Gonkar Gyatso – Transcendental

Milano - 17/09/2015 : 17/10/2015

Questa è la prima grande mostra di Gyatso in Italia dal suo inserimento nel "Making Worlds” alla 53° Biennale di Venezia nel 2009.

Informazioni

Comunicato stampa

Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea è lieta di presentare il nuovo corpus di opere dell'artista newyorkese Gonkar Gyatso. Questa è la prima grande mostra di Gyatso in Italia dal suo inserimento nel "Making Worlds” alla 53° Biennale di Venezia nel 2009.
Dal titolo “Transcendental”, che significa oltre il pensiero o l'esperienza comune, questa ultima serie di opere esplora le radici tibetane dell’artista ed è ispirata dalla tradizione dei mandala e della pittura del rotolo Thangka, studiati nei suoi anni formativi a Dharamsala (India)


Nonostante la sua iniziale formazione in questa antica tecnica dal forte carattere sacrale, Gyatso focalizza la sua attenzione sulla qualità astratta dell’iconometria, ovvero sul sistema di misure e di proporzioni della griglia thangka, piuttosto che sull’intrinseco simbolismo buddista.
La mostra comprende anche una serie di opere su carta e sculture le quali, con la loro celebre miscela di iconografia pop e immagini buddiste, hanno permesso all’artista di raggiungere la notorietà nelle principali biennali d'arte internazionali ed istituzioni. Queste opere sono realizzate con una personale tecnica di collage che utilizza adesivi per bambini raffiguranti supereroi, nonchè personaggi dei cartoni animati, in combinazione con le caratteristiche immagini del Buddha.
Questa intrigante giustapposizione di sacro e profano riflette il modo in cui le culture asiatiche sono state abbracciate dal consumismo globale. I suoi lavori più recenti possono essere interpretati in una duplice accezione dal carattere sia giocoso che politico, dove alla tradizione si intrecciano anche i rinomati loghi e marchi dei giganti di consumo e dei beni di lusso.
E’ risaputo che in Cina, luogo in cui lavora, è fatto divieto di mostrare qualsiasi immagine politicamente sensibile. Avviene così che le sue manifeste dichiarazioni sono spesso accuratamente mimetizzate al fine di deviare ogni lettura politicizzata dell’opera.

Gonkar Gyatso was born in Lhasa, Tibet in 1961 and currently lives and works between New York, London and Beijing. He has lived away from his home for most of his life, migrating to Beijing in 1980, Dharamsala(India) in 1992, London in 1996, and then to New York in 2009. He studied Chinese Brush Painting in Beijing and Thangka (traditional Tibetan scroll painting) in Dharamsala. He studied Fine Art at St. Martin’s College and was the recipient of the prestigious Leverhelm Fellowship as artist in residence at Pitt Rivers Museum Oxford in 2003. Gyatso’s work is held in numerous public and private collections and he has exhibited widely internationally, including the Metropolitan Museum of Art, New York, the Boston Museum of Fine Arts, the National Art Museum of China, Beijing. He participated in the 53rd Venice Biennial in 2009 and the 17th Sydney Biennale in 2010. A major retrospective of Gyatso’s work entitled ‘Three Realms’ was held at the University of Queensland Art Museum, for the 6th Asia Pacific Triennial Brisbane in 2012.