Guido van der Werve – Nummer zeventien

Roma - 28/11/2015 : 23/01/2016

A sei anni di distanza dall'ultima mostra a Monitor, l'artista olandese Guido van der Werve porta negli spazi della galleria una nuova opera, un video doppio canale che lo vede impegnato in un'azione performativa della durata di 10 ore.

Informazioni

  • Luogo: MONITOR
  • Indirizzo: Via Sforza Cesarini 43a-44 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 28/11/2015 - al 23/01/2016
  • Vernissage: 28/11/2015 ore 11
  • Autori: Guido van der Werve
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Tuesday – Saturday 1 – 7 pm

Comunicato stampa

A sei anni di distanza dall'ultima mostra a Monitor, l'artista olandese Guido van der Werve porta negli spazi della galleria una nuova opera, un video doppio canale che lo vede impegnato in un'azione performativa della durata di 10 ore.
Lo sforzo fisico e l'attività sportiva sono ancora al centro del lavoro intitolato Nummer zeventien,
 killing time
 - attempt one: from the deepest ocean to the highest mountain

Il linguaggio artistico di Werve, continua a viaggiare in paralleo con l'intensificazione della sua attività sportiva, che dal 2007 ha anche intrapreso l'attività agonistica di maratoneta prendendo parte a numerose competizioni internazionali
Questa volta l'obiettivo di Werve è emulare due imprese sportive estreme, quali la conquista della vetta del Monte Everest (m 8848) e la discesa nei fondali più profondi dell'Oceano (11040), imprese che fa entrare in contrasto evidente e ironico con i luoghi domestici appositamente scelti come ambienti di ripresa.
In questo senso Nummer Zevienten può essere legato ai lavori precedenti Nummer dertien, emotional poverty, 2011 – in particolar modo del lavoro intitolato You’re always only half a day away – che lo vedeva intento in azioni ripetitive defaticanti della durata di molte ore.
In questo caso l'obiettivo della performance sportiva è di natura più marcatamente psicologica, come se l'artista ci volesse parlare anche del raggiungimento di una maggiore stabilità ed equilibrio interiore, rispetto ai contrastanti sentimenti più evidenti nei lavori precedenti.
Se nel lungo metraggio Nummer Vertien, Home (2012), la 'casa' era un sottotitolo che rimandava all'intenzione di realizzare un lavoro più maturo e saldo e con una forte referenza autobiografica, questa volta la casa diviene lo spazio fisico dell'azione, nel quale viene racchiuso anche il lasso temporale dell'impresa.
La conquista della vetta dell'Everset, da sempre visto come il tentativo metaforico di ogni individuo di raggiungere 'la vetta più alta' nel corso della propria esistenza, viene riproposta dall'artista in maniera 'assoluta', scevra dall intenso lavoro di preparazione atletica, ma lasciando spazio e tempo alla dimensione mentale del'azione.
Un atto di resistenza che viene traslato nella quotidianità, senza bisogno di mostrarne gli aspetti più forti e spettacolari, ma comunque capace di porre lo spettatore di fronte alle sensazione del compiersi di una impresa degna di nota.
In occasione dell'apertura della mostra la galleria sarà aperta al pubblico per 10 ore consecutive.
Fino al 23 gennaio 2016

