Guido D’Apuzzo – Mass Production

Napoli - 25/01/2012 : 25/02/2012

Per questa prima personale il giovane fotografo Guido D’Apuzzo ha concepito per la galleria Akneos un progetto di istallazione interattiva che prevede l’utilizzo di primitive fotocamere da lui costruite con le quali sarà possibile generare un autoritratto.

Informazioni

Comunicato stampa

Per questa prima personale il giovane fotografo Guido D’Apuzzo ha concepito per
la galleria Akneos un progetto di istallazione interattiva che prevede
l’utilizzo di primitive fotocamere da lui costruite con le quali sarà possibile
generare un autoritratto



La inusuale tecnica di ripresa e stampa su carta unito ad un sapiente uso degli
strumenti tecnici ha come risultante una immagine tutt’altro che consueta, un
apposito software creerà un codice a barre in tempo reale identificativo del
soggetto, questo trasforma attraverso un processo di auto consapevolezza il
fruitore in prodotto/merce, la particolarità dei ritratti è dovuta non tanto
dalla postura classica, ma dal codice a barre, di fatto il titolo della
mostra “Mass Production” è proprio per sottolineare la produzione di massa di
ogni aspetto della nostra vita, l'uomo è sempre più identificabile attraverso
dei codici che lo rendono parte di una strumentazione organica risalente ai
codici di Babele. La particolarità del ritratto è dovuta all’evanescenza del
volto, che sottintende la difficoltà di poter riconoscere oggi una propria
identificazione fisiognomica.

In galleria ritratti di: Enzo Gragnaniello, Carlo Luglio; Giulio Baffi, Peppe
Barra, Fabio Donato, MarinaVergiani, Lello Esposito ,Lino Fiorito, Iabo, Tjuna
Notarbartolo, Angelo Volpe. .



Catalogo edito da AGRO-SERVICE per AKNEOS gallery