumenti meccanici, però, per lui la pittura è lo strumento perfetto per raccontare questo passaggio epocale, fermando paesaggi e scene di vita come cartoline, testimoniando, (volontariamente e polemicamente) non giudicando.
Pietro Capogrosso affida unicamente all'occhio dell'artista il rapporto con il paesaggio e il reale e sviluppa del paesaggio mediterraneo una visione fortemente astratta, con un procedimento anoressico, tra apparizione e scomparsa. Ricercando l'ignoto, aprendo lo spirito all'essenza, Capogrosso non trasforma la visione personale - è vero infatti l'assunto di Gombrich - ma la rinnova. Spaesamento e sublimazione creano sulla tela un paesaggio che, pur non essendoci, comunque esiste nell'intimo.

Aperta fino al 18 giugno prossimo, la mostra In assenza di noi, tiene a battesimo la ridisegnata attività dello spazio A2. La galleria con il suo spazio di oltre 300 mq. espositivi intende rappresentare una realtà innovativa fluida, orientata ad attivare sinergie continue con il territorio in cui opera per proporre una fruizione attiva e dinamica dell’Arte Contemporanea, capace di far dialogare il centro storico di Vicenza e l’area industriale in cui la galleria trova sede.
A2 Gallery è sempre aperta su appuntamento.