La mostra è stata realizzata con il supporto del Netherlands Mondriaan Fund

Guido van der Werve
1977 Papendrecht, The Netherlands
Solo exhibitions (selection) 2016 Guido van der Werve: Frist center, Nashville, USA (upcoming); 2015 Nummer Zeventien, Monitor, Rome 2014 Guido van der Werve: Nummer Acht, everything is going to be alright, Utah Museum of Contemporary Art, Salt Lake City, USA; Guido van der Werve: Nummer veertien, home, University of Michigan Museum of Art, Michigan, USA; Guido van der Werve: Nummer Veertien, home, Art Basel, Parcours section, Basel, Switzerland Guido van der Werve: Nummer Veertien, home, Joan Levine Freedman ’57 and Richard I. Freedman gallery, USA Véritables Preludes Flasques (Pour un chien) 2/4: Guido van der Werve, Maison Populaire, Montreuil, France2013 Guido van der Werve, Secession, Wien Directing Art as a Music, Basilica di Santa Maria Maggiore, Bergamo; Nummer Veertien, home, Stedelijk Museum, Amsterdam, NL; 2012 Nummer Veertien, home, Fondazione Giuliani, Rome, Nummer Veertien, home, Stedelijk Museum Amsterdam, NL; Nummer Veertien, home, Luhring Augustine, New York, USA; Emotional Poverty, Kunstlerhaus Bethanien, Berlin, DE; 2011 Emotional Poverty, Galerie Juliette Jongma, Amsterdam, NL; Pro Arte Festival, Solo during festival Nummer acht shown. The Krassin museumship, St. Petersburg, Russia, Object Subjects, Screening One night exhibition with Nummer acht, Silverman Gallery, San Francisco, USA; Nummer 11 Performance, Live performance of the music in nr. 12 with the chess-piano, Galeri,; 2010 Nummer Twaalf, Luhring Augustine, New York, USA; Planned Guido van der Werve, Contemporary Art Museum of St. Louis, USA; Guido van der Werve, Gallery Juliette Jongma Amsterdam, NL; Guido van der Werve, Institute Neerlandais, Paris, FR; Minor Pieces, DHC foundation for Contempary Art, USA Minor Pieces, Marc Foxx Gallery Los Angeles, USA; Minor Pieces, Gallery Monitor, Rome, IT 2008 Nummer Twee, La Maison Rouge, la Vestibule, Paris, FR; Everything is going to be alright, Hayward Gallery London, UK; Nummer Acht, shown on the MTV television screen on time square for a month by creative; time, NY, USA; On parity of days, Kunsthalle Basel, CH 2007 Nummer Acht, De Hallen, Haarlem, NL
Group exhibitions (selection): 2015 City Limit. The Journal Gallery, New York, USA
Fairy Tales, Taipei Museum of Contemporary Art, Taiwan Trial, Error, Art, the Holden Gallery, Manchester, UK Eppur si muove – Mudam – Musée d’Art Moderne Grand-Duc Jean, Luxemburg
White noise, Kunsthaus Glarus, CH Doma Art Festival, Sofia, BG Collective Collection, exposition autour de la collection de Laurent Fievet, VOLET III, BBB dentre d’art, Toulouse, FR
Rolling snowball, organized by the Chinese European Art Center, in the town of Djùpivogur, IS Obsession, Maison Particulière asbl, Brussels, BE Landscape in motion – Cinematic Visions on an uncertain Tomorrow, Kunsthaus Graz, AUT; Istanbul Biennal, Istanbul, TR Moscow Medium Forum, Manege, Moscow, RU Dancing Light, let it move you, Huis Marseille, Amsterdam, NL Sebald Variations, CCCB, Barcelona, ESP Nordic Fact, Bang Centre, Montreal, CA 2014 Kochi-Muziris Biennale, Kochi, IND Days of endless Time, The Hirshhorn Museum, Washington, USA Ce Que Raconte la Solitude, La Frice Belle de Mai, Marseille, FR Dancing Light / Let it Move you, Huis Marseille, Amsterdam, NL Fair Play – arte, video, sport, curated by Cristiana Perrella and Paola Ugolini, MAXXI, Rome, IT NOLI ME TANGERE, L’arte in movimento e la malattia dei sentimenti di Michelangelo Antonioni, curated by Eva Comuzzi and Andrea Bruciati, Sala Nervi – Biblioteca Civica Archivio Regionale di Videoarte, Verona, IT Ha visto i colori divini del Lago di Costanza?, Spazio Thetis, Venice, IT Art or Sound, Fondazione Prada, Venice, IT
Room by Room: Monographic presentations from the Falcouner and Rachofsky collections, The Warehouse, Dallas, USA; Oh My god, Museum Hilversum, Hilversum, NL; Reflections on (Life and) Death, MoCA Cleveland | Museum of Contemporary Art, Cleveland, US 2013 Ghost in the System - Scenarios for Resistance, NCCA, Moscow, Russia Art-Athina 2013, Taekwondo Stadium, Palaio Faliro, Athens, Greece; 2012 Paesaggi complicati, Palazzo Incontro, Rome, Italy; La la la Human Steps, Istanbul Modern, Istanbul, Turkey; The walking pigeon, Foam, Amsterdam, Netherlands; Cantemus– Choirs, The Sublime and the Exegesisof Being, Center for Art and Media, Brussels, Belgium; K lang und Stille – Sammlung Goetz in Haus der Kunst, Haus der Kunst, Munich, Germany; Global Navigators, Distinctivly Dutch festival, Pittsburgh, US; 2011 Winged Shadows: Life among birds, North Dakota Museum of Art, USA; IKJIJWIJ, Rabo Kunstcollectie, Kunstzone, Utrecht, NL; Performa 11, New visual Art Performance Biennial, New York City, USA; Nummer Vier shown in Moscow Biennale, Moscow, Russia; That’s me. Groupshow, Schloss Ringenberg, Hamminkeln, Germany; Summer in the middle of Winter, groupshow, Kunsthalle Athens, Greece; 3e biënnale ‘Moving Images, inspired videoart, Grote of Lebuinuskerk in Deventer (NL); Pinchuck Future Generation Art Prize @ Venice, Palazzo Papadopoli, San Polo, 1364 Venezia; GUIDO VAN DER WERV; Prix de Rome 2011 Visual Arts Nominees exhibition, SMART Project Space, Amsterdam (NL).