Il Segno e la Parola

Pistoia - 18/01/2013 : 22/01/2013

Iniziativa di poesia e arte "Il Segno e la Parola: Nonviolenza e Pace tra Novecento e Contemporaneità".

Informazioni

  • Luogo: FONDAZIONE MARINO MARINI
  • Indirizzo: Corso Silvano Fedi 30 - Pistoia - Toscana
  • Quando: dal 18/01/2013 - al 22/01/2013
  • Vernissage: 18/01/2013 ore 11
  • Generi: serata – evento

Comunicato stampa

Arte e Poesia: la via alla nonviolenza per la Pace Universale

Programma ricco d’iniziative dedicate alla nonviolenza e alla Pace quello realizzato dall’Arciconfraternita della Misericordia, il Centro Culturale “Il Tempio”, l’Istituto Storico per la Resistenza e l’Età Contemporanea e la Cassa di Risparmio di Pistoia e Lucchesia, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Pistoia, che si svolgerà dal 18 al 22 gennaio 2013 presso il Museo Marino Marini di Pistoia

Venerdì 18 gennaio, ore 11.00, presentazione da parte delle autorità del libro di poesia e arte “Il Segno e la Parola: Nonviolenza e Pace tra Novecento e Contemporaneità”, con l’intervento su arte e letteratura e la memoria storica dei due storici Ugo Barlozetti e Roberto Barontini. Letture di Valeria Catignani di testi poetici tratti da “Il Segno e la Parola”, e donazione del libro agli studenti degli istituti superiori pistoiesi che aderiscono ai Viaggi della Memoria a Auschwitz. Nel pomeriggio alle ore 15.30 inaugurazione della mostra dei disegni della serie “Fosse comuni” dell’artista Flavio Bartolozzi, interverrà lo storico dell’arte Ugo Barlozzetti. Infine nel pomeriggio di sabato 19 gennaio alle ore 15.30 proiezione del video d’arte e poesia di Stefano Biagioli e Madhavi Partini “Flavio Bartolozzi-Lawrence Ferlinghetti: un’immagine del mondo tra engagement nonviolento e lirismo puro”, che prende spunto da una ricerca del filosofo R.W Mutt. Interverrà lo storico Roberto Agnoletti. Un’occasione per riflettere su poesia e arte quali vere e proprie forme etiche di “Resistenza” alla paralisi spirituale e all’ottundimento repressivo cui è sottoposto l’uomo nella nostra era ipertecnologica, opponendo alla violenza la via alla nonviolenza quale strumento ideale e attivo di liberazione individuale e collettiva in preparazione alla Pace Universale.
R.W.Mutt