Glasstress 2015 Gotika

Venezia - 08/05/2015 : 22/11/2015

Un centinaio d’opere d’arte medioevale in vetro e altri oggetti d’epoca, appartenenti alle straordinarie collezioni dell’Ermitage e ai Musei Riserva Statale di Pavlovsk e di Peterhoff, in dialogo con le creazioni d’arte contemporanea in vetro di 50 artisti, provenienti da oltre 20 nazioni.

Informazioni

Comunicato stampa

L’essenza di GLASSTRESS, dal 2009 evento collaterale della Biennale di Venezia, è far dialogare l’arte contemporanea con il vetro
- materiale magico, straordinariamente versatile e tra i più innovativi -
grazie al coinvolgimento d’importanti artisti internazionali in una città che nel vetro vanta una tradizione millenaria.

Quest’anno, GLASSTRESS propone un tema affascinante come il Gotico, le sue connessioni e i suoi riflessi nella società attuale e nell’arte contemporanea,
in un’edizione ancora più ambiziosa e importante



GLASSTRESS 2015 Gotika è un progetto condiviso infatti tra il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo, la Fondazione Berengo e Berengo Studio di Venezia,
con la collaborazione della Fondazione Musei Civici di Venezia e di Ermitage Italia,
ideato da Dimitri Ozerkov Direttore del Dipartimento d’Arte Contemporanea del Museo Statale Ermitage e di Hermitage 20/21 - Progetto per l’Arte Contemporanea - e da Adriano Berengo.

Un centinaio d’opere d’arte medioevale in vetro e altri oggetti gotici e neo-gotici, appartenenti alle straordinarie collezioni dell’Ermitage e ai Musei Riserva Statale di Pavlovsk e di Peterhoff,
in gran parte mai presentati al pubblico - ostensori, reliquari, croci in vetro, armature – saranno dunque esposti a Venezia nel “gotico” Palazzo Franchetti affacciato sul Canal Grande,
in dialogo con le creazioni di 50 artisti provenienti da oltre 20 nazioni, ideate per l’occasione e realizzate dai maestri vetrai nella fornace Berengo di Murano.

Lo stile gotico, nell’arte visiva europea e nell'architettura, è stato il primo vero stile internazionale, il primo linguaggio comune;
un modus vivendi che ha accomunato molte nazioni per almeno quattro secoli.
Allo stesso modo l'arte contemporanea è diventata lo stile internazionale, la "Biblia pauperum" compresa oggi dall'Europa all'America, dal Nord Africa al Giappone.

Agli artisti, invitati da tutto il mondo, è stato dunque chiesto di rispondere nelle loro opere ai concetti propri del Gotico e del neo-gotico
e alle condizioni “medievali“ della nostra vita. Simbologie, elementi rappresentativi, gusto e ideali rievocati in stupefacenti creazioni
che affrontano anche le similitudini tra un Medioevo incerto e buio, fondato sulle macerie dei grandi imperi, e il nostro tempo.

Per molti di loro è stato il primo incontro con il vetro.
Hanno aderito a GLASSTRESS 2015 Gotika:
Adel Abidin, Alicja Kwade, Aslan Gaisumov, Ayman Baalbaki, Bart Dorsa, Benoit Sokal (Syberia Saga), Bernar Venet, Diana Al-Hadid,
Elmar Trenkwalder, Erdag Aksel, Ernst Billgren,
Erwin Wurm, Hans Op de Beeck, Hila Amram, Ilya & Emilia Kabakov, Ivan Plusch, Iyvone Khoo, Jake & Dinos Chapman, Jaume
Plensa, Joana Vasconcelos, Johan Creten, Kaneuji Teppei, Kate MccGwire, Koen Vanmechelen,
Kris Lemsalu, Leonardo Cimolin, Liu Jianhua, Lucy Orta, Maria Grazia Rosin, Mariyo Yagi, Mat Collishaw, Michael Joo, Mimmo Paladino,
Olafur Eliasson, Olga Treivas, Oliver Clegg, Pascale Marthine Tayou,
Penny Byrne, Petah Coyne, Qiu Zhijie, Recycle Group, Song Dong, Studio Drift, Tanatos Banionis, Thomas Lerooy, Tomáš Libertíny, Tony Cragg, Wael Shawky, Wim Delvoye,
Yaşam Şaşmazer, Yin Xiuzhen, Yuichi Higashionna, Zhang Huan.

La mostra, che a Palazzo Franchetti s’inserisce perfettamente negli ambienti dell’edificio con le sue finestre e le scale neo-gotiche,
prosegue anche nell’antica fornace di Murano sede della Fondazione Berengo, con lavori pensati appositamente per questo affascinante contesto.

