Gruppo Istrice – Resistenza ottomana

Roma - 24/02/2013 : 16/03/2013

Un'installazione site-specific in forma di articolata narrazione, con la quale si intendono documentare sia le ragioni teoriche, la poetica e le scelte linguistiche sia il fare progettuale fortemente motivato che lega quattro giovani artisti.

Informazioni

  • Luogo: STORIE CONTEMPORANEE
  • Indirizzo: Via Alessandro Poerio, 16/B 00152 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 24/02/2013 - al 16/03/2013
  • Vernissage: 24/02/2013 ore 14
  • Curatori: Emidio De Albentiis
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: dal Mart. al Ven.: h. 17.00/19.00 Lun. p.m. – Sab. a.m.: per appuntamento

Comunicato stampa

esti di Emidio De Albentiis, Anna Cochetti, Marco Tonelli

Il terzo appuntamento del Progetto STORIE CONTEMPORANEE, a cura di Anna Cochetti, ospita da Domenica 24 Febbraio 2013, alle ore 11.00, nello spazio Studio Ricerca e Documentazione di Via Poerio 16/B il più recente lavoro del Gruppo Istrice, un’installazione site-specific in forma di articolata e stratificata narrazione, con la quale si intendono documentare sia le ragioni teoriche, la poetica e le scelte linguistiche sia il fare progettuale fortemente motivato che lega quattro giovani artisti, formatisi all’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, Claudia Angrisani, Christine Carrié, Cecilia Corbucci e Michele Santi.

Resistenza ottomana, a cura di Emidio De Albentiis, allude, con un abile gioco di parole, da una parte ad una condizione di “diversità militante”, come Istrice ama definirla, rispetto al contesto generale del sistema dell’arte contemporaneo, in un richiamo all’Oriente come sottolineatura di una condizione, anche non passiva, come di stranieri ed emarginati; dall’altra ad una specificità tecnico-esecutiva dei lavori presentati in questa occasione. Resistenza ottomana (seconda presenza a Roma di Istrice nell’arco di pochi mesi) si configura infatti come un’opera a otto mani, costituita da oltre 200 disegni, formato 33.5 x 35 cm., a biro e matita su carta legno, realizzata attraverso procedure operative tanto fortemente strutturate quanto liberissime di “continuazione segnica”, in una sorta di “casualità guidata”, che consente al giovane Gruppo Istrice di segnare un significativo passaggio nel percorso di ricerca, approdando ad un esito di vera e propria fusione stilistica, a partire da un’esperienza pittorica contraddistinta inizialmente da scelte personali fortemente connotate e riconoscibili. L’esito ricercato ed insistito, fino alla meraviglia dell’osservatore, nasce dall’impianto fondamentale dell’impaginazione dei lavori nello spazio, come se ci si trovasse immersi in una vera e propria stanza “maiolicata” orientaleggiante: a ribadire l’alterità dei giovani artisti, quasi Turchi, rispetto al contesto generale, dichiarata da Istrice.

A chiusura dell’impaginazione, l’installazione site-specific si rispecchia nel LIBRO/CATALOGO Resistenza ottomana, con testi di Emidio De Albentiis, Anna Cochetti, Marco Tonelli e Istrice, elaborazione attraverso parole e immagini del tema RESISTENZA come sopravvivenza, opposizione e reiterazione dell’esistenza.

Il Gruppo ISTRICE è stato fondato nell’Ottobre 2011 da Claudia Angrisani (Termoli,1985), Christine Carrié (Antibes,1986), Cecilia Corbucci (Umbertide,1984) e Michele Santi (Spoleto,1984), formatisi all’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, sotto la guida di Sauro Cardinali. Oltre alle partecipazioni individuali, si segnalano le esposizioni del Gruppo: 1+1=3. La felice incapacità di saper contare, Spoleto, 2011; Giornata del contemporaneo, Spoleto, 2011; Epifanie patrie, Spoleto, 2011; Self-portraits, Spoleto, 2012; Aperitivi d’Arte, a cura di Umberto Scrocca e Achille Bonito Oliva, intervento a cura di Laura Lionetti, Roma, 2012.