Giuseppe Stampone – Saluti da Castel Romano

Roma - 15/05/2014 : 15/05/2014

Verrà presentato presso il Campo Rom di Castel Romano a Roma il lavoro dell’artista Giuseppe Stampone “Saluti da Castel Romano”, a conclusione del progetto ideato da qwatz in collaborazione con il Centro di Prima Accoglienza di Roma e curato da Benedetta di Loreto.

Informazioni

Comunicato stampa

Giovedì 15 maggio 2014 dalle ore 12.00 alle ore 14.00 verrà presentato presso il Campo Rom di Castel Romano a Roma il lavoro dell’artista Giuseppe Stampone “Saluti da Castel Romano”, a conclusione del progetto ideato da qwatz in collaborazione con il Centro di Prima Accoglienza di Roma e curato da Benedetta di Loreto



“Saluti da Castel Romano” è il nome che l’artista ha scelto per questa iniziativa, che prosegue la serie di suoi lavori “Saluti dall’Aquila” e “Greetings from New Orleans”: cartoline realizzate sui luoghi in cui sono avvenuti disastri naturali, come appunto l’Aquila e New Orleans, per evidenziare l’enorme distanza tra le promesse di intervento, quasi mai mantenute, e la realtà. Questa volta le cartoline non sono destinate alle istituzioni ma al mondo dell’arte e della cultura: Stampone, dopo aver preso coscienza del difficile ruolo che l’arte ha nell’ambito del progetto, vuole testarne l’efficacia reale e chiama in soccorso il proprio network internazionale di artisti, critici, curatori e intellettuali, per chiedere un aiuto a trovare una soluzione concreta e non solo teorica alla progettazione dell’opera. Per tanti anni, nell’ambito della sua ricerca chiamata global education, l’artista si è occupato di formazione su tematiche sociali urgenti. Oggi ammaina una voluta e provocatoria bandiera bianca per riflettere sul ruolo dell’arte e su una possibile teoria del fallimento.

Il progetto è promosso dal Centro per la Giustizia Minorile del Lazio, in continuità con il percorso progettuale “Fuori campo”, che ormai da alcuni anni vede gli operatori del Centro di Prima Accoglienza di Roma impegnati nel seguire le minori rom residenti nel campo, sottoposte a misure penali. Lo scopo è quello di continuare il dialogo con i Rom attraverso la condivisione di presupposti culturali e nasce da un’idea di qwatz, residenza per artisti a Roma e piattaforma di ricerca e produzione legata all’arte contemporanea, che sviluppa progetti in dialogo con musei, gallerie, fondazioni, collezionisti, istituzioni, aziende.