Sempre a Palazzo Franchetti GLASSTRESS presenterà anche “Life Bank”, un progetto site-specific dell’artista belga Koen Vanmechelen che, in collaborazione con Slow Food,
trasforma l’antica Banca di Venezia, ospitata al piano superiore del Palazzo, in un “giardino gotico”, mediante un’installazione realizzata con antichi semi di cereali, piante ed erbari.
Un progetto assolutamente speciale per originalità, interattività e multisensorialità che celebra i valori della bio-diversità e che vede coinvolti anche lo chef Pietro Leemann, ambasciatore Expo 2015,
primo esponente dell’alta cucina vegetariana in Europa con una stella Michelin (ristorante Joia, Milano)e la fattoria biosociale Il Rosmarino di Marcon (Ve) .

___________

DIDASCALIE IMMAGINI

1.
Recycle Group
Steam I- 2015
Photo Recycle Group

2.
Wael Shawky_
The Cabaret Crusades, The Secrets of Karbala_
Credits Francesco Allegretto.

3.
Reliquario a forma di torre,
Germania (?) XIV-XV secolo - h. 24 cm
Bronzo, vetro, lamina d’oro
San Pietroburgo, Museo Statale Ermitage
Photo Rustam Zagidullin

__________

GLASSTRESS 2015 GOTIKA

Curata da
Dimitri Ozerkov and Adriano Berengo

Organizzata da
The State Hermitage Museum
Berengo Studio and Fondazione Berengo

with the collaboration of
Villaggio Globale International

Direttore Generale del Museo Statale Ermitage
Prof. Dr. Mikhail Piotrovsky

Presidente di Berengo Studio e di Fondazione Berengo
Adriano Berengo

In collaborazione con
Fondazione Musei Civici Veneziani (LOGO)
Ermitage Italia (LOGO)

Con il supporto di
Slow Food
Art Movie
Taigart Group
TinoEventi
Outset Contemporary Art Fund
Graham Seldon and Neil Williams
Paul Banks and Nick Perkins
Ms.Kassy Liberman
Tony and Helen Lewis
Sandy Benjamin Oam and Phillip Benjamin
Pomeroy Pacific P/L in Association with Dug & Lisa Pomeroy

Il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo, fondato nel 1764 da Caterina II è uno dei più antichi e grandi musei del mondo. Nel 2007, Hermitage 20 / 21
è stato creato per collezionare, esporre e studiare l’arte del XX e del XXI secolo. Il progetto 20 / 21 dell’Ermitage è il partner ufficiale di GLASSTRESS GOTIKA 2015.
Berengo Studio è stato fondato nel 1989 e si è dedicato a portare artisti visivi di tutto il mondo a Venezia per collaborare con i famosi maestri vetrai di Murano e creare arte
in vetro. Questa innovativa iniziativa culturale ha sposato le straordinariamente ricche e durature tradizioni veneziane della vetraria con l’arte contemporanea. Questa è la
quarta edizione di GLASSTRESS, evento ufficiale collaterale della Biennale Internazionale di Venezia dal 2009.

CURATORI

Dimitri Ozerkov
Direttore di Hermitage 20 / 21 Progetto per l’Arte Contemporanea e del Dipartimento di Arte Contemporanea dello State Hermitage Museum
Esperienza professionale:
2005-2007 Docente all’Università Europea di San Pietroburgo.
1998-2007 Capo curatore delle stampe francesi del XV-XVIII secolo al Museo dell’Hermitage.
Formazione:
2003 PhD magna cum laude in filosofia all’Università di Stato di San Pietroburgo
1998 BA con lode in Storia dell’Arte all’Università di Stato di San Pietrourgo.

Adriano Berengo
Presidente di Fondazione Berengo e Berengo Studio
Fondatore di GLASSTRESS
Formazione:
1976 Master in Letteratura Comparata all’Università dello Stato di New York Stoney Brook.
Oltre a curare GLASSTRESS nelle edizioni del 2009, 2011 e 2013, tutti eventi collaterali alla Biennale d’Arte di Venezia, Adriano Berengo ha curato esposizioni a Stoccolma,
al Museum of Arts and Design di New York, al Beirut Exhibition Center di Beirut, Merano / Murano-Merano e a Riga in Lettonia. Inoltre ha presentato alcune
mostre al World Economic Forum di Davos in Svizzera. Nel 2013 ha co-curato l’edizione di GLASSTRESS per il London College of Fashion e la Wallace Collection
1974 Laurea in Lingue e Letterature straniere all’Università Ca’ Foscari di Venezia.