Il regime dell’arte

Cremona - 19/09/2018 : 19/10/2018

La mostra, mai allestita prima, ripercorrerà l’interessante vicenda storica del Premio Cremona, il concorso pittorico voluto da Roberto Farinacci nel 1939 con l’intento di sostenere l’idea dell’arte come celebrazione dei valori e delle imprese del fascismo, a sostegno delle esigenze di propaganda ideologica del regime.

Informazioni

Comunicato stampa

Mercoledì 19 settembre 2018, presso il Museo Civico Ala Ponzone di Cremona, sarà presentata la mostra “Il regime dell’arte”: un interessante percorso espositivo a cura di Vittorio Sgarbi e Rodolfo Bona.

La mostra, mai allestita prima, ripercorrerà l’interessante vicenda storica del Premio Cremona, il concorso pittorico voluto da Roberto Farinacci nel 1939 con l’intento di sostenere l’idea dell’arte come celebrazione dei valori e delle imprese del fascismo, a sostegno delle esigenze di propaganda ideologica del regime

La mostra ospiterà una selezione di opere presentate durante le tre edizioni del premio (1939-1941) grazie alle quali si potranno affrontare le ragioni della politica artistica di Farinacci e gli esiti figurativi della rassegna. Un percorso utile a comprendere la trasformazione del linguaggio figurativo tra tradizione naturalistica, eredità delle avanguardie e metamorfosi del Novecento. Per la prima volta saranno quindi radunate le opere dei numerosi autori che vi parteciparono tra cui Mario Biazzi, Giuseppe Moroni, Biagio Mercadante, Gian Giacomo Dal Forno, Remigio Schmitzer, Piero Gaudenzi, Donato Frisia, Luciano Ricchetti, Evaristo Zambelli, Mario Beltrami. Il visitatore potrà così apprezzare le principali linee di tendenza artistica che confluirono nella manifestazione cremonese, e la “funzione sociale” che il fascismo intendeva assegnare all’artista. Un progetto di Contemplazioni promosso dal Comune di Cremona.