Il Sospetto Cap. II – Talk

Palermo - 22/01/2019 : 22/01/2019

Il Museo Riso presenta il talk dal titolo “Il racconto del potere. Simboli, strategie, propaganda”: la riflessione intorno alla post-verità si declina in chiave storica e politica, in accordo con le suggestioni del progetto espositivo di Franzella.

Informazioni

Comunicato stampa

IL SOSPETTO
Visioni e narrazioni nell’era della post-verità
Un progetto di Sergio Alessandro e Helga Marsala
Prodotto dal Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana

Capitolo II

22 gennaio 2019

ore 17
MUSEO RISO
Via Vittorio Emanuele 365, Palermo

Il racconto del potere

Simboli, strategie, propaganda
talk
Introduce:
Valeria Li Vigni
Direttrice Polo Museale Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Palermo

Intervengono:
Sergio Alessandro
Dirigente Generale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana
Helga Marsala
Curatrice
Pasquale Hamel
Storico e saggista
Guido Vitiello
Ricercatore (Sapienza, Università di Roma) e giornalista
Dino Amenduni
Socio Proforma e comunicatore politico
Daniele Franzella
artista

Ore 19
TEMPIO MUNITO FORTEZZA MISTICA – CASA DEL MUTILATO
via Alessandro Scarlatti 12, Palermo

Visita alla mostra di
Daniele Franzella
“ANABASI”




Inaugurata il 6 dicembre 2018, la personale di Daniele Franzella, “Anabasi”, ha introdotto il secondo capitolo del ciclo “IL SOSPETTO”, prodotto dal Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e dedicato al tema della post-verità, dell’informazione distorta, delle narrazioni contemporanee e del loro rapporto con il piano della verità e della finzione, della realtà e della sua smaterializzazione.
Un ambito di ricerca complesso, qui mediato dallo sguardo degli artisti contemporanei e dalle riflessioni di esperti nel campo della cultura e dei beni culturali, del giornalismo e della comunicazione, della filosofia, della sociologia e delle nuove tecnologie.
Dopo l’opening della mostra (in corso fino al 15 febbraio 2019) presso la Casa del Mutilato – Tempio Munito Fortezza Mistica, sede monumentale dell’ANMIG (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra), tra le più affascinanti architetture razionaliste di Palermo, il 22 gennaio il Museo Riso presenta il talk dal titolo “Il racconto del potere. Simboli, strategie, propaganda”: la riflessione intorno alla post-verità si declina in chiave storica e politica, in accordo con le suggestioni del progetto espositivo di Franzella – in cui tre grandi installazioni e delle video animazioni elaborano riferimenti alla memoria, ai simboli e alle strategie linguistiche del potere, alle mutilazioni e alla retorica bellica - e con la natura dello spazio espositivo, inaugurato nel 1939 e intitolato ai caduti della Prima Guerra Mondiale.
L’incontro è occasione per discutere intorno alle significative e controverse innovazioni comunicative d’epoca fascista, in fatto di propaganda e di linguaggio politico, giungendo fino allo scenario attuale, in cui il piano della politica e quello della comunicazione si fondono, mentre la soglia tra ciò che è vero, falso e verosimile continua a ridursi e complicarsi.

Ospiti, insieme a Daniele Franzella, sono Pasquale Hamel, storico e saggista; Guido Vitiello, saggista, ricercatore presso il dipartimento Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza di Roma, collaboratore del Foglio e di Internazionale; Dino Amenduni, comunicatore politico, socio di Proforma, agenzia che ha confezionato importanti campagne nazionali e locali per conto di partiti e candidati.
Introduce Valeria Li Vigni, Direttrice del Polo Museale Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo; aprono il dibattito Sergio Alessandro, Dirigente Generale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, ed Helga Marsala, critica d’arte e giornalista culturale, che de IL SOSPETTO cura i vari capitoli presso diverse sedi istituzionali di Palermo. Al termine del ciclo è prevista una pubblicazione, che raccoglierà i testi degli studiosi e degli esperti coinvolti, insieme alle immagini delle mostre.

Il secondo capitolo de IL SOSPETTO è realizzato dal Polo Museale Